Mi­che­la Vit­to­ria Bram­bil­la «Va­do in tv per tro­va­re ca­sa ai cuc­cio­li» di La­vi­nia Ca­prit­ti

LAVEDRETEDI DO­ME­NI­CA (DOPOLAMESSA) EVI CHIE­DE­RÀ DI ADOT­TA­RE UN ANI­MA­LE. QUI SPIEGALE SOD­DI­SFA­ZIO­NI CHE HA NELL’ OC­CU­PAR­SI DI CHI NON PUÒ DI­RE« GRA­ZIE»

Oggi - - Sommario - Di La­vi­nia Ca­prit­ti

Mli­che­la Vit­to­ria Bram­bil­la tor­na in tv con Dal­la par­te de­gli ani­ma­li. Ne è fe­li­ce e non c’è da stu­pir­si: gli ani­ma­li e la fa­mi­glia (e non vo­glia­mo in­da­ga­re in che or­di­ne, da­to che èu­na­pas io na­ri a in cam­po ani­ma­li­sta) so­no al cen­tro del­la su avi­ta. La con­si­de­ra una pro­mo­zio­ne? «Di­rei di sì. Sia­mo ar­ri­va­ti al­la ter­za edi­zio­ne pro­prio per­ché pia­ce. Le pri­me due era­no an­da­te in on­da il sa­ba­to mat­ti­na, ma il sa­ba­to mat­ti­na non go­de del­le mi­glio­ri at­ten­zio­ni del pub­bli­co, la do­me­ni­ca mat­ti­na è un’al­tra co­sa. E noi sia­mo sta­ti pro­mos­si su­bi­to do­po la Mes­sa, che ha un pub­bli­co im­por­tan­te, e con lun­ghez­za rad­dop­pia­ta». Vo­glia­mo de­fi­ni­re, giu­sto in tre pa­ro­le, la tra­smis­sio­ne? For­se le vie­ne dif­fi­ci­le in tre pa­ro­le ma… «Per nul­la. La tra­smis­sio­ne ha uno “spi­ri­to ve­ra­men­te ani­ma­li­sta”. Non ci si li­mi­ta a par­la­re di ani­ma­li, ma si vuo­le tro­va­re lo­rou­na ca­sa. A tut­ti, an­che al­le pe­co­re. E an­che a un ci­gno». So­no cu­rio­sis­si­ma, ma chi mai adot­ta un ci­gno? «Chi può ga­ran­tir­gli uno spa­zio in ac­qua. E non cre­da, è un ani­ma­le di fa- ci­le ge­stio­ne. E la pe­co­ra può adot­tar­la chiun­que ab­bia un giar­di­no». Nien­te pa­sco­lo? «Ba­sta un giar­di­net­to. Agli ani­ma­li ser­vo­no due co­se: non es­se­re so­li e di es­se­re ama­ti. Ag­giun­go che og­gi la sen­si­bi­li­tà è cam­bia­ta: un tem­po si adot­ta­va­no i gat­ti­nie­via, i cuc­cio­li ca­ri­ni. Ora si va su in­ter­net a con­trol­la­re la vi­ta di ma­ia­li e muc­che. Non a ca­so par­lia­mo di mal­trat­ta­men­to psi­co­lo­gi­co ver­so un ca­ne la­scia­to in mez­zo ai cam­pi». Mi scu­si, ma sen­za ar­ri­va­re ai cam­pi, tan­ti padroni ri­ve­do­no i

ca­ni so­lo la se­ra. Da de­nun­cia­re? «Ma no, esi­sto­no sem­pre i com­pro­mes­si. Èmol­to­me­glio un­pa­dro­ne che sta a ca­sa po­co, ma quan­do ci sta gio­ca con il ca­ne, cheu­no sem­pre in ca­sa­ma che lo la­scia in giar­di­no. Co­me per i fi­gli, in­som­ma».

E se qual­cu­no adot­tas­se un vo­stro ca­ne co­me re­ga­lo per il fi­glio? «Non po­treb­be fa­re un re­ga­lo­mi­glio­re. E sic­co­me pen­so che le per­so­ne ab­bia­no una te­sta, do per scon­ta­to che sap­pia­no che si met­to­no in ca­sa un fi­glio. An­che se poi esi­sto­no­mo­stri, co­me chi ha chiu­sou­na­mal­te­se inun­sac­chet­toe l’ha but­ta­ta da una­mac­chi­na in cor­sa. Per for­tu­na è sta­ta rac­col­ta da un’au­to die­tro. Enoi le­tro­ve­re­mou­na­fa­mi­glia».

Ap­pun­to, co­me fa­te a sa­pe­re se af­fi­da­te be­ne i ca­ni adot­ta­ti in tv? «Le spie­go: noi fac­cia­mo un vi­deo per far sì che il ca­ne, ma­ga­ri ti­mi­di­no, si tra­sfor­mi in un di­vo e qual­cu­no s’in­na­mo­ri paz­za­men­te di lui. Ma le pra­ti­che di ado­zio­ne so­no a cu­ra del ca­ni­le».

