Lo sme­mo­ra­to di Lajatico Ec­co qual era il suo ve­ro pia­no di Giu­sep­pe Fu­ma­gal­li

DALL’AM­NE­SIA (FIN­TA) AL­LE AC­CU­SE AL­LA SUOCERA “IN­VA­DEN­TE”, EC­CO COS’È SUC­CES­SO A SAL­VA­TO­RE MANNINO. IN FA­MI­GLIA NON SI SEN­TI­VA CON­SI­DE­RA­TO E VO­LE­VA RIEN­TRA­RE DO PO­LA FU­GA PER DET­TA­RE RE­GO­LE NUO­VE. MA ORA RI­SCHIA DI­NO N TOR­NA­RE PIÙ A CA­SA

Oggi - - Contents - Dall’in­via­to Giu­sep­pe Fu­ma­gal­li

Èsuc­ces­so co­me per le bar­zel­let­te. Lo sme­mo­ra­to di Edim­bur­go, pri­ma ha in­cu­rio­si­to mez­zo mon­do, poi quan­do ha con­fes­sa­to di es­ser­si in­ven­ta­to tut­to per sta­re al­la lar­ga dal­la suocera, ha fat­to esplo­de­re quel mez­zo mon­do in una ri­sa­ta ko­los­sal. Ma non tut­ti han­no ri­so. Per i fa­mi­lia­ri che la stan­no vi­ven­do sul­la lo­ro pel­le, la vi­cen­da di Sal­va­to­re Mannino è tut­to fuor che di­ver­ten­te. «Sia­mo de­va­sta­ti», di­ce la mo­glie Fran­ce­sca Ser­ra­go­ni, se­du­ta nel­la sa­la d’at­te­sa del re­par­to di sa­lu­te men­ta­le dell’ospe­da­le San­ta Chia­ra di Pi­sa do­ve l’uo­mo è ri­co­ve­ra­to da die­ci gior­ni. La don­na, ma­dre di quat­tro fi­gli, ha il vol­to da bra­va ra­gaz­za, non si di­spe­ra, non fa piaz­za­te o sce­neg­gia­te. Si espri­me in­mo­do pa­ca­to, ma la sua vo­ce è scos­sa da un tor­men­to che sa­le dal pro­fon­do. «So­no pre­oc­cu­pa­ta», di­ce, «que­sta sto­ria sta di­strug­gen­do la vi­ta mia e quel­la dei miei fi­gli. Vor­rei far ca­pi­re che si trat­ta di una que­stio­ne pri­va­ta, che do­vrà ri­sol­ver­si nel pri­va­to del­la no­stra fa­mi­glia, non in piaz­za. Ci so­no di mez­zo an­che dei mi­no­riii e non è giu­stoi ffar­ne un ca­so me­dia­ti­co. Vor­rei che non si scri­ves­se più una ri­ga, che non ne par­las­se più nes­su­no. Nei pros­si­mi gior­ni fa­rò un co­mu­ni­ca­to, per­ché la si­tua­zio­ne per noi è di­ven­ta­ta in­so­ste­ni­bi­le». La mo­glie par­la, di­ce po­co, ma non di­ce tut­to. Il pu­do­re, il ri­spet­to per sé stes­si e la pro­pria fa­mi­glia, ca­la­no co­me un ve­lo, su quel che è sta­to, quel che è e quel che sa­rà. Ma il mi­ste­ro or­mai per­de pez­zi. Gli in­qui­ren­ti han­no fat­to par­la­re Mannino, l’uo­mo si è espres­so in ter­mi­ni con­fu­si, ma me­di­ci e psi­chia­tri lo han­no sa­pu­to in­ter­pre­ta­re. E il qua­dro, al­me­no per quan­to ri­guar­da quel che è sta­to, in bre­ve tem­po si è fat­to più ni­ti­do e det­ta­glia­to. Og­gi, la se­quen­za di ge­sti compiuti daMan­ni­no a par­ti­re dal 19 set­tem­bre, vie­ne let­ta co­me un pia­no de­li­ran­te, stu­dia­to e mes­so in at­to per ri­sta­bi­li­re all’in­ter­no del­la pro­pria fa­mi­glia l’au­to­ri­tà di ma­ri­to e pa­dre che ve­de­va per­du­ta o quan­to­me­no ri­di­men­sio­na­ta. «Per quan­to ci è sta­to pos­si­bi­le ca­pi­re Mannino ha una per­so­na­li­tà ri­gi­da, sche­ma­ti­ca», di­ce Al­fre­do Sbra­na, pri­ma­rio del cen­tro di sa­lu­te men­ta­le dell’ospe­da­le San­ta Chia­ra di Pi­sa. «Da an­ni non ve­de­va ri­co­no­sciu­to il pro­prio ruo­lo e in­ve­ce di con­fron­tar­si con la mo­glie ha con­ti­nua­to per an­ni a lo­go­rar­si in si­len­zio, fi­no a idea­re il pia­no che lo avreb­be por­ta­to a re­cu­pe­ra­re l’au­to­ri­tà per­du­ta». En­tra­re

