IN SA­LA

Progress - - | Progress | -

L’ANI­MA IN­DIE DEL FEMMINISMO HOLLYWOODIANO

Greta Gerwig, la mu­sa del ci­ne­ma in­di­pen­den­te, esor­di­sce al­la re­gia con La­dy Bird. E su­bi­to c’è odo­re di Oscar...

For­se fra po­co, do­po la not­te de­gli Oscar, il no­me di Greta Gerwig sa­rà sul­la boc­ca di tut­ti, ma già og­gi gli ap­pas­sio­na­ti di ci­ne­ma co­no­sco­no be­ne il per­so­nag­gio: ca­li­for­nia­na di Sa­cra­men­to, vi­so gran­de e af­fa­sci­nan­te so­prat­tut­to per via dell’espres­sio­ne stu­pe­fat­ta e de­gli oc­chi gran­di, una car­rie­ra di at­tri­ce che l’ha fat­ta di­ven­ta­re la mu­sa del ci­ne­ma in­di­pen­den­te ame­ri­ca­no, so­prat­tut­to dei re­gi­sti Joe Swan­berg e Noah Baum­ba­ch (con cui con­di­vi­de an­che la vi­ta, ol­tre che il la­vo­ro) tra i pe­si mas­si­mi del ci­ne­ma lon­ta­no da ma­jor e bloc­k­bu­ster con film co­me Fran­ces Ha e Mi­stress Ame­ri­ca.

Ma quan­do l’an­no scor­so ha fat­to usci­re nel­le sa­le La­dy Bird, il suo esor­dio nel­la re­gia in so­li­ta­ria do­po la co-di­re­zio­ne di Night and Wee­kends con Swan­berg, la sua re­pu­ta­zio­ne è esplo­sa e il film - nel­le sa­le ita­lia­ne dal 1° mar­zo - ha co­min­cia­to a ma­ci­na­re en­tu­sia­smi e pre­mi tra cui il record di film me­glio re­cen­si­to del­la sto­ria di Rot­ten To­ma­toes con il 100% di re­cen­sio­ni po­si­ti­ve, 2 Gol­den Glo­bes (tra cui mi­glior com­me­dia e mi­glior at­tri­ce in una com­me­dia) e 5 can­di­da­tu­re ai pre­mi Oscar tra cui film e re­gia lan­cian­do Gerwig co­me quin­ta don­na nel­la sto­ria a es­se­re no­mi­na­ta co­me mi­glior re­gi­sta.

Il film si po­ne co­me pun­to e a ca­po di un per­cor­so all’in­ter­no del­la sce­na co­sid­det­ta mum­ble­co­re (film a bas­sis­si­mo bud­get, con po­chi am­bien­ti e tan­ti dia­lo­ghi in­ti­mi o quo­ti­dia­ni) che do­po aver­la vi­sta co­me at­tri­ce e au­tri­ce di sce­neg­gia­tu­re dei film da lei in­ter­pre­ta­ti la ve­de da­re cor­po com­ple­to a una sua idea di ci­ne­ma: La­dy Bird è un film sot­til­men­te au­to-bio­gra­fi­co che rac­con­ta di Ch­ri­sti­ne, una ra­gaz­za di Sa­cra­men­to che vi­ve in un mon­do pro­fon­da­men­te cat­to­li­co ma che cer­ca di vi­ve­re le sue espe­rien­ze di ado­le­scen­te nel 2002, tra amo­ri e di­sil­lu­sio­ni, aspi­ra­zio­ni e ri­tor­ni al­la real­tà. Un rac­con­to di for­ma­zio­ne ado­le­scen­zia­le pie­no di tut­ti gli ele­men­ti ti­pi­ci del ge­ne­re e del­la for­ma­zio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca del­la sua re­gi­sta, tra in­ciam­pi e im­ba­raz­zi per­so­na­li, mi­no­ran­ze ses­sua­li e cul­tu­ra­li, la fur­ba cu­ra con cui la sce­neg­gia­tu­ra me­sco­la i cli­ché per crea­re em­pa­tia ed emo­ti­vi­tà ma an­che la fre­schez­za e la di­sin­vol­tu­ra che per­met­to­no al­la re­gi­sta di ren­de­re quei cli­ché e quel­le ba­na­li­tà ben ar­chi­tet­ta­te in qual­cos’al­tro di un apo­teo­si di po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to. La­dy Bird in­fat­ti tra­sfor­ma un rac­con­to sul­la ri­cer­ca d’iden­ti­tà di una ra­gaz­za in qual­co­sa di più am­pio e pro­fon­do, in cui la for­za del fem­mi­ni­le di­ven­ta il fil­tro con cui guar­da­re agli Sta­ti Uni­ti de­gli ul­ti­mi 10/15 an­ni: oscil­lan­do tra con­sa­pe­vo­lez­za e in­ge­nui­tà, Gerwig sce­glie uno sguar­do al­ter­na­ti­vo al­la cul­tu­ra tra­di­zio­na­li­sta ame­ri­ca­na e agli Sta­ti Uni­ti re­li­gio­si e chiu­si in lo­ro che han­no da­to una ma­no al­la vit­to­ria di Trump, e pro­va a ri­leg­ge­re il tut­to dall’in­ter­no, at­tuan­do pro­prio at­tra­ver­so il gio­co de­gli ste­reo­ti­pi un mo­do sin­ce­ro di rac­con­ta­re le fac­ce op­po­ste e com­ple­men­ta­ri di un pae­se sen­za ci­ni­smo, an­zi con la de­di­zio­ne con cui la­vo­ra an­che den­tro di sé, o me­glio den­tro la sua pro­ta­go­ni­sta.

