Da­vid Ros­si Par­la la ve­do­va: «Mio­ma­ri­to è sta­to uc­ci­so, chi sa par­li» di Gio­van­ni Ter­zi

«QUEL­LA SE­RA DEL 6 MAR­ZO VO­LE­VA TOR­NA­RE A CA­SA, PER­CHÉ AVE VO­LA BRON­CHI­TE. NON SI SA­REB­BE MAI GET­TA­TO DAL­LA FI­NE­STRA. AMA­VA LA VI­TAE NON MI AVREB­BE MAI LA­SCIA­TO CO­SÌ », DI­CE­VA LEN­TI NATOGNAZZI. CHE CHIE­DE GIU­STI­ZIA PE­RI L SUO UO­MO

Oggi - - Contents - Di Gio­van­ni Ter­zi

So­no cer­ta che qual­cu­no sia a co­no­scen­za di ciò che è suc­ces­so a Da­vid. Chie­do che par­li, an­che in for­ma ano­ni­ma. Io non mi ar­ren­de­rò mai e vo­glio co­no­sce­re la ve­ri­tà, qual­sia­si es­sa sia». An­to­nel­la To­gnaz­zi è la ve­do­va di Da­vid Ros­si, il re­spon­sa­bi­le del­la co­mu­ni­ca­zio­ne dei Mon­te Pa­schi tro­va­to mor­to la se­ra del 6 mar­zo 2013. Ci ac­co­glie nel­la ca­sa al­le por­te di Sie­na che avreb­be do­vu­to es­se­re il co­ro­na­men­to di una sto­ria d’amo­re, quel­la con Da­vid, che du­ra­va da quin­di­ci an­ni. Ma in que­sta ca­sa Ros­si non ha mai vis­su­to, quel so­gno non si èmai rea­liz­za­to e An­to­nel­la è riu­sci­ta da so­la a ter­mi­nar­ne la ri­strut­tu­ra­zio­ne con mol­ti e im­por­tan­ti sacrifici. Ha un’an­da­tu­ra de­ci­sa, An­to­nel­la, che con­tra­sta col mo­do ele­gan­te e pa­ca­to di par­la­re. Il suo sguar­do in­ten­so si fa an­cor più coin­vol­gen­te quan­do, dall’ini­zio e nel cor­so di tut­ta la no­stra chiac­chie­ra­ta, gli oc­chi le di­ven­ta­no lu­ci­di per la commozione. Die­tro que­sta vi­cen­da pro­ces­sua­le, che an­cor og­gi con­ser­va mol­te alee d’in­cer­tez­za, esi­ste una sto­ria uma­na im­por­tan­te: un lun­ghis­si­mo e gran­de amo­re, ri­ti quo­ti­dia­ni, pro­get­ti. Tut­to bru­tal­men­te in­fran­to una pio­vo­sa not­te di mar­zo.

Si­gno­ra To­gnaz­zi, co­sa ri­cor­da di quel gior­no? «Da­vid era te­so, vo­le­va as­so­lu­ta­men­te par­la­re con i ma­gi­stra­ti che gli ave­va­no più vol­te per­qui­si­to ca­sa e uf­fi­cio. Non com­pren­de­va que­sto suo con­ti­nuo coin­vol­gi­men­to. Io non sta­vo be­ne, ave­vo una se­ria bron­chi­te, e ave­vo sen­ti­to Da­vid al­le 19 per chie­der­gli a che ora mi avreb­be rag­giun­to a ca­sa per far­mi l’inie­zio­ne. Mi ri­spo­se che da lì a mez­zo­ra sa­reb­be tor­na­to».

Com’era Dav id in quell’ul­ti­ma te­le­fo­na­ta? «De­si­de­ra­va tor­na­re a ca­sa per cu­rar­mi. È sem­pre sta­to un uo­mo pre­mu­ro­so e mi ave­va det­to che sa­reb­be r pas­sa­to pri­ma a pren­de­re del ci­bo c che la sua mam­ma ave­va pre­pa­ra­to. p Una U te­le­fo­na­ta nor­ma­le».

Per­ché suo ma­ri­to vo­le­va tan­to par­la­re con i ma­gi­stra­ti? Li ave­va con­tat­ta­ti per dir lo­ro che era di­spo­ni­bi­le a un incontro? «Da­vid era stu­pi­to dal fat­to che aves­se­ro­mes­so gli oc­chi su di lui, e ave­va an­ti­ci­pa­to a Fa­bri­zio Vio­la ( l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Mps) l’in­ten­zio­ne di an­da­re a par­la­re con lo­ro».