«QUE­STA VI­CEN­DA HA AVU­TO SU DI NOI UN EF­FET­TO DE­VA­STAN­TE»

nel­la men­te di Mannino e ca­pi­re in n che mo­do avreb­be por­ta­to a com­pi­men­to il “gol­pe” do­me­sti­co non è un’im­pre­sa fa­ci­le. Ma in am­bien­te e me­di­co e giu­di­zia­rio cir­co­la­no in­di­scre­zio­ni af­fi­da­bi­li e pre­ci­se che per­met­to­no di iden­ti­fi­ca­re al­me­no a gran­di li­nee la stra­te­gia del fug­gi­ti­vo. . Il suo obiet­ti­vo, ri­cor­dia­mo­lo, non è spa­ri­re­ma ri­pre­sen­tar­si a di­stan­za di qual­che­me­se a ca­sa, per af­fer­ma­re la pro­pria cen­tra­li­tà e det­ta­re nuo­ve re­go­le di con­vi­ven­za fa­mi­lia­re. Il pri­mo pas­so è far per­de­re le pro­prie trac­ce. Mannino si muo­ve con bus e tre­ni, do­ve i do­cu­men­ti pos­so­no an­che es­se­re con­trol­la­ti, ma non ven­go­no re­gi­stra­ti su li­ste o elen­chi co­me av­vie­ne nel traf­fi­co ae­reo. Sa­le in tre­no a Pi­sa, ar­ri­va a Mi­la­no, pren­de un au­to­bus not­tur­no per Pa­ri­gi, il mat­ti­no do­po è sul Tgv per Lon­dra e poi pro­se­gue per Edim­bur­go. Sce­glie la ca­pi­ta­le scoz­ze­se per­ché il pro­prio aspet­to fi­si­co, ca­pel­li ros­sic­ci, oc­chi az­zur­ri e car­na­gio­ne chia­ra, gli per­met­to­no ddi con­fon­der­si con la ppo­po­la­zio­nep loc­ca­le e una vol­ta in ospe­da­le nes­sun­no pen­se­rà a lui co­me a un ita­lia­no. Ap­pe­na giun­ge a de­sti­na­zio­ne, en­tra nel­la cat­te­dra­le, crol­la a ter­ra e ini­zia la re­ci­ta del­lo sme­mo­ra­to. Si espri­me in un in­gle­se ele­men­ta­re, non ha su di sé do­cu­men­ti, non sa chi è, né da do­ve vie­ne. Il gio­co sa­reb­be do­vu­to du­ra­re due o tre me­si. Poi i ri­cor­di avreb­be­ro co­min­cia­to ad af­fio­ra­re, lui avreb­be chia­ma­to a sé i fa­mi­lia­ri e sa­reb­be rien­tra­to a ca­sa con lo­ro. A quel pun­to, sen­za ri­cor­di su co­me fun­zio­na­va­no le co­se in ca­sa pri­ma del­la sua scom­par­sa, Mannino era si­cu­ro di po­ter­si im­por­re e at­tua­re co­sì una pro­fon­da ri­for­ma del­la vi­ta

