Li­ke a lo­cal

Progress - - Le Forme, L’arte -

L’APERITIVO

Un mu­st quel­lo in Piaz­za Ar­nal­do, uno dei cuo­ri del­la mo­vi­da bre­scia­na: non c’è che l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta quan­to ai lo­ca­li ma da El So­bri­n­ho si be­ve un ot­ti­mo “Pir­lo” (lo Spri­tz a Brescia), con una gi­ran­do­la di fin­gers.

Nel­le se­re più cal­de si sta fuo­ri del Vi­sel­li nel vi­co­lo To­sio, ve­ra isti­tu­zio­ne a Brescia, sor­seg­gian­do lo “cham­pa­gno­ne” in­ven­ta­to pro­prio qui e la cui ri­cet­ta resta se­gre­ta. A Ber­ga­mo l’aperitivo si fa al Di­ciot­to, a via Sant’Or­so­la, nel qua­dri­la­te­ro del­la mo­da ber­ga­ma­sca. 40 ti­pi di gin to­nic tut­ti da pro­va­re!

IL VIA VAI

A Brescia si co­min­cia in Cor­so Ma­gen­ta, al­ter­nan­do ai ne­go­zi qual­che sguar­do ai bei pa­laz­zi o ai giar­di­ni in­ter­ni. Si de­via per via Trie­ste per una ve­lo­ce in­cur­sio­ne nel pic­co­lo Mu­seo de­gli Stru­men­ti Mu­si­ca­li den­so di cu­rio­si­tà. Poi una so­sta lun­go via dei Mu­sei a San­ta Giu­lia, me­ra­vi­glio­so com­ples­so mu­sea­le in par­te a cie­lo aper­to. Si pro­se­gue pas­seg­gian­do sotto i por­ti­ci di Cor­so Za­nar­del­li tra le bou­ti­que più chic e le fir­me. Ci si spo­sta in via di San Fau­sti­no, a due pas­si da piaz­za Log­gia a Brescia, per i ne­go­zi più al­ter­na­ti­vi e l’an­ti­qua­ria­to. Da non per­de­re su Con­tra­da San­ta Chia­ra una so­sta da Pas­sa­do­ri, an­ti­ca ca­sa di pia­no­for­ti con va­stis­si­ma gal­le­ria ne­go­zio da ri­ma­ne­re sba­lor­di­ti e af­fa­sci­na­ti.

E già si è ar­ri­va­ti al Car­mi­ne, il quar­tie­re cuo­re del­la mo­vi­da e sem­pre più vi­vo an­che di gior­no con una po­po­la­zio­ne mul­tiet­ni­ca ben in­te­gra­ta, gio­va­ni cop­pie e qual­che vec­chio bre­scia­no. Un quar­tie­re “open mind” co­me di­ce Mau­ri­zio, ta­lent scout di sti­li­sti emer­gen­ti che riu­ni­sce da Mau­ri­zio 14, in via del­le Bat­ta­glie, la mo­da di ri­cer­ca. Ve­ner­dì e sabato resta aper­to an­che do­po l’una di not­te. Si chiac­chie­ra, si be­ve un bic­chie­re in­sie­me, ci si spo­sta al Car­men To­wn, pro­prio ac­can­to, per ascoltare mu­si­ca dal vi­vo fi­no all’al­ba.

A Ber­ga­mo lo shop­ping si fa nel­la Cit­tà Bas­sa d’im­pron­ta pia­cen­ti­nia­na, lun­go il cor­so o “sen­tie­ro­ne”, pal­co­sce­ni­co del­la cit­tà, e nel­le viuz­ze la­te­ra­li. Sen­za di­men­ti­ca­re pe­rò di de­di­ca­re del tempo al­la splen­di­da Ac­ca­de­mia Car­ra­ra, una del­le pi­na­co­te­che più bel­le d’Ita­lia. Una pas­seg­gia­ta

sul­le or­me di Do­niz­zet­ti, dal­la ca­sa na­tia al mu­seo de­di­ca­to, la tom­ba, il Con­ser­va­to­rio, è un’oc­ca­sio­ne per per­der­si in quel­lo scri­gno in­can­ta­to di bel­lez­za che è la par­te alta tra viuz­ze e scor­ci moz­za­fia­to.

Per il tè del­le cin­que c’è lo sto­ri­co Caf­fè Ca­vour del­la fa­mi­glia Ce­rea da sem­pre pun­to d’in­con­tro dei poe­ti ber­ga­ma­schi. In un bell’am­bien­te an­ti­co sul cor­so del­la Cit­tà Alta si as­sag­gia una gran­de pa­stic­ce­ria all’al­tez­za del­lo stel­la­to “da Vit­to­rio”. Da non per­de­re la po­len­ta e osei, dol­ce ti­pi­co ber­ga­ma­sco: una cu­po­la di pan di Spagna e pa­sta di man­dor­le gial­la con in ci­ma due uc­cel­li­ni di cioc­co­la­ta.

IL DO­PO TEA­TRO

Do­po il concerto, an­che a tar­da ora, Brescia è an­co­ra vi­va­cis­si­ma. I più mo­da­io­li la not­te la pas­sa­no all’Area Doks: dal­la ce­na in un bel­lo spa­zio con cu­ci­na a vi­sta all’area Loun­ge Bar per un cock­tail, da qui non non si può non pas­sa­re. Ci so­no pro­prio tut­ti,do­po mez­za­not­te si sten­ta a far­si lar­go, si va an­che per ve­de­re chi c’è ed es­se­re vi­sti. Da non per­de­re l’Area De­si­gn con ar­re­di, tes­su­ti, mo­bi­li da ac­qui­sta­re. Ber­ga­mo Alta è una cit­tà più tran­quil­la, pe­rò il Caf­fè La Ma­rian­na, a Lar­go Col­le Aper­to, ap­pe­na fuo­ri le mu­ra sul­la piaz­zet­ta giar­di­no, fi­no a tar­da ora è il po­sto giu­sto per un ge­la­to al­la strac­cia­tel­la in­ven­ta­ta qui nel lon­ta­no 1961.

LA PAU­SA GOLOSA

A Brescia Pa­stic­ce­ria Ve­ne­to, via Salvo D’Ac­qui­sto 8, la “Mai­son” di Igi­no Mas­sa­ri, il più gran­de Mae­stro pa­stic­ce­re ita­lia­no e uno dei più gran­di al mon­do.

Un ca­po­la­vo­ro tut­ti i lie­vi­ta­ti, co­sì co­me il re­sto del­la pa­stic­ce­ria, dol­ce e sa­la­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.