IL CI­NE­MA CHE VER­RÀ

Progress - - | Progress | -

2018: THE YEAR AF­TER

Do­po la ri­vol­ta di at­to­ri e re­gi­sti ne­ri e la nuo­va pre­sa di co­scien­za fem­mi­ni­sta, il ci­ne­ma di Hol­ly­wood e non so­lo si pre­pa­ra (for­se) a una nuo­va era. Par­ten­do dal­la sta­gio­ne dei pre­mi, ec­co co­sa ci aspet­ta dal nuo­vo anno ci­ne­ma­to­gra­fi­co.

Un anno di cri­si po­li­ti­ca e ideo­lo­gi­ca pro­fon­dis­si­ma è sta­to il 2017 per il ci­ne­ma e il mon­do del­lo spettacolo in ge­ne­ra­le e non so­lo a Hol­ly­wood. Quel­lo ap­pe­na fi­ni­to sa­rà ri­cor­da­to so­prat­tut­to per es­se­re sta­to l’anno del­lo sve­la­men­to del­la cap­pa di mo­le­stie che gra­va­va­no sulla Mec­ca del Ci­ne­ma - ma anche in In­ghil­ter­ra, Italia e al­tro­ve, da Wein­stein a Fau­sto Briz­zi - con tut­te le con­se­guen­ze del ca­so.

Fat­ti che pa­io­no anche con­se­guen­za del­la nuo­va bat­ta­glia per la con­sa­pe­vo­lez­za fem­mi­ni­le che par­te da re­gi­ste e at­tri­ci, che ha tro­va­to in Won­der Wo­man il suo film car­di­ne, e che se­gue le ma­ni­fe­sta­zio­ni afroa­me­ri­ca­ne (da Oscar So Whi­te a Black Li­ves Mat­ter) che han­no por­ta­to al trion­fo po­li­ti­co di un film co­me Moon­light.

Il ci­ne­ma è quin­di un mez­zo pri­vi­le­gia­to per guar­da­re al mon­do, al­le scel­te, al­le con­se­guen­ze: che anno sa­rà quin­di il pros­si­mo, quel­lo che se­gue due tem­pe­ste con­se­cu­ti­ve?

Un buon pun­to di par­ten­za per ri­spon­de­re è guar­da­re alla Awards Sea­son, la sta­gio­ne dei pre­mi ci­ne­ma­to­gra­fi­ci che dall’Ame­ri­ca sug­ge­ri­sco­no quel­li che sa­ran­no i film in usci­ta a bre­ve dan­do un’in­di­ca­zio­ne del futuro pros­si­mo: le pri­me in­di­ca­zio­ni pos­sia­mo trar­le dal­le no­mi­na­tion ai Gol­den Glo­bes che lan­cia­no tre film davvero mol­to at­te­si nel­le sa­le ita­lia­ne.

In ordine di usci­ta, il pri­mo è “Tre ma­ni­fe­sti a Eb­bing, Mis­sou­ri” (11 gen­na­io), film di­ret­to da Mar­tin McDo­na­gh che rac­con­ta la sto­ria di una ma­dre che cer­ca giu­sti­zia per la mor­te del­la fi­glia in­gag­gian­do una lot­ta con­tro la po­li­zia che la por­te­rà trop­po lontano: film di scrit­tu­ra so­praf­fi­na, con un’uma­ni­tà den­sis­si­ma che esplo­de in una se­rie di in­ter­pre­ta­zio­ni straor­di­na­rie e una ca­pa­ci­tà di nar­ra­zio­ne da ap­plau­si; il se­con­do è “Chia­ma­mi col tuo no­me” (25 gen­na­io), di­ret­to da Lu­ca Gua­da­gni­no e già tra i film più pre­mia­to dell’in­te­ra an­na­ta che si po­ne co­me ou­tsi­der tra i gran­di film del­le ma­jor ame­ri­ca­ne e i gran­di au­to­ri: una sto­ria di amo­re omo­ses­sua­le di straor­di­na­ria mi­su­ra e de­li­ca­tez­za - da un bestsel­ler omo­ni­mo - che per­met­te al regista di ab­bat­te­re le dif­fi­den­ze so­prat­tut­to ita­lia­ne e di rea­liz­za­re il suo film mi­glio­re; il ter­zo è “La for­ma dell’ac­qua” (15 feb­bra­io), il film del­la de­fi­ni­ti­va con­sa­cra­zio­ne per Guil­ler­mo Del To­ro che con que­sta per­so­na­lis­si­ma, av­vin­cen­te e com­mo­ven­te sto­ria d’amo­re, av­ven­tu­ra e li­ber­tà tra una don­na del­le pu­li­zie mu­ta e un mo­stro ma­ri­no ha vin­to il Leo­ne d’oro a Ve­ne­zia.