fa­mi­lia­re. «Il suo er­ro­re», in­ter­vie­ne Al­fre­do Sbra­na, «è sta­to non ca­pi­re che la sua av­ven­tu­ra con­te­ne­va tut­ti gli ele­men­ti per esplo­de­re sui­me­dia». Co­sì è sta­to. La vi­cen­da cheMan­ni­no ave­va im­ma­gi­na­to stret­ta­men­te pri­va­ta è di­ven­ta­ta lar­ga­men­te pub­bli­ca. Han­no co­min­cia­to a oc­cu­par­se­ne an­che gli in­qui­ren­ti e quan­do han­no de­ci­so di ve­der­ci chia­ro lo sme­mo­ra­to ha do­vu­to ar­ren­der­si e con­fes­sa­re la mes­sa in sce­na. Da quel­mo­men­to il mon­do gli è crol­la­to ad­dos­so. Quan­do sa­rà di­mes­so dal re­par­to di psi­chia­tria di Pi­sa, Mannino non tro­ve­rà a fe­steg­giar­lo la mo­glie, i fi­gli Fi­lip­po, Mar­ta, Et­to­re e Guia, né tan­to­me­no la suocera San­dra Bo­cel­li e si­cu­ra­men­te non tor­ne­rà con lo­ro nel­la sua ca­set­ta bian­ca sul cri­na­le del­la col­li­na di Lajatico. «Non è il mo­men­to e for­se non lo sa­rà mai», di­ce Ivo Gron­chi, av­vo­ca­to di fa­mi­glia. «Ades­so non tro­ve­reb­be un cli­ma a lui fa­vo­re­vo­le. E ciò è com­pren­si­bi­le. Il 19 set­tem­bre quan­do è spa­ri­to, Mannino ha spro­fon­da­to i fa­mi­lia­ri in uno sta­to d’an­go­scia per­ché tut­ti pen­sa­va­no al sui­ci­dio. Do­po qual­che gior­no è pre­val­sa l’i-

po­te­si di un al­lon­ta­na­men­to e i fi­gli si so­no sen­ti­ti ab­ban­do­na­ti. Quan­do è sta­to ri­tro­va­to a Edim­bur­go tut­ti in fa­mi­glia han­no cre­du­to all’am­ne­sia e si so­no da­ti da fa­re per aiu­tar­lo a re­cu­pe­ra­re la me­mo­ria, ma quan­do han­no ca­pi­to che era una far­sa si so­no sen­ti­ti pre­si in gi­ro. Poi, co­me non ba­stas­se, so­no sta­ti tra­vol­ti da un tur­bi­ne me­dia­ti­co, do­ve il lo­ro dram­ma per­so­na­le ve­ni­va co­per­to di ri­di­co­lo. L’inu­ti­le sof­fe­ren­za che que­st’uo­mo ha in­flit­to ai suoi fa­mi­lia­ri è trop­pa. Non so co­sa vor­rà fa­re Fran­ce­sca ( la mo­glie, ndr) ma se de­ci­de­rà di av­via- re una cau­sa di se­pa­ra­zio­ne sa­rò fe­li­ce di as­si­ster­la». Do­ve pos­sa an­da­re Mannino an­co­ra non si sa. Po­treb­be ri­ti­rar­si là do­ve de­tie­ne pro­prie­tà im­mo­bi­lia­ri. In Si­ci­lia, pres­so pa­ren­ti di par­te pa­ter­na, o nel cu­nee­se, zo­na d’ori­gi­ne del­la ma­dre. Ovun­que va­da do­vrà ap­pog­giar­si a una strut­tu­ra sa­ni­ta­ria per in­da­ga­re e cu­ra­re il ma­les­se­re che gli ha pro­vo­ca­to una dop­pia am­ne­sia. Una fin­ta e un’al­tra dram­ma­ti­ca­men­te ve­ra, che lo ha por­ta­to a di­men­ti­ca­re il be­ne dei suoi fi­gli e del­la sua fa­mi­glia.

DI­STRUT­TA Fran­ce­sca Ser­ra­go­ni, 48, mo­glie di Sal­va­to­re Mannino. Non si ca­pa­ci­ta del­la pre­sa in gi­ro

Il mi­ste­ro dell’uo­mo nul­la che non si ri­cor­da più

ILMEDICOCHE LO HA CU­RA­TO Pi­sa. So­pra, Al­fre­do Sbra­na, 62, pri­ma­rio nel re­par­to di psi­chia­tria do­ve è sta­to ri­co­ve­ra­to Mannino.

LA CA­SA DI FA­MI­GLIA Lajatico (Pi­sa). La ca­sa do­ve og­gi vi­vo­no, la mo­glie, i quat­tro fi­gli e la suocera di Sal­va­to­re Mannino.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.