Tor­nia­mo a quel­la se­ra. Co­sa ac­cad­de do­po la te­le­fo­na­ta? «Da­vid non ar­ri­va­va, al­lo­ra chia­mai mia fi­glia Ca­ro­li­na per chie­der­le di an­da­re a ve­de­re do­ve fos­se fi­ni­to. Cer­cai an­che Gian­car­lo Fi­lip­po­ne, ca­po del­la se­gre­te­ria di Da­vid e suo ami­co, per sa­pe­re qual­co­sa». È l’uo­mo che si ve­de en­tra­re nel vi­co­lo in cui gia­ce­va a ter­ra il cor­po di suo ma­ri­to e an­da­re via? «Sì. Quan­do lo chia­mai, Fi­lip­po­ne era a ca­sa ma dis­se che sa­reb­be tor­na­to im­me­dia­ta­men­te in ban­ca e di chie­de­re a Ca­ro­li­na di aspet­tar­lo fuo­ri dall’isti­tu­to. Sa­li­ro­no as­sie­me fi­no all’uf­fi­cio di Da­vid e, mi dis­se Gian­car­lo, tro­va­ro­no la por­ta chiu­sa. In se­gui­to, la col­le­ga di Da­vid, Lo­ren­za Bon­di, di­chia­re­rà in­ve­ce di aver tro­va­to quel­la por­ta aper­ta, uscen­do al­le 20. Cir­co­stan­za mol­to stra­na: al mo­men­to del pas­sag­gio del­la Bon­di e di Fi­lip­po­ne da­van­ti all’uf­fi­cio di Da­vid la tra­ge­dia era già ac­ca­du­ta».

Ma è ve­ro che tut­to il pe­ri­me­tro del­la ban­ca era co­per­to da te­le­ca­me­re a cir­cui­to chiu­so? «Nes­sun fil­ma­to è sta­to ac­qui­si­to, ol­tre a quel­lo del vi­co­lo do­ve è ca­du­to mio ma­ri­to. Pe­ral­tro, an­che quel vi­deo po­treb­be ave­re del­le ano­ma­lie per­ché non si ve­do­no mai i soc­cor­si in­ter­ve­ni­re. Ma non vo­glio en­tra­re in que­stio­ni tec­ni­che, è sta­ta una mia scel­ta fin dall’ini­zio, an­che per pro­teg­ger­mi da un do­lo­re co­sì gran­de».

La ban­ca ave­va un por­tie­re. Nean­che lui si ac­cor­se di nul­la guar­dan­do i mo­ni­tor di sor­ve­glian­za? «Cre­do che se il por­tie­re del­la ban­ca aves­se fat­to il suo la­vo­ro in mo­do at­ten­to e vi­gi­le avreb­be vi­sto i mo­ni­tor con il cor­po diDa­vid, in­ve­ce per qua­si un’ora non si è ac­cor­to di nul­la».

È sta­to san­zio­na­to in qual­che mo­do dal­la ban­ca, che lei sap­pia? «Che io sap­pia, nes­sun ri­chia­mo e, cre­do, la­vo­ri an­co­ra nel­lo stes­so po­sto».

Par­lia­mo di Da­vid. Che per­so­na era? «Una per­so­na me­ra­vi­glio­sa. Una cul­tu­ra in­cre­di­bi­le, era cu­rio­so e nel­lo stes­so tem­po sem­pli­ce. Ama­va­mo la no­stra ca­sa sul mon­te Amia­ta do­ve

as­sie­me al no­stro ca­ne ci ri­fu­gia­va­mo per sta­re as­sie­me. Vo­le­va il­mio be­ne, era at­ten­to a ogni mia sol­le­ci­ta­zio­ne; sem­bra­va sem­pre sul­le sue ma per­ché era un ti­mi­do e non era so­li­to da­re mol­ta con­fi­den­za. Quan­do è mor­to, ho pro­va­to la sin­dro­me dell’ar­to­man­can­te».

E per sua fi­glia Ca­ro­li­na co­sa rap­pre­sen­ta­va suo ma­ri­to? «Per Ca­ro­li­na è sta­to un pa­dre no­no­stan­te lei aves­se già un pa­dre, che ado­ra. Sia­mo una fa­mi­glia­mol­to uni­ta, an­che col mio ex­ma­ri­to e sua­mo­glieBea­tri­ce c’è un le­ga­me pro­fon­do. Bea­tri­ce è la mia­mi­glio­re ami­ca e in que­sti an­ni mi è sta­ta ac­can­to co­me una so­rel­la».

Con suo ma­ri­to parlava mai di la­vo­ro? «Era un in­te­gra­li­sta del­la cor­ret­tez­za. Ma mi par­lò del­la ac­qui­si­zio­ne del­la ban­ca An­ton­ve­ne­ta da par­te di Mps. Mi dis­se che quel prez­zo co­sì al­to era sta­to fat­to per­ché per Mps era stra­te­gi­co ac­qui­si­re An­ton­ve­ne­ta».

Lei si è do­vu­ta di­fen­de­re dall’ac­cu­sa di aver con­se­gna­to a un gior­na­li­sta le mail tra suo ma­ri­to e Vio­la per ri­cat­ta­re (se­con­do l’ac­cu­sa) l’am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Mps. «Un’ac­cu­sa in­fa­me, da cui so­no sta­ta pro­sciol­ta com­ple­ta­men­te e che­mi ha pro­fon­da­men­te tur­ba­ta. Ero la vit­ti­ma (con Da­vid e mia fi­glia ) e mi vo­le­va­no fa­re pas­sa­re per una po­co di buo­no».

«Non è sta­to un sui­ci­dio» An­to­nel­la To­gnaz­zi,To­gnaz­zi 56,56 ve­do­va di Da­vid Ros­si, re­spon­sa­bi­le co­mu­ni­ca­zio­ne del Mon­te dei Pa­schi di Sie­na tro­va­to mor­to nel mar­zo del 2013.

CA­RO­LI­NA: PER LEI FU UN PA­DRE Ca­ro­li­na Or­lan­di, 26, la fi­glia di An­to­nel­la To­gnaz­zi, vuo­le la ve­ri­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.