Tra gli au­to­ri mag­gio­ri, le gran­di at­te­se non so­no po­che: Ste­ven Spiel­berg por­ta ad­di­rit­tu­ra 2 film in po­che set­ti­ma­ne, “The Po­st” (1 feb­bra­io), che rac­con­ta la spi­no­sa vi­cen­da gior­na­li­sti­ca dei Pen­ta­gon Pa­pers che se­gue il fi­lo dei suoi film re­cen­ti da “Lin­coln” a “Il pon­te del­le spie”, e” Rea­dy Player One” (29 mar­zo) trat­to dal ro­man­zo di cul­to di Er­ne­st Cli­ne in cui tra realtà au­men­ta­ta e lot­ta per la so­prav­vi­ven­za tor­na lo Spiel­berg fu­tu­ri­bi­le di “Mi­no­ri­ty Re­port”; Wes An­der­son apri­rà il fe­sti­val di Ber­li­no a feb­bra­io con “L’iso­la dei ca­ni”, film d’ani­ma­zio­ne am­bien­ta­to in Giap­po­ne in un futuro in cui i ca­ni ven­go­no iso­la­ti

dal­la po­po­la­zio­ne; ma so­prat­tut­to sa­rà il qua­si omo­ni­mo Paul Tho­mas An­der­son ad ali­men­ta­re le at­te­se dei ci­ne­fi­li con “Il fi­lo na­sco­sto”, dram­ma am­bien­ta­to nel­la moda lon­di­ne­se de­gli an­ni ’50 e che sa­rà, così di­ce, l’ul­ti­ma in­ter­pre­ta­zio­ne di Da­niel Day Lewis. Gli echi di scan­da­li e bat­ta­glie ap­pa­io­no un po’ va­ghi: il ri­bol­li­re del­la questione raz­zia­le si può leg­ge­re nel lan­cio di “Black Pan­ther” (14 feb­bra­io), pri­mo ci­ne-co­mic qua­si all black (tran­ne il cat­ti­vo, bian­co) di­ret­to dal Ryan Co­gler di Creed (a pro­po­si­to, sa­rà lo stes­so Stal­lo­ne a da­re vi­ta al se­gui­to di quel film con Roc­ky e il fi­glio di Apol­lo); il po­te­re fem­mi­ni­le sta qua­si so­lo in “Red Spar­row”, film d’azio­ne con Jen­ni­fer La­w­ren­ce che cer­ca di ri­pe­te­re le ge­sta di Char­li­ze The­ron in “Ato­mi­ca bion­da”; e gli scan­da­li ses­sua­li si ri­per­cuo­to­no su “Tut­ti i sol­di del mon­do” (4 gen­na­io) di Rid­ley Scott, che ha ri­gi­ra­to tut­te le sce­ne di Ke­vin Spa­cey con Ch­ri­sto­pher Plum­mer (bef­far­da­men­te no­mi­na­to al Glo­be), e su Quen­tin Ta­ran­ti­no che ha do­vu­to spo­sta­re la pro­du­zio­ne del suo film su “Char­les Man­son” da Wein­stein alla So­ny.

Del ci­ne­ma eu­ro­peo è dif­fi­ci­le di­re, da­to che la pro­gram­ma­zio­ne del­le usci­te e del­la la­vo­ra­zio­ne dei film è mol­to me­no ri­go­ro­sa e pre­vi­den­te del ci­ne­ma USA e qual­co­sa in più si po­trà sa­pe­re aspet­tan­do i pri­mi ru­mors da Can­nes, men­tre più de­li­nea­ta la si­tua­zio­ne del ci­ne­ma italiano: se a Gen­na­io ar­ri­va su­bi­to

“Be­ne­det­ta fol­lia”, il nuo­vo film di Car­lo Ver­do­ne, si at­ten­do­no i ca­val­li di raz­za. Pao­lo Sor­ren­ti­no che rac­con­ta Ber­lu­sco­ni in “Lo­ro” an­drà qua­si si­cu­ra­men­te pro­prio al fe­sti­val di Can­nes; Mat­teo Gar­ro­ne, do­po aver ab­ban­do­na­to il pro­get­to su Pi­noc­chio, tor­ne­rà con una sto­ria a cui pen­sa­va da tem­po, “Dog­man” ispi­ra­to alla ter­ri­fi­can­te vi­cen­da del Ca­na­ro, ma non è da­to sa­pe­re quan­do; Nan­ni Mo­ret­ti avreb­be fi­ni­to un do­cu­men­ta­rio sulla dit­ta­tu­ra ci­le­na; men­tre Pao­lo Vir­zì ha una dop­piet­ta in ser­bo: “El­la & John”, il suo esor­dio ame­ri­ca­no con Do­nald Su­ther­land e He­len Mir­ren, in usci­ta il 18 gen­na­io, e “Not­ti ma­gi­che”, una com­me­dia noir che pro­ba­bil­men­te usci­rà in au­tun­no.

Do­po un 2017 di tran­si­zio­ne, in cui le que­stio­ni po­li­ti­che glo­ba­li sem­bra­no aver in­fluen­za­to la pro­du­zio­ne, il 2018 pro­met­te for­ti emo­zio­ni e gran­de ci­ne­ma. Anche se poi, co­me sempre, le ri­vo­lu­zio­ni si fan­no in al­tri mo­di, ma al­me­no le im­ma­gi­ni in mo­vi­men­to le ren­do­no tra­spa­ren­ti.

So­pra: To­ni Ser­vil­lo (a de­stra nei pan­ni di Ber­lu­sco­ni) e Pao­lo Sor­ren­ti­no; sot­to: Car­lo Ver­do­ne e Mat­teo Gar­ro­ne Gran­di at­te­se per il ci­ne­ma no­stra­no: Pao­lo Sor­ren­ti­no rac­con­ta Ber­lu­sco­ni in “Lo­ro“, Mat­teo Gar­ro­ne tor­na con “Dog­man”, e Pao­lo Vir­zì...

Dall’al­to: Mar­tin McDo­na­gh sul red car­pet di “Tre ma­ni­fe­sti a Eb­bing, Mis­sou­ri”; Sal­ly Ha­w­kins e Guil­ler­mo del To­ro sul red car­pet di “La For­ma dell’ac­qua”; Ste­ven Spielg­berg sul set di “Rea­dy player one”

Il 2017 è sta­to per il Hol­ly­wood un anno di cri­si po­li­ti­ca e ideo­lo­gi­ca pro­fon­dis­si­ma, ma il 2018 pro­met­te il ritorno di for­ti emo­zio­ni e gran­de ci­ne­ma

So­pra e sot­to: Do­nald Su­ther­land, Pao­lo Vir­zì e He­len Mir­ren Sot­to: gli at­to­ri in una sce­na del film “El­la & John” L’AUTORE: EMA­NUE­LE RAUCO Cri­ti­co e gior­na­li­sta ci­ne­ma­to­gra­fi­co mul­ti­me­dia­le, at­ti­vo dal 2006 sul web per poi pas­sa­re alla car­ta...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.