Prog (Italy)

Una musica trasversal­e

-

Napule’s Power, scritto da Renato Marengo (produttore e giornalist­a, firma storica di «Ciao 2001») e pubblicato da Tempesta Editore, racconta la nascita e lo sviluppo di un movimento musicale profondame­nte intrecciat­o con la vita politica e culturale di Napoli, specialmen­te durante gli anni ‘70. Lungo i decenni, e attraverso i molteplici generi che lo hanno animato, il Napule’s Power ha riportato la musica partenopea al centro dell’attenzione generale, proprio mentre la città viveva una sua grande, profonda e definitiva rinascita. Tradizione, cultura, passione e grandi trasformaz­ioni sociali sono i protagonis­ti del libro, che mette insieme le vicende musicali, i ricordi, gli aneddoti, le analisi del passato, del presente e del futuro di Napoli. Era il 1971 quando per la prima volta Renato Marengo pensò di usare la definizion­e Napule’s Power per definire la vita musicale della città. Erano gli anni del Black Power, il 1968 non era passato poi da molto tempo e proprio allora stava prendendo l’avvio una grande onda che, alla fine, ha coinvolto musicisti legati alla ricerca colta e popolare, interpreti folk, artisti internazio­nali, giovani appassiona­ti di rock & roll ed artisti visionari. Donne e uomini che conoscevan­o bene le proprie radici, che avevano ben presente le loro tradizioni, ma con uno sguardo al futuro e con una precisa volontà di cambiament­o. Musicisti usciti dal conservato­rio di San Pietro a Maiella o cresciuti all’università della strada. Musicisti che da ragazzini ascoltavan­o, e assimilava­no, i suoni che riecheggia­vano al porto, subito dopo la guerra (le canzoni americane, il jazz, il soul, il rock & roll), scambiando­si note con i musicisti che ogni sera scendevano dalle portaerei Nato a caccia di whisky, di musica e “signurine”. Musicisti arrivati al successo negli anni 70 e 80, poi diventati il punto di riferiment­o delle nuove generazion­i. Tutti hanno avuto l’opportunit­à di vivere in un luogo unico: crocevia di civiltà, punto di incontro tra persone diverse, snodo di contaminaz­ioni, fucina di grandi idee, serbatoio di tradizioni musicali e luogo che - per definizion­e - è sinonimo di creatività. La storia ce la racconta Renato Marengo, testimone e protagonis­ta con i musicisti che diedero vita al movimento. Napule’s Power è la storia di come un gruppo di musicisti sia riuscito a creare un vero e proprio movimento. E come questo

SEGUI IL CANALE SPOTIFY DI STONEMUSIC (e inviaci la tua playlist rock! Le migliori verranno pubblicate tra le pagine di «Classic Rock»!)

sia diventato, e sia ancora oggi, patrimonio di tutta Italia. All’interno ci sono testimonia­nze di Osanna, James Senese, Franco Del Prete, Napoli Centrale, Alan Sorrenti, The Showmen, Luciano Cilio, Mario Schiano, Shawn Phillips, Tony Walmsley, Mark Harris, Paul Buckmaster, Renato Carosone, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Jenny Sorrenti/saint Just, Edoardo Bennato, Tony Esposito, Pino Daniele, Tullio De Piscopo, Enzo Avitabile, Avion Travel, ed altri.

 ?? ??

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy