PROFILI ITALIANI

Progress - - | Progress | - Gro­w­th, An­gels for Ste­fa­no Va­len­ti­ni

MINIMO COMUNE MULTIPLO: L’ITALIA

Ini­zia­mo un tour tra le ec­cel­len­ze ita­lia­ne che han­no sa­pu­to di­stin­guer­si nel mon­do, riu­scen­do a fa­re la dif­fe­ren­za in ogni set­to­re. Dal­la me­di­ci­na alla nau­ti­ca, l’ul­ti­mo who’s who de­gli uo­mi­ni e le don­ne più im­por­tan­ti del­la Pe­ni­so­la

Lau­ra Iris Fer­ro, è lei la te­sti­mo­ne di quel­la che de­fi­ni­sce “l’al­tra ec­cel­len­za” del Ma­de in Ita­ly, quel­la lon­ta­na dai ri­no­ma­ti fashion e de­si­gn ma, l’am­bi­to bio­te­ch. Lau­ra Fer­ro, clas­se 1951, è una no­ta im­pren­di­tri­ce e ma­na­ger che si è sa­pu­ta di­stin­gue­re: nel 1978 ha ini­zia­to la sua car­rie­ra co­me psi­chia­tra, do­po aver con­se­gui­to la Spe­cia­liz­za­zio­ne in Psi­chia­tria, la­vo­ran­do nel­la sa­ni­tà pub­bli­ca fi­no a quan­do il pa­dre non ha de­ci­so di la­sciar­le il ti­mo­ne dell’azien­da di fa­mi­glia, la Cri­nos Spa. Nel 2001 fon­da l’azien­da bio­te­ch Gen­tium, (spin-off del­la Cri­nos) nel­la qua­le ha ri­co­per­to i ruo­li di Pre­si­den­te e Am­mi­ni­stra­to­re De­le­ga­to, por­tan­do­la nel 2005 a es­se­re quo­ta­ta in bor­sa, a Wall Street. In que­sti an­ni di­mo­stra il suo va­lo­re tan­to da riu­sci­re a ri­chia­ma­re l’at­ten­zio­ne del Wall Street Jour­nal Eu­ro­pe che l’ha de­fi­ni­ta, nel 2006, tra le 10 “Wo­men to Wat­ch”. Aspet­ta­ti­ve tutt’al­tro che di­sat­te­se: so­lo 5 an­ni do­po il Fi­nan­cial Ti­mes la in­se­ri­sce nell’elen­co dei pri­mi 100 con­si­glie­ri d’am­mi­ni­stra­zio­ne idea­li in azien­de glo­ba­li. Oggi Lau­ra Fer­ro è ad­vi­sor di

la prin­ci­pa­le as­so­cia­zio­ne ita­lia­na di business an­gels, e in­ve­ste su start-up che si di­stin­guo­no in am­bi­to me­di­co.

Per al­cu­ni la pas­sio­ne diventa la­vo­ro e tra que­sti for­tu­na­ti c’è Na­dia Pi­nar­di. La sua è una ve­ra sto­ria d’amo­re che scon­fi­na nel­la scien­za e nel ma­re. La Pi­nar­di nel 1980 si lau­rea, con il mas­si­mo dei vo­ti, in fi­si­ca e ini­zia a la­vo­ra­re a Co­lo­nia con un grup­po di me­teo­ro­lo­gi e ocea­no­gra­fi; sin dal­la me­tà de­gli an­ni No­van­ta, Na­dia Pi­nar­di ha coor­di­na­to lo svi­lup­po dell’ocea­no­gra­fia ope­ra­ti­va nel Me­di­ter­ra­neo. Oggi in­se­gna Fi­si­ca dell’at­mo­sfe­ra e Ocea­no­gra­fia all’Uni­ver­si­tà di Bo­lo­gna e col­la­bo­ra con le più pre­sti­gio­se isti­tu­zio­ni al mon­do, tra que­ste c’è il Cen­tro Eu­ro­me­di­ter­ra­neo sui Cam­bia­men­ti Cli­ma­ti­ci (CMCC), che ana­liz­za i mo­vi­men­ti ma­ri­ni at­tra­ver­so dei da­ti vi­sio­na­ti in tem­po rea­le e ot­te­nu­ti da di­ver­si si­ste­mi di mo­ni­to­rag­gio: sa­tel­li­ta­re, per quanto con­cer­ne la su­per­fi­cie, e ro­bo­ti­che per quanto ri­guar­da le pro­fon­di­tà ma­ri­ne. Pre­ve­de­re le on­de e le cor­ren­ti può ap­por­ta­re no­te­vo­li van­tag­gi da un pun­to di vi­sta ener­ge­ti­co, am­bien­ta­le e di si­cu­rez­za del­le co­ste.

