« Ma a mia fi­glia non rie­sco­mai adi­re­buo­na­not­te »

«IL LA­VO­RO MI SPIN­GE A RI­MA­NE REAL RI­STO­RAN­TE FI­NO A TAR­DI», DI­CE IL SU­PER CUO­CO, «E CO­SÌ CI PEN­SA LAMAMMA». «I SUOI DE­SI­DE­RI? CA­MIL­LA ORA CHIE­DE UN FRA­TEL­LI­NO»

Oggi - - Sex Symbol - Di La­vi­nia Ca­prit­ti - fo­to Mas­si­mo Se­sti­ni

Ca­mil­la Ma­ria in­dos­sa il ve­sti­to del­le gran­di oc­ca­sio­ni, ce­le­ste, per­be­ni­no e da fa­mi­glia vec­chio stam­po. Guar­da in al­to esta­sia­ta. E ne ha ben ra­gio­ne: ha quat­tro an­ni e per la pri­ma vol­ta po­sa per un gior­na­le. Fo­to­gra­fa­ta an­che da un dro­ne. Ca­mil­la è la fi­glia del­lo chef Da­vi­de Oldani, il cuo­co­pop su­per­star. EDa­vi­de, con la sua di­vi­sa ina­mi­da­ta, la sta te­nen­do stret­ta tra le brac­cia. An­zi, il ter­mi­ne «te­ner­la tra le brac­cia» è un eu­fe­mi­smo: la av­vol­ge let­te­ral­men­te. Ap­pa­re il pa­pà più or­go­glio­so al mon­do e a di­re il ve­ro ha le sue ra­gio­ni: Ca­mil­la ha un vi­set­to che in­te­ne­ri­sce. Più in là, ma fuo­ri dal set fo­to­gra­fi­co con e sen­za dro­ne, c’è la­mo­glie Eve­li­na, vi­so dol­cis­si­mo e fa­re de­ci­so. E se vi sem­bra che ci sia trop­pa ca­ri­ne­ria in que­ste de­scri­zio­ni è per­ché non ave­te vi­sto da vi­ci­no­mam­ma e fi­glia. Oldani no. Oldani non è ca­ri­nis­si­mo e nep­pu­re pop per­ché ha il pi­glio del­ma­na­ger. È uno spi­lun­go­ne se­rio, un po’ ti­mi­do, ot­ti­mo cuo­co ov­vio, ed è pe­ren­ne­men­te im­pe­gna­to. Nei 40mi­nu­ti dell’in­ter­vi­sta lui rie­sce a par­la­re in fran­ce­se al te­le­fo­no, da­re ap­pun­ta­men­ti di la­vo­ro e con­se­gna­re il suo ce­le­bre pa­net­to­ne. Ha ap­pe­na scrit­to un li­bro, Le D’On­ne lo san­no (pa­ra­fra­san­do il suo ri­sto­ran­te che si chia­ma D’O), nel qua­le chiac­chie­ra con le ami­che fa­mo­se, dal­la Pel­le­gri­ni al­la Ca­po­ton­di. Ma noi non sia­mo qui per chie­der­gli del­le fa­mo­se, ma di Ca­mil­la che, nel frat­tem­po, è an­da­ta all’asi­lo ac­com­pa­gna­ta dal­la mam­ma (e sen­za più il ve­sti­to ce­le­ste del­le gran­di oc­ca­sio­ni). Oldani, che ti­po è sua fi­glia? « In­de­ci­fra­bi­le a quell’età. q Di­cia­mo che c di­pen­de da co­me m si al­za, il più del­le d vol­te mor­bi­da, non n ro­gno­sa. Fa il giu­sto g ca­pric­cio che do­vreb­be d fa­re un bam­bi­no b per­ché non mi fa ar­rab­bia­re, ti­po quan­do pre­ten­do un ba­cio e lei è as­son­na­ta. Al­la fi­ne par­lia­mo». E lei che ti­po di pa­dre è? «Non­lo so, pri­ma la cer­ca­vo­ma lei­non mi cal­co­la­va, in­ve­ce da set­te - ot­to­me­si mi cer­ca, mi di­ce “mi sei man­ca­to”. Non so se per­ché­mi so­no am­mor­bi­di­to io o ha ca­pi­to l’im­por­tan­za del pa­pà».

Or­mai por­ta Ca­mil­la all’asi­lo tut­ti i gior­ni, ma ha con­fes­sa­to che un tem­po le sem­bra­va com­pli­ca­to. Co­me sia­mo mes­si con il ba­cio del­la buo­na­not­te? «Toc­ca di più al­la mam­ma, il la­vo­ro del cuo­co ti spin­ge a sta­re den­tro il ri­sto­ran­te».

« PUÒ MAN­GIA­RE QUEL CHE VUOLEMAC’È UNA RE­GO­LA: SO­LO PRO­DOT­TI DI STA­GIO­NE »

