RE­GI­NA

Progress - - In Sala -

Jes­si­ca Cha­stain è la ma­gne­ti­ca pro­ta­go­ni­sta di Mol­ly’s Ga­me, l’esor­dio al­la re­gia per il ci­ne­ma del gran­de sce­neg­gia­to­re Aa­ron Sor­kin

C’è un po­ten­tis­si­mo ma­gne­te a ca­la­mi­ta­re lo sguar­do del­lo spet­ta­to­re di Mol­ly’s Ga­me. E non è il po­ker, non so­no le car­te co­per­te e sco­per­te del Te­xas hold’em. È la sua pro­ta­go­ni­sta Jes­si­ca Cha­stain che as­sie­me al suo ca­ri­sma d’in­ter­pre­te met­te in gio­co an­che il suo in­cre­di­bi­le fa­sci­no esal­ta­to da­gli abi­ti di Su­san Lyall e dal truc­co di Sa­rah Craig. Ca­pel­li ros­si, oc­chi chia­ri e vi­bran­ti e cor­po in mo­stra: Cha­stain in­ter­pre­ta la ve­ra sto­ria di Mol­ly Bloom, ex-cam­pio­nes­sa di sci che do­po un in­for­tu­nio che le stron­ca la car­rie­ra sfrut­ta la sua bel­lez­za e in­tel­li­gen­za or­ga­niz­zan­do par­ti­te di po­ker ad al­to li­vel­lo. Ma la for­tu­na ci met­te­rà po­co a gi­ra­re nel verso sba­glia­to. Trat­to dal li­bro di me­mo­rie del­la ve­ra Bloom, Mol­ly’s Ga­me in­fat­ti si apre al­la vi­gi­lia del pro­ces­so che ve­de Mol­ly im­pu­ta­ta nien­te­me­no che per ma­fia e da lì tra fla­sh­back e rac­con­to si sve­la il mon­do che ha co­no­sciu­to e quel­lo che an­drà ad af­fron­ta­re. A di­ri­ge­re la diva uno dei più gran­di - for­se il più gran­de - sce­neg­gia­to­re vi­ven­te, Aa­ron Sor­kin che do­po aver scrit­to pie­tre mi­lia­ri del­la tv (The We­st Wing su tut­ti, ma an­che il po­co co­no­sciu­to Stu­dio 60 on the Sun­set Strip) e gran­di film sul­la co­mu­ni­ca­zio­ne, da The So­cial Net­work di Da­vid Fin­cher a Ste­ve Jobs di Dan­ny Boy­le (ma an­che un gran­de le­gal th­ril­ler co­me Co­di­ce d’ono­re), ap­pro­da al­la re­gia per la pri­ma vol­ta. Una sfi­da in­te­res­san­te per­ché Sor­kin è uno dei ra­ri sce­neg­gia­to­ri hol­ly­woo­dia­ni ca­pa­ci di di­ri­ge­re an­che sen­za met­te­re ma­no al­la re­gia, di ren­de­re per­so­na­li i pro­get­ti su cui la­vo­ra at­tra­ver­so la pa­ro­la, la scrit­tu­ra, il rit­mo.

E do­po aver sca­va­to nei mean­dri del­la co­mu­ni­ca­zio­ne pub­bli­ca, nei die­tro le quin­te di po­li­ti­ca e po­te­re, par­ten­do dal­la tv e dal gior­na­li­smo per ar­ri­va­re al­la Ca­sa bianca o nell’an­tro di Zuc­ker­berg, Sor­kin sce­glie il po­ker co­me an­ti-ca­me­ra del po­te­re, co­me luo­go pri­vi­le­gia­to per sco­var­ne i mec­ca­ni­smi: con la sua Mol­ly co­me Ci­ce­ro­ne, che in pri­ma per­so­na rac­con­ta le par­ti­te e le stra­te­gie e le le­ga ai rap­por­ti di in­fluen­za con le per­so­ne che da lei gio­ca­no - di­vi, av­vo­ca­ti, im­pren­di­to­ri: gen­te in gra­do di far gi­ra­re 2 mi­lio­ni di dol­la­ri a par­ti­ta - per di­ven­ta­re qual­cu­no, per ar­ri­va­re ai ver­ti­ci del­la so­cie­tà con una via più sem­pli­ce dell’im­pe­gno spor­ti­vo o del­lo stu­dio le­ga­le che so­gna­va da gio­va­ne adul­ta. E co­me sem­pre a Sor­kin in­te­res­sa­no i die­tro le quin­te, i luo­ghi de­fi­la­ti da cui agi­re in pro­fon­di­tà e in si­len­zio e da do­ve è pos­si­bi­le ve­de­re i fat­ti che con­ta­no for­mar­si e ac­ca­de­re: co­me Mol­ly, an­che l’au­to­re del film se­gue un me­to­do di os­ser­va­zio­ne e poi lo tra­sfi­gu­ra in dia­lo­ghi ser­ra­tis­si­mi e mes­sin­sce­na ver­ba­le del po­te­re.

A ren­de­re in un cer­to sen­so ori­gi­na­le Mol­ly’s Ga­me è la sua pro­spet­ti­va: non si guar­da al po­ker gio­ca­to co­me ele­men­to di su­spen­se co­me nel­la lun­ga tra­di-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.