Il ri­tor­no di Ar­bo­re «Ri­sa­te sen­za pa­ro­lac­ce» di M. Apri­le

REN­ZO TOR­NA SUL­LA RAI CON UN NUO­VO FOR­MA T, MA VUO­LE ESAL­TA­RE QUEL­LI... VEC­CHI. «PER­CHÉ AB­BIA­MO AVU­TO LA TV PIÙBELLADELMONDO». INGUARDA... STU­PI­SCI RI­SPOL­VE­RA UNA CO­MI­CI­TÀ NA­PO­LE­TA­NA E NON VOLGARE. E SU GRIL­LO...

Oggi - - Sommario - Di Ma­rian­na Apri­le - fo­to Frez­za- La Fa­ta/IPA

Ha in­ven­ta­to tre for­mat ra­dio­fo­ni­ci e 15 te­le­vi­si­vi, da L’al­tra do­me­ni­ca a Pro­ces­so a San­re­mo, da In­die­tro Tut­ta! a Doc. Ora tor­na in tv con un al­tro for­mat, una lec­tio ma­gi­stra­lis in due pri­me se­ra­te (il 12 e il 19 di­cem­bre suRai 2) co­nAn­drea De­lo­gu e Ni­no Fras­si­ca, a ri­for­ma­re il for­tu­na­to trio con­sa­cra­to lo scor­so an­no dal suc­ces­so di In­die­tro Tut­ta! 30 e l’ode. Il ti­to­lo è una pro­mes­sa ri­dan­cia­na: Guar­da... Stu­pi­sci. «Uno scher­zac­cio che fac­cia­mo al pub­bli­co del nord, un gio­co di pa­ro­le go­liar­di­co ( stu-pi­sci) che si co­glie al vo­lo da Ro­ma in giù», scher­zaRen­zo Ar­bo­re. An­zi, il pro­fes­so­rAr­bo­re, vi­sto che lo stu­dio è pen­sa­to co­me un’au­la ma­gna af­fac­cia­ta sul gol­fo di Na­po­li, un po’ co­me la sua ca­sa di Ro­ma, che ha sul­le pa­re­ti pa­no­ra­mi na­po­le­ta­ni che­mu­ta­no co­lo­re. «Sa­rà un’au­la am­ma­re », scher­za.

Guar­da... Stu­pi­sci è il suo re­ga­lo di Na­ta­le al­la tv. Lei co­sa vor­reb­be in dono? «La vi­spez­za e il vi­go­re che ave­vo 20 an­ni fa ( scop­pia a ridere, ndr)». Con voi ci sa­rà l’Or­che­stra Ita­lia­na e ri­per­cor­re­re­te la sto­ria del­la can­zo­ne umo­ri­sti­ca na­po­le­ta­na. Un’ope­ra­zio­ne no­stal­gia? «No, un’ope­ra­zio­ne me­mo­ria. Ora che so­no an­zia­no, an­zi an­ti­co, sen­to di do­ver re­cu­pe­ra­re co­se che ri­schia­no di es­se­re di­men­ti­ca­te. Il no­stro è un pro­gram­ma pen­sa­to per i Mil­len­nials, per­ché im­pa­ri­no a sor­ri­de­re, an­zi a ridere, at­tra­ver­so la mu­si­ca. E An­drea De­lo­gu, che è una di lo­ro, è un po’ la ca­via mia e dell’umo­ri­smo stram­pa­la­to e fu­tu­ri­sta di Fras­si­ca: se lei si di­ver­te, al­lo­ra va be­ne. I ra­gaz­zi og­gi pas­sa­no mol­to tem­po su