Gli enor­mi pas­si in avan­ti han­no por­ta­to alla ri­cer­ca­tri­ce dei ri­co­no­sci­men­ti no­te­vo­li, tra i qua­li la re­cen­te lau­rea ho­no­ris cau­sa as­se­gna­ta dall’Uni­ver­si­tà di Lie­gi (Bel­gio) che ha esal­ta­to le ca­pa­ci­tà di Na­dia Pi­nar­di at­tri­buen­do­le il me­ri­to di es­se­re la per­so­na che più di tut­ti ha “con­tri­bui­to a da­re for­ma al pa­no­ra­ma eu­ro­peo del­le pre­vi­sio­ni ocea­ni­che”.

Ri­ma­nen­do im­mer­si nel­le ac­que sa­la­te del Mar Me­di­ter­ra­neo in­con­tria­mo anche la fi­gu­ra di Pao­lo Vi­tel­li, un ve­te­ra­no del set­to­re nau­ti­co che all’età di so­li 21 an­ni, nel 1969, fon­da la Azi­mut Srl, dan­do ini­zio a un’at­ti­vi­tà di no­leg­gio di bar­che a ve­la. In po­chis­si­mo tem­po Azi­mut rie­sce, tra­mi­te scel­te in­do­vi­na­te, a cre­sce­re di­ve­nen­do co­strut­to­re di ya­cht nel 1985, do­po aver ri­le­va­to lo sto­ri­co can­tie­re Be­net­ti. Pao­lo Vi­tel­li oggi è dun­que pre­si­den­te del Grup­po Azi­mut-Be­net­ti, realtà che co­strui­sce ya­cht a mo­to­re, dai 10 ai 100 me­tri, in 6 dif­fe­ren­ti can­tie­ri spar­si tra l’Italia e il Bra­si­le e con­ta ol­tre 2.000 di­pen­den­ti. Nel­la sua glo­rio­sa car­rie­ra Vi­tel­li è sta­to pre­si­den­te di Uci­na, l’as­so­cia­zio­ne ita­lia­na del­le in­du­strie nau­ti­che da di­por­to, riu­scen­do anche lì a da­re un’im­por­tan­te svol­ta pro­muo­ven­do il set­to­re del lea­sing nau­ti­co.

Nel suo ca­so la lau­rea ad ho­no­rem ar­ri­va dal­la Fa­col­tà di In­ge­gne­ria del Po­li­tec­ni­co di To­ri­no e nel cor­so del suo man­da­to da Pre­si­den­te dell’Uci­na ha ri­ce­vu­to anche il pre­mio per cre­sci­ta, in­no­va­zio­ne e in­ter­na­zio­na­liz­za­zio­ne - nel quin­quen­nio 2001/2006 - as­se­gna­to da Con­fin­du­stria alla mi­glio­re azien­da ita­lia­na. A oggi Azi­mut-Be­net­ti ope­ra in 68 Pae­si al mon­do e il suo mer­ca­to è glo­ba­le. I nu­me­ri 1 in Italia non so­no si­cu­ra­men­te fi­ni­ti qui, in mol­ti set­to­ri – sco­no­sciu­ti ai più – l’Italia rie­sce a di­fen­der­si be­ne, fa­cen­do tal­vol­ta la dif­fe­ren­za. Un al­tro pro­fi­lo che con­fer­ma la mae­stria dell’Italia nel mon­do è quel­lo di San­zio Bas­si­ni, di­ret­to­re del di­par­ti­men­to di Su­pe­rCom­pu­ting Ap­pli­ca­tions and In­no­va­tion (Scai) del con­sor­zio in­for­ma­ti­co Ci­ne­ca. Realtà, quest’ul­ti­ma, che si svi­lup­pa sul ter­ri­to­rio di Ca­sa­lec­chio di Re­no – a po­chi chi­lo­me­tri da Bo­lo­gna – e che riu­ni­sce 70 uni­ver­si­tà ita­lia­ne e 6 isti­tu­zio­ni di ri­cer­ca. Fio­re all’oc­chiel­lo del con­sor­zio è Mar­co­ni, un com­pu­ter po­ten­tis­si­mo che ha por­ta­to l’Italia ai pri­mi po­sti del­la clas­si­fi­ca mon­dia­le dei cal­co­la­to­ri. Mar­co­ni è in as­so­lu­to il cal­co­la­to­re più po­ten­te d’Eu­ro­pa e si ag­giu­di­ca il 14esi­mo po­sto nel­la clas­si­fi­ca mon­dia­le, aspet­to im­por­tan­tis­si­mo, co­me si de­su­me dal­le pa­ro­le di Bas­si­ni, per­ché “la no­stra po­si­zio­ne di lea­der in Eu­ro­pa, nel set­to­re del­la po­ten­za di cal­co­lo e dell’in­no­va­zio­ne le­ga­ta alla ri­cer­ca scien­ti­fi­ca, of­fre all’Italia un ruo­lo chia­ve nel pa­no­ra­ma del­la ri­cer­ca eu­ro­pea, che può es­se­re pa­ra­go­na­to a quel­lo di su­per­po­ten­ze qua­li gli Sta­ti Uni­ti e la Ci­na”. Van­to non da po­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.