Il viag­gio del­la sco­per­ta di Ch­ri­sti­ne è an­che un viag­gio sim­bo­li­co (e so­cio-cul­tu­ra­le), e qua­le sim­bo­lo mi­glio­re dell’iden­ti­tà che non la scel­ta del pro­prio no­me, di ciò che si vuo­le es­se­re e del­le per­so­ne che si vo­glio­no fre­quen-

ta­re, del da­re una fi­sio­no­mia pre­ci­sa ep­pu­re in­cer­ta al­la pro­pria vi­ta? Il po­li­ti­ca­men­te cor­ret­to, ma sa­reb­be me­glio de­fi­nir­lo com­pren­sio­ne ed equi­di­stan­za, di­ven­ta un mo­do in­te­res­san­te per Gerwig per pen­sa­re e pro­va­re a ca­pi­re il suo pae­se. At­tra­ver­so una ra­gaz­za e per nul­la “co­mu­ne”. E que­sto pun­to di vi­sta ha evi­den­te­men­te fat­to brec­cia nel cuo­re dell’esta­bi­lish­ment hollywoodiano che ha ar­ruo­la­to Gerwig nel mo­vi­men­to hollywoodiano chia­ma­to #MeToo e che lot­ta per da­re vo­ce al­le vit­ti­me di mo­le­stie ses­sua­li sui po­sti di la­vo­ro, so­prat­tut­to nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo, e che con qual­che so­spet­to di cal­co­lo ha de­ci­so - in vi­sta del­le no­mi­na­tion agli Oscar che han­no esclu­so no­mi chiac­chie­ra­ti in tal sen­so co­me Ja­mes Fran­co - di rin­ne­ga­re la sua par­te­ci­pa­zio­ne a To Rome wi­th Lo­ve di Woo­dy Al­len, di­cen­do che si ver­go­gna di aver la­vo­ra­to con lui, ac­cu­sa­to di aver mo­le­sta­to la fi­glia Dy­lan Far­row, ac­cu­se am­pia­men­te de­ca­du­te e con­fu­ta­te a va­ri li­vel­li, ma il mo­vi­men­to non co­no­sce ra­gio­ni se non quel­le di un ma­lin­te­so an­ta­go­ni­smo al pa­triar­ca­to.

Un in­ciam­po a ben ve­de­re, ma che sot­to­li­nea an­che l’in­tel­li­gen­za “po­li­ti­ca” di una ra­gaz­za che ha un ta­len­to pre­ci­so, mol­to più po­sa­to e ocu­la­to di quel­lo nar­ci­si­sta e au­to-di­strut­ti­vo di Le­na Du­n­ham di cui rap­pre­sen­ta la fac­cia pre­sen­ta­bi­le, ma che per que­sto sa co­strui­re per­so­nag­gi, rac­con­ti e mo­di di nar­rar­li - an­che da au­tri­ce a tut­to ton­do - che san­no ar­ri­va­re a un pub­bli­co sem­pre più am­pio, sem­pre me­no set­ta­to su­gli sche­mi del ci­ne­ma in­die e sul­le di­na­mi­che del­la nic­chia in­tel­let­tua­le (non a ca­so, Gerwig non è new­yor­ke­se). Ed è per que­sto che La­dy Bird po­treb­be di­ven­ta­re la sua sca­la al pa­ra­di­so. Fem­mi­ni­sta, ma­ga­ri, ma non trop­po.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.