in­ter­net e an­che io so­no un for­sen­na­to na­vi­ga­to­re del Web. Ma lo­ro ci van­no per ve­de­re vi­deo vi­ra­li, di bre­ve du­ra­ta, che non col­ti­va­no iro­nia né umo­ri­smo e al mas­si­mo strap­pa­no una ri­sa­ta, spes­so sgua­ia­ta. E in­ve­ce on li­ne c’è tut­to, an­che pez­zi del­la sto­ria del­la no­stra tv, che è sta­ta la più bel­la del mon­do». Ad­di­rit­tu­ra? «Ave­va­mo Stu­dio Uno, Cor­ra­do, Mi­na, e poi il Trio, San­dra e Rai­mon­do. Pen­sa­va­mo fos­se nor­ma­le. Poi pe­rò gi­ran­do il mon­do con l’Or­che­stra Ita­lia­na ( 1.500 con­cer­ti in 27 an­ni, ndr) ho sco­per­to che in Ame­ri­ca ave­va­no La Ruo­ta del­la For­tu­na, Ok il prez­zo è giu­sto e che lì il va­rie­tà era mor- to ne­gli An­ni 50 con il Per­ry Co­mo Show. Io vo­glio re­cu­pe­ra­re la me­mo­ria di quel­la no­stra tv, che ri­schia di per­der­si. Vo­glio in­di­riz­za­re i gio­va­ni sui gran­di co­me Al­do Fa­bri­zi, per­ché ca­pi­sca­no che sen­za di lui non ci sa­reb­be­ro sta­ti Al­ber­to Sor­di, Car­lo Ver­do­ne, En­ri­co Bri­gna­no e tut­ti gli al­tri. Del re­sto non ho mai se­gui­to le

mo­de, so­no sem­pre an­da­to da al­tre par­ti ri­spet­to a do­ve an­da­va la tv. E an­che in que­sto ca­so lo sto fa­cen­do».

In che mo­do Guar­da... Stu­pi­sci è con­tro­cor­ren­te? «Que­sta fa­se del­la no­stra sto­ria è ca­rat­te­riz­za­ta da ris­se, po­le­mi­che, odio. Og­gi an­che chi vuol far ridere lo fa “con­tro qual­cu­no”, per­si­no gli imi­ta­to­ri imi­ta­no i per­so­nag­gi più an­ti­pa­ti­ci. Io in­ve­ce ho sem­pre fat­to ridere “per qual­co­sa”, ed è una ri­sa­ta più gio­io­sa, che le­ga le per­so­ne, non le met­te con­tro. So­no an­ni cu­pi, è ve­ro. Ma lo so­no sta­ti an­che gli An­ni 70, ep­pu­re ad Al­to gra­di­men­to io e Gian­niBon­com­pa­gni riu­sci­va­mo a far ridere gli ita­lia­ni. Gli an­ni cu­pi pri­ma o poi pas­sa­no e per far­li pas­sa­re c’è bi­so­gno an­che di fug­gi­re da vol­ga­ri­tà gra­tui­te, tur­pi­lo­qui, pre­po­ten­za, zuf­fe da talk. C’è bi­so­gno di un sor­ri­so soft, quel­lo del­la go­liar­dia, del dop­pio sen­so, dell’am­mic­ca­men­to, ti­pi­ci del re­per­to­rio umo­ri­sti­co na­po­le­ta­no, da Ca­ro­so­ne a Mu­ro­lo, a Ni­no Ta­ran­to».

Per­ché ha vo­lu­to Na­po­li an­che nel­la sce­no­gra­fia, con tan­to di ma­re sul­lo sfon­do e una na­ve che par­te “pe’ ter­re as­sai lun­ta­ne”? «Per­ché io, Mas­si­mo Troi­si, Ma­ri­sa Lau­ri­to, Lu­cia­no De Cre­scen­zo in pas­sa­to ab­bia­mo ama­to fol­le­men­te que­sta cit­tà che ci ha sem­pre da­to gran­di gio­ie, ma an­che im­men­si do­lo­ri. Per tut­to il mon­do, a lun­go Na­po­li è sta­ta ‘a ca­mor­ra, ‘a mun­nez­za e i mor­ti am­maz­za­ti. Ora pe­rò sta vi­ven­do una sta­gio­ne me­ra­vi­glio­sa: è in­va­sa da tu­ri­sti en­tu­sia­sti, apro­no cen­ti­na­ia di ne­go­zi e ri­sto­ran­ti, è pie­na di gen­te sor­ri­den­te co­me non l’ave­vo mai vi­sta. È la cit­tà più sor­ri­den­te d’Ita­lia. E non è re­to­ri­ca. An­zi, io di­co che è neo-re­to­ri­ca quel­la che de­scri­ve Na­po­li an­co­ra co­me brut­ta e pro­ble­ma­ti­ca. Per col­pa di quel­la de­scri­zio­ne, que­sta cit­tà ha ri­schia­to di per­de­re an­che par­te del­la sua me­mo­ria».