Sua fi­glia è una na­ti­va di­gi­ta­le: la sua po­si­zio­ne sull’uso di cel­lu­la­ri e iPad? «La ma­nua­li­tà l’ha, il per­mes­so da par­te mia ed Eve­li­na pu­re. Lo può usa­re sì, ma con il giu­sto cri­te­rio, per ora guar­da tu­to­rial su co­me co­strui­re ca­se con il pon­go. Il te­le­fo­ni­no og­gi è co­me il cioc­co­la­to: per far sta­re zit­ti i bam­bi­ni gli si dà il cioc­co­la­to o il cel­lu­la­re e li si la­scia lì, ma è un brut­to in­se­gna­men­to: non­si­può vi­ve­re di so­lo cel­lu­la­re». E il pa­pà dà il buon esem­pio? «Mi piac­cio­no i so­cial, ma non ne so­no un as­si­duo fre­quen­ta­to­re. Tut­ti par­lia­mo di pri­va­cy e poi ci met­tia­mo in piaz­za. Non pos­so es­se­re un aso­cia­le se vo­glio sta­re in que­sta so­cie­tà, ma i fat­ti miei ra­ra­men­te so­no lì». In­ve­ce co­me chef fa as­sag­gia­re a Ca­mil­la i suoi piat­ti? «Fi­gu­ria­mo­ci! Mia fi­glia fa quel che ca­vo­lo che vuo­le, non vo­glio es­se­re quel­lo che dà da man­gia­re al­la fi­glia. L’uni­ca co­sa che è pre­ga­ta di os­ser­va­re, per­ché in ca­sa è co­sì, è la sta­gio­na­li­tà del pro­dot­to. An­che all’asi­lo: l’ho scel­to per­ché la cu­ci­na è pu­li­tis­si­ma, sem­bra una sa­la ope­ra­to­ria». Il pri­mo piat­to che ha as­sag­gia­to cu­ci­na­to da lei? «Il mio ri­sot­to con lo zaf­fe­ra­no». E c’è qual­co­sa di suo che ha as­sag­gia­to e do­po ha stor­to il na­so? «Le ho fat­to as­sag­gia­re, an­zi odo­ra­re il tar­tu­fo, il pro­fu­mo è un po’ vio­len­to. Ma è un sa­po­re che do­vrà co­no­sce­re per­ché è par­te del­la cul­tu­ra ita­lia­na». Quan­te ore la­vo­ra lei? «Èla­mia vi­ta, non è la­vo­ro. Quin­di io la­vo­ro da quan­do­mi al­zo al­le set­te fi­no all’una di not­te. So­no la­vo­ro e ca­sa». E con Ca­mil­la, mi di­ca chi di voi due fa il ge­ni­to­re buo­no e chi quel­lo cat­ti­vo? «Se­con­do me la “guar­dia” è più Eve-

li­na e la sta fa­cen­do in­mo­do egre­gio. A ca­sa mia la guar­dia era mio pa­dre; mia­ma­dre­mi con­ce­de­va più co­se e se do­ve­va es­se­re se­ve­ra lo fa­ce­va sen­za ur­la­re, sen­za le pe­da­te nel cu­lo di mio pa­dre. Che, pe­rò, spes­so e vo­len­tie­ri, ci vo­le­va­no pu­re...». La più clas­si­ca del­le do­man­de: de­si­de­rio di al­tri fi­gli? «Sì, per­ché no. Pe­rò, sa… In­shal­lah ». Ca­mil­la ve lo sta chie­den­do? «Un pa­io di vol­te, un fra­tel­li­no». Una cu­rio­si­tà: il no­me Ca­mil­la? «Ca­mil­la Ma­ria...». Sì, Ca­mil­la Ma­ria. So che lei, Oldani, ha Ma­ria co­me se­con­do no­me e con­ti­nua­te la tra­di­zio­ne. «Eravamo in­de­ci­si sui no­mi, ne vo­le­va­mo uno di­rom­pen­te co­me An­cil­la. Ca­mil­la è na­ta due gior­ni­pri­ma e ci ha pre­si in con­tro­pie­de. Eravamo nell’ascen­so­re dell’ospe­da­le e que­sto no­me ci è sem­bra­to giu­sto». Ca­mil­la è una bam­bi­na che fa tut­to o può es­se­re pi­gra? «Fa ten­nis, nuo­to e dan­za. Lei ado­ra lo sport». Me­ri­to del­la Pel­le­gri­ni, una del­le sue ami­che che è nel li­bro? «Fe­de­ri­ca è so­la­re, com­pe­ti­ti­va, vin­cen­te. Ma a 16 an­ni io ero un cal­cia­to­re di C2 e l’amo­re di mia fi­glia per lo sport ar­ri­va da me: io non ho mai mol­la­to, so­no uno te­na­ce». ( Oldani ri­pe­te spes­so che la cu­ci­na è un “ri­pie­go”, do­po una ti­bia e un pe- ro­ne spac­ca­ti. C’è qua­si da es­se­re fe­li­ci che si sia fat­to ma­le da ra­gaz­zo). A pro­po­si­to del­la Pel­le­gri­ni: le ha con­fi­da­to che non rie­sce a fa­re nep­pu­re la spe­sa len­ta­men­te. E lei? «Mi pia­ce vi­ve­re in mo­do in­ten­so, è mol­to bre­ve la vi­ta». Tor­nia­mo a Ca­mil­la: vac­ci­ni sì, vac­ci­ni no? «Vac­ci­ni sì, as­so­lu­ta­men­te sì. Il ci­bo e la me­di­ci­na aiu­ta­no l’uo­mo, ci man­che­reb­be fos­se il con­tra­rio». Un’ul­ti­ma do­man­da un po’ biz­zar­ra: ma l’odo­re di Ca­mil­la qual è? «Non ha odo­ri, in lei tut­to è pro­fu­mo. Che me­ra­vi­glia es­se­re un bam­bi­no o una bam­bi­na: sei gen­ti­le, non hai la te­sta gon­fia di stu­pi­da­te, ri­spet­ti gli al­tri, sei so­la­re per­ché non hai an­co­ra ca­pi­to co­me è il­mon­do. Ah, se tut­ti noi po­tes­si­mo ri­ma­ne­re co­sì».

«Non mi cer­ca­va, ora di­ce “mi man­chi”»

«Mam­ma Eve­li­na è una buo­na “guar­dia”»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.