SOUND STO­RE by Ric­car­do Ca­vrio­li

Progress - - Focus Mobilitá -

BIRDS OF AMERICA by “LA­KE RUTH” (Fe­ral Child - 2018)

È uno scri­gno d’in­can­te­vo­li se­gre­ti quel­lo che ci tro­via­mo fra le ma­ni con il se­con­do al­bum dei La­ke Ruth. Hew­son Chen, Matt Schulz e Al­li­son Bri­ce han­no una pa­dro­nan­za as­so­lu­ta di una ma­te­ria mu­si­ca­le can­gian­te e pre­zio­sa che, fra le lo­ro ma­ni, as­su­me for­me su­bli­mi. Un pop re­trò che esce dal­la se­zio­ne “cham­ber” e guar­da sen­za pau­ra al­lo spe­ri­men­ta­li­smo e al fu­tu­ro, co­me se i Car­di­gans se la spas­sas­se­ro con gli Ste­reo­lab, co­sì, tan­to per fa­re un ac­co­sta­men­to tutt’al­tro che for­za­to. Al­li­son è sem­pli­ce­men­te ma­gni­fi­ca, ha una vo­ce co­sì ca­rez­ze­vo­le che ci po­trem­mo per­de­re den­tro di lei sen­za nem­me­no ac­cor­ger­ce­ne, ma i suoi com­pa­gni di viaggio la met­to­no in gra­do di va­lo­riz­zar­la, po­co ma si­cu­ro. Ha una ca­pa­ci­tà più uni­ca che ra­ra que­sta band di te­ner­ci in­chio­da­ti all’ascol­to: im­pos­si­bi­le re­si­ste­re al­le sug­ge­stio­ni che si apro­no tan­to agli an­ni

’60 e ai Saint Etien­ne, pas­san­do per mor­bi­da e me­lo­di­ca po­pe­de­lia e im­pul­si rit­mi­ci qua­si krau­trock. “One Of Your Own” è ca­ra­mel­la pop di una dol­cez­za as­so­lu­ta, sug­ge­stio­ni noir per “Under The Wa­ning Moon” e una cam­mi­na­ta tre me­tri so­pra il cie­lo per “VV” che ci tie­ne in so­spen­sio­ne. Tan­tis­si­mi spun­ti, tan­tis­si­mi co­lo­ri (non so­lo te­nui) e una vi­ta­li­tà che ci emo­zio­na. Uno di quei di­schi po­co ce­le­bra­ti ma che, in­ve­ce, me­ri­ta pro­fon­de lo­di.

SUNDAY BE­ST by “MAR­THA FFION” (Turn­sti­le Mu­sic - 2018)

I com­pli­men­ti so­no d’ob­bli­go per la de­li­zio­sa Mar­tha, fan­ciul­la ir­lan­de­se (ma ora stan­zia­ta a Gla­sgow) che ha sem­pre fat­to le co­se in mo­do or­di­na­to e sen­za fret­ta. Ci

era pia­ciu­to il suo EP “Trip” di un pa­io d’an­ni fa e ora ec­co­la di nuo­vo qui, con un di­sco per­fet­ta­men­te in gra­do di bi­lan­cia­re il mo­der­no con il pas­sa­to. Abi­le tes­si­tri­ce di ri­ca­mi an­ni ‘60, ec­co che sen­za pen­sar­ci un at­ti­mo te la tro­vi ar­meg­gia­re, con ot­ti­mo gu­sto me­lo­di­co, con chi­tar­re elet­tri­che dal­la ve­ste più at­tua­le, sen­za che la ma­gia

pre­ce­den­te sva­ni­sca nel nul­la. Il fi­lo con­dut­to­re pa­re pro­prio es­se­re la sen­si­bi­li­tà e l’in­no­cen­za di Mar­tha, che ti guar­da con quel­lo sguar­do

fur­bo e ma­li­zio­so, sia quan­do fa la “du­ra” sia quan­do si mo­stra più dol­ce, av­ven­tu­ran­do­si in un di­ver­ti­men­to pop al pia­no (ci ven­go­no in men­te i pri­mi Car­di­gans in “We Ma­ke Do”). Se poi dal ci­lin­dro estrae zuc­che­ro fi­la­to co­me nel ca­so di “Real Lo­ve” o “Bea­ch”, che so­no di­stil­la­to pu­ris­si­mo di gui­tar-pop ap­pic­ci­co­so ol­tre ogni li­mi­te,

ec­co che il no­stro cuo­re è ra­pi­to per sem­pre. Equi­li­brio, co­se fat­te be­ne sen­za stra­fa­re, un buon gu­sto per la me­lo­dia e una buo­na ver­sa­ti­li­tà: Mar­tha Ffion ha fat­to dav­ve­ro un di­sco di fa­ci­le pre­sa e ben cu­ra­to che, sen­za par­ti­co­la­ri vo­li pin­da­ri­ci nel­la ri­cer­ca so­no­ra, me­ri­ta co­mun­que le

no­stre lo­di. Bra­va.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.