In che sen­so? «Le fac­cio un esem­pio. Per ti­mo­re di con­ti­nua­re a es­se­re, per tut­to il mon­do, la cit­tà “del­la piz­za e del man­do­li­no”, Na­po­li sta­va di­men­ti­can­do que­sto stru­men­to me­ra­vi­glio­so. So­lo da po­chis­si­mo al con­ser­va­to­rio di San Pie­tro a Ma­jel­la è sta­ta isti­tui­ta una cat­te­dra di man­do­li­no, men­tre il con­ser­va­to­rio di Por­de­no­ne ce l’ha da an­ni».

Sul­la cat­te­dra del­la vo­stra au­la am­ma­re c’è un f la­co­ne di sci­rop­po ma­gi­co, il Sim­pa­ti­col. So­ste­ne­te che chi lo be­ve di­ven­ti più spi­ri­to­so. A chi pre­scri­ve­reb­be un pa­io di sor­si? «Al nuo­vo lea­der del­la si­ni­stra, che non c’è. Per­ché l’uni­ca ma­nie­ra per con­tra­sta­re que­sta de­stra sa­reb­be ave­re un lea­der ca­pa­ce di sor­ri­de­re e far sor­ri­de­re nel­mo­do giu­sto, sen­za cat­ti­ve­rie. Lo scriva: io so­no un buo­ni­sta. Ma ag­giun­ga: “E al­lo­ra?”. E poi in fon­do, an­che i Cin­ques­tel­le so­no par­ti­ti dal sor­ri­so. Bep­pe Gril­lo lo si an­da­va a sen­ti­re per le bat­tu­te che fa­ce­va, poi la bat­tu­ta si è tra­sfor­ma­ta in un “Vaf­fa” ed è na­to il Mo­Vi­men­to».

Se lo sa­reb­be mai aspet­ta­to? «Quan­do ho vi­sto che ini­zia­va a fa­re bat­tu­te più po­li­ti­che e poi di de­nun­cia ho pen­sa­to: ec­co, ha tro­va­to il suo fi­lo­ne».

Ma non vuo­le pro­var­ci nean­che a far­lo as­sag­gia­re al­la de­stra, il Sim­pa­ti­col? «Tut­ti han­no di­rit­to di as­sag­giar­lo, per ca­ri­tà. Ma mi pa­re che lo­ro pre­fe­ri­sca­no al­tri re­gi­stri».

REN­ZO AR­BO­RE Nel suo nuo­vo show Guar­da... stu­pi­sci ri­spol­ve­ra la ve­ra co­mi­ci­tà na­po­le­ta­na. 38

«Sot­to l’al­be­ro vor­rei il vi­go­re di 20 an­ni fa» Cla­ri­net­to a tra­col­la, Ren­zo Ar­bo­re, 81 an­ni, po­sa da­van­ti all’al­be­ro di Na­ta­le nel­la sua ca­sa ro­ma­na. «Co­sa vor­rei co­me re­ga­lo? Il vi­go­re di 20 an­ni fa», di­ce.

AMA L’AR­TE E LA MU­SI­CA Ar­bo­re po­sa ac­can­to a un’ope­ra al neon dell’ar­ti­sta Mar­co Lo­do­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.