In tra­smis­sio­ne ci so­no pu­re per­so­nag­gi fa­mo­si con i lo­ro ani­ma­li. «Costanzo è di­ver­ten­tis­si­mo, sem­bra co­sì au­to­re­vo­le nel suo pro­gram­ma ed in­ve­ce era te­ne­ro men­tre in­se­gui­va il suo gat­to Fi­lip­po; la Fol­lie­ro è sta­ta dav­ve­ro mol­to ca­ri­na. Mi è pia­ciu­to mol­to Fran­ce­sco Fac­chi­net­ti, una “ca­na­glia” co­me il suo ani­ma­le. Èpro­prio ve­ro che pa­dro­ne e ani­ma­li si as­so­mi­glia­no».

Tor­nan­do a lei, mi con­fer­ma che i suoi ani­ma­li so­no an­co­ra 13 ca­ni, 33 gat­ti, 2 ca­val­li, 2 mi­ni po­ny, 2 asi­nel­li, 7 ca­pre, 2 pe­co­re… «Tre pe­co­re…». Ne ha adot­ta­ta una in più? «No, una del­le due pe­co­re era un ma­schio, ma non ce ne eravamo ac­cor­ti. Ora c’èKung-Fu Pan­da, il no­me glie­lo ha da­to­mia fi­glia Stel­la».

Al­lo­ra 3 pe­co­re, 2 dai­ni, 3 pa­pe­re e cir­ca 200 pic­cio­ni. «Con­fer­mo. Ho una cer­ta ba­raon­da in ca­sa e in giar­di­no. Le as­si­cu­ro che quan­do de­vo fa­re una te­le­fo­na­ta isti­tu­zio­na­le, tra l’ab­ba­ia­re dei ca­ni, i mia­go­lii, i bim­bi che ur­la­no, mi toc­ca chiu­der­mi nel­la ca­bi­na ar­ma­dio».

Ma nes­su­no ha cer­ca­to di dis­sua­der­la da una pas­sio­ne, di­cia­mo, co­sì in­gom­bran­te? «Qual­che vol­ta­me lo so­no do­man­da­to an­ch’io il per­ché di que­sta pas­sio­ne, in real­tà aver­la mi dà sensazioni bel­lis­si­me. Fac­cia con­to che io so­no cre­sciu­ta con 14 ca­ni in ca­sa e per me è mol­to sem­pli­ce. Leo, co­sì pic­co­lo, ha già im­pa­ra­to a fa­re sla­lom tra i ca­ni e a evi­ta­re di es­se­re but­ta­to giù».

Mi scu­si, que­sto suo amo­re co­sì scon­fi­na­to non le im­pe­di­sce di es­se­re pre­sen­te in po­li­ti­ca? «Le di­co due co­se: le per­so­ne di­co­no gra­zie ai po­li­ti­ci, gli ani­ma­li no. Io mi oc­cu­po di chi gra­zie non lo può di­re e an­che de­gli in­te­res­si del­la gen­te co­mu­ne: cre­de che tut­ti pos­sa­no af­fron­ta­re le spe­se per il ve­te­ri­na­rio o per il ci­bo? Ma­ga­ri la vec­chi­na che ha un gat­to a cui è mol­to af­fe­zio­na­ta, no. Ec­co, io ho fat­to 43 pro­po­ste di leg­ge a fa­vo­re de­gli ani­ma­li e chiun­que può an­da­re sul si­to del­la Ca­me­ra a ve­der­le. E poi so­no con­tro i “be­nal­tri­sti”».

Cioè? «Chi­mi di­ce: ”Ma con tut­ti i pro­ble­mi che ha l’Ita­lia, con i po­ve­ri e via­di­cen­do, ti oc­cu­pi di ca­ni e gat­ti?”».

E lei? «Io ri­spon­do: “Sì, il mio im­pe­gno è quel­lo di rap­pre­sen­ta­re gli in­te­res­si dei più de­bo­li” e di que­sto­mi oc­cu­po. Or­go­glio­sa­men­te».

LOSTUDIO È UNA CA­SCI­NA, L’EMIT­TEN­TE È RE­TE 4 So­pra Mi­che­la Vit­to­ria Bram­bil­la, nel­la ca­sci­na lom­bar­da do­ve vie­ne re­gi­stra­to il pro­gram­ma, in on­da dal 9 di­cem­bre ogni do­me­ni­ca. Co­sì aiu­ta i suoi be­nia­mi­ni!

IN STU­DIO I VIP A de­stra, Ema­nue­la Fol­lie­ro, 53 an­ni, con la sua ca­gno­li­na, Ni­na. So­pra, un ran­da­gio. Tra gli ar­go­men­ti del pro­gram­ma, c’è il ran­da­gi­smo. Tra gli ospi­ti la Fol­lie­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.