Panorama

Barconi ridotti in quattro mosse

-

Il picco mensile degli sbarchi di quest’anno è stato raggiunto a giugno con 23.526 migranti. Poi una rapida discesa che il 23 agosto ha segnato, su tre quarti del mese, un numero di quasi otto volte inferiore: 2.859. Dipende dal codice di condotta imposto dal ministero dell’Interno alle Ong che salvano (e a volte, forse, attirano) i migranti? Non solo, alla base del cambiament­o c’è un’inversione di rotta partita a inizio 2017 i cui effetti ( vedere la tabella a fianco), hanno cominciato a manifestar­si già a luglio.E adesso, dopo il vertice di Parigi, ci si aspetta ulteriori progressi. Queste le tappe più importanti: 2 febbraio. Memorandum firmato a Roma con il governo di Fayez al-Sarraj per il sostegno italiano al controllo delle frontiere meridional­i libiche e per il rafforzame­nto della sorveglian­za lungo la costa settentrio­nale. 31 marzo. Accordo siglato a Roma fra le due principali tribù del Fezzan, regione libica a sud della Tripolitan­ia, confinante con Niger e Ciad (da cui arriva gran parte dei migranti) con la partecipaz­ione del vicepresid­ente del governo di Tripoli e un rappresent­ante del popolo nomade Tuareg, allo scopo di migliorare il controllo di quelle frontiere. 21 aprile. Consegna alla Libia da parte italiana di quattro motovedett­e per il pattugliam­ento delle coste e entrata in servizio del primo equipaggio della Guardia costiera libica addestrato in Italia 31 luglio. Entrata in vigore del codice di condotta con cui il ministero dell’Interno ha imposto alle Ong nuove condizioni, fra cui la disponibil­ità a far salire a bordo ufficiali di polizia giudiziari­a, l’impegno a non trasferire i migranti su altre navi e a tentare il recupero dei mezzi degli scafisti. Tra le organizzaz­ioni attive fino a quel momento, tre non hanno aderito mentre le altre continuano l’attività.

(Stefano Caviglia)

 ??  ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy