È QUE­STA L’ITA­LIA CHE SO­GNA

Dal 9 set­tem­bre tut­ti pron­ti a ti­fa­re il se­stet­to az­zur­ro, che a Ro­ma inau­gu­re­rà il Mon­dia­le di vol­ley con­tro il Giap­po­ne. Gi­gi Ma­stran­ge­lo, sto­ri­co ex gio­ca­to­re del­la Na­zio­na­le, ci spie­ga co­sa vuol di­re vi­ve­re cer­ti mo­men­ti.

Progress - - Contents - Ales­san­dro Cre­ta

C’è un’Ita­lia spor­ti­va che so­gna e fa so­gna­re, c’è una trup­pa az­zur­ra che al Mon­dia­le ci sa­rà e da pro­ta­go­ni­sta, sen­za na­scon­der­si, sen­za ti­mo­ri, con l’obiet­ti­vo di ar­ri­va­re fi­no in fon­do. È un’Ita­lia che ci ren­de or­go­glio­si, ma di cui ci si ac­cor­ge, col­pe­vol­men­te, il più del­le vol­te so­lo nel­le gran­di oc­ca­sio­ni. Par­lia­mo di un’Ita­lia com­pe­ti­ti­va e te­mu­ta: è l’Ita­lia del vol­ley, una na­zio­na­le che si ap­pre­sta a vi­ve­re in ca­sa una ca­val­ca­ta che ci au­gu­ria­mo trion­fa­le. Pro­ta­go­ni­sta un grup­po che vi­ve per la mag­gior par­te dell’an­no all’oscu­ro di mol­ti ri­flet­to­ri, di quei ri­flet­to­ri che so­no pun­ta­ti per il­lu­mi­na­re al­tri atle­ti, al­tri per­cor­si spor­ti­vi che ne­gli ul­ti­mi me­si ci han­no fat­to sof­fri­re, dan­na­re, ar­rab­bia­re. Ora pe­rò quel­le lu­ci so­no nuo­va­men­te so­pra gli az­zur­ri del vol­ley, e l’obiet­ti­vo è te­ner­le ac­ce­se e pun­ta­te il più a lun­go pos­si­bi­le. La cop­pa del Mon­do di vol­ley sa­rà pro­ta­go­ni­sta in que­sto set­tem­bre e, ve­nen­do da un’esta­te sen­za Ita­lia in Rus­sia, la trup­pa az­zur­ra po­trà ri­scat­ta­re il no­stro mo­vi­men­to spor­ti­vo nei pa­laz­zet­ti di ca­sa.

Si di­spu­te­rà in Ita­lia (As­sa­go, Ba­ri, Bo­lo­gna, Fi­ren­ze, Ro­ma e To­ri­no) e Bul­ga­ria (Ru­se, So­fia e Var­na) la com­pe­ti­zio­ne che rac­co­glie­rà tut­te le mi­glio­ri se­le­zio­ni a li­vel­lo glo­ba­le. C’è mol­ta at­te­sa per gli uo­mi­ni di coa­ch Blen­gi­ni: Zay­tsev e com­pa­gni han­no l’op­por­tu­ni­tà di rag­giun­ge­re la vet­ta del mon­do di fron­te al pub­bli­co amico, ma ad osta­co­lar­li ci sa­ran­no al­tre na­zio­na­li al­tret­tan­to ag­guer­ri­te e com­pe­ti­ti­ve (Bra­si­le, USA, Polonia, so­lo per ci­ta­re le pri­me 3 del ran­king mon­dia­le).

Ha vin­to mol­to in car­rie­ra con la ma­glia ita­lia­na Lui­gi “Gi­gi” Ma­stran­ge­lo, sto­ri­co ex ca­pi­ta­no az­zur­ro che con la Na­zio­na­le ha ot­te­nu­to, tra le al­tre co­se, an­che 3 ori eu­ro­pei, 2 World Lea­gue, due bron­zi e un ar­gen­to olim­pi­co (Sid­ney 2000, Lon­dra 2012, Ate­ne 2004) e un ar­gen­to al­la Cop­pa del Mon­do del 2003 in Giap­po­ne. Ci ha spie­ga­to co­sa vuol di­re es­se­re non un sem­pli­ce pal­la­vo­li­sta, ma un pal­la­vo­li­sta del­la Na­zio­na­le.

“La pal­la­vo­lo è sta­ta una mae­stra di vi­ta,

mi ha la­scia­to de­gli in­se­gna­men­ti che ora cer­co di tra­smet­te­re ai miei fi­gli per­ché ve­do il vol­ley co­me lo sport

più edu­ca­ti­vo”

Gi­gi Ma­stran­ge­lo - ex pal­la­vo­li­sta

Co­sa ti ha spin­to a gio­ca­re a pal­la­vo­lo? È sta­ta la tua pri­ma scel­ta? An­che per­ché eri qua­si po­li­ziot­to…

Sa­reb­be sta­to il mio me­stie­re per­ché i miei avreb­be­ro vo­lu­to si­ste­mar­mi nel clas­si­co po­sto fis­so. Fi­no a 17 an­ni ho gio­ca­to a cal­cio poi al­tri ra­gaz­zi, ve­den­do la mia al­tez­za, mi pres­sa­ro­no af­fin­ché pro­vas­si con la pal­la­vo­lo nel­la squa­dra del mio paese, Mot­to­la. Ci fu mol­ta in­si­sten­za da par­te lo­ro, pro­vai un pa­io di al­le­na­men­ti, che di­ven­ta­ro­no 5, 10 e co­sì via…si­no ad ar­ri­va­re a gio­ca­re pri­ma al Ma­te­ra, poi a Mi­la­no in Se­rie A. Fu lì che par­tì ve­ra­men­te la mia car­rie­ra.

A chi ti ispi­ra­vi da bam­bi­no? Og­gi in­ve­ce in chi si ri­ve­de Ma­stran­ge­lo tra i gio­ca­to­ri del­la Na­zio­na­le?

In ve­ri­tà non mi so­no mai ispi­ra­to a nes­su­no, quan­do ho ini­zia­to col vol­ley guar­da­vo i gio­ca­to­ri del tem­po ma non ho mai pre­so nes­su­no co­me mo­del­lo, mi so­no sem­pre al­le­na­to non guar­dan­do al­tri, ma so­lo per mi­glio­ra­re. Og­gi mi di­spia­ce dir­lo ma non ve­do nes­sun cen­tra­le in Na­zio­na­le che pos­sa av­vi­ci­nar­si ai pa­ri ruo­lo dei miei tem­pi. Ave­va­mo al­tre ca­rat­te­ri­sti­che, più cat­ti­ve­ria, ma mol­ti di quel­li at­tua­li so­no an­che gio­va­ni, quin­di la­scia­mo­li cre­sce­re.

Il cal­cio è lo sport più na­zio­nal-po­po­la­re in Ita­lia. C’è qual­co­sa che dal cal­cio por­te­re­sti nel vol­ley e vi­ce­ver­sa?

Por­te­rei nel cal­cio i va­lo­ri che in­se­gna il no­stro sport. Va­lo­ri co­me il ri­spet­to re­ci­pro­co, il ri­go­re, l’os­ser­van­za del­le re­go­le, co­se che per me nel cal­cio non ci so­no o ci so­no in to­no mi­no­re. La pal­la­vo­lo è sta­ta una mae­stra di vi­ta, mi ha la­scia­to de­gli in­se­gna­men­ti che ora cer­co di tra­smet­te­re ai miei fi­gli per­ché ve­do il vol­ley co­me sport più edu­ca­ti­vo. Dal cal­cio in­ve­ce por­te­rei in­ve­ce i con­trat­ti (ri­de, ndr), non pro­prio con tut­ti que­gli “ze­ri”, ma ne ba­ste­reb­be an­che una par­te…

Ve­nia­mo dal­la man­ca­ta par­te­ci­pa­zio­ne al mon­dia­le di cal­cio, ora mol­te aspet­ta­ti­ve so­no su­gli az­zur­ri del vol­ley. Da spor­ti­vo, co­me spie­ghi la de­ba­cle dei pri­mi e cre­di che que­sto fal­li­men­to cal­ci­sti­co pos­sa por­ta­re al vol­ley mag­gio­re vi­si­bi­li­tà?

Lo sport vi­ve an­che di que­ste di­sfat­te, in par­ti­co­lar mo­do quan­do ci so­no dei ri­cam­bi ge­ne­ra­zio­na­li e si pas­sa da gran­di gio­ca­to­ri ad atle­ti me­no esper­ti, me­no ta­len­tuo­si e con mi­no­re per­so­na­li­tà. È suc­ces­so an­che nel vol­ley, quan­do ha fi­ni­to la mia ge­ne­ra­zio­ne c’è sta­to un ri­cam­bio piut­to­sto bru­sco che nell’im­me­dia­to non ha da­to mol­ti ri­sul­ta­ti. So­no mo­men­ti che tut­ti gli sport de­vo­no vi­ve­re. Nel cal­cio è an­da­ta co­sì per­ché non ci so­no ta­len­ti ca­pa­ci di pren­der­si la squa­dra sul­le spal­le ti­ran­do la car­ret­ta, si pec­ca di qua­li­tà e per­so­na­li­tà. In­dos­sa­re la ma­glia az­zur­ra non è sem­pli­ce, ha un pe­so no­te­vo­le e non tut­ti rie­sco­no a por­tar­la.

Io spe­ro che que­sto por­ti mag­gio­re vi­si­bi­li­tà al vol­ley, co­sì co­me spe­ro che il Mon­dia­le sia tra­smes­so in chia­ro in tv, che lo pos­sa­no ve­de­re tut­ti per­ché so­lo co­sì si può cre­sce­re. Uno sport co­me la pal­la­vo­lo de­ve es­se­re più frui­bi­le e a di­spo­si­zio­ne del­la mag­gior par­te del­le per­so­ne. Ri­pe­to: so­lo co­sì può cre­sce­re.

“In­dos­sa­re la ma­glia az­zur­ra non è sem­pli­ce, ha un pe­so no­te­vo­le e non tut­ti rie­sco­no a por­tar­la.” Gi­gi Ma­stran­ge­lo - ex pal­la­vo­li­sta

Co­me ve­di la no­stra squa­dra in ot­ti­ca Mon­dia­le? Il fat­to di gio­ca­re in ca­sa rap­pre­sen­ta una gros­sa op­por­tu­ni­tà, ma c’è al­tret­tan­ta pres­sio­ne?

Non par­le­rei di pres­sio­ne. Un Mon­dia­le in ca­sa è una gran­de op­por­tu­ni­tà, il pub­bli­co è il set­ti­mo uo­mo e rap­pre­sen­ta un aiu­to in più. Quan­do gio­ca­vo io ad ogni pun­to rea­liz­za­to ve­ni­va giù il pa­laz­zet­to, e spe­ro che que­sto pos­sa ri­pe­ter­si an­che ora. Fa­re po­dio la ve­do co­me pos­si­bi­li­tà con­cre­ta, no­no­stan­te mol­te na­zio­na­li che al mio tem­po non era­no di gran li­vel­lo ora sia­no mol­to for­ti. Di­pen­de­rà an­che da­gli ac­cop­pia­men­ti dopo i gi­ro­ni, ci vuo­le an­che un po’ di for­tu­na ma se­con­do me per l’Ita­lia il po­dio sa­reb­be un buon tra­guar­do. La fi­na­le sa­reb­be il mas­si­mo ma non di­sde­gne­rei un ter­zo po­sto.

Ate­ne 2004, a di­stan­za di 14 an­ni, rap­pre­sen­ta più de­lu­sio­ne per il man­ca­to oro o sod­di­sfa­zio­ne per una gran­dis­si­ma ca­val­ca­ta? Di­pen­de da co­me la si vuo­le va­lu­ta­re: in quel­la fi­na­le olim­pi­ca noi in­con­tram­mo il Bra­si­le più for­te di tut­ti i tem­pi e sul cam­po dem­mo tut­ti noi stes­si, la lo­ro pe­rò era una squa­dra for­tis­si­ma con la qua­le la se­le­zio­ne ver­deo­ro odier­na non tie­ne il con­fron­to. Quel­la fi­na­le per noi non fu un ar­gen­to ma un “oro bian­co”, ci sia­mo in­chi­na­ti di fron­te ai più for­ti.

Co­sa pas­sa nel­la men­te di un atle­ta a po­chi mi­nu­ti da una fi­na­le olim­pi­ca o mon­dia­le? Hai mai avu­to qual­che ri­to par­ti­co­la­re ne­gli spo­glia­toi? Ognu­no ha la sua usan­za, io ad esem­pio per sca­ra­man­zia in­dos­sa­vo sem­pre lo stes­so slip nel­le par­ti­te più im­por­tan­ti. Al­tri miei com­pa­gni si con­cen­tra­va­no ascol­tan­do mu­si­ca. Si pen­sa co­mun­que al­la par­ti­ta, che è un chio­do fis­so già dal­la se­ra pri­ma, quan­do stu­di gli av­ver­sa­ri, guar­di i lo­ro vi­deo. An­che pri­ma di an­da­re a dor­mi­re si cer­ca­va di pen­sa­re a co­sa fa­re in cam­po.

Guar­dan­do­ti in­die­tro, hai un rim­pian­to par­ti­co­la­re? E la più gran­de sod­di­sfa­zio­ne?

Le sod­di­sfa­zio­ni più gran­di so­no l’Eu­ro­peo vin­to nel 2005 a Ro­ma e l’ar­gen­to di Ate­ne. Di rimpianti non ne ho mol­ti, for­se l’uni­co è non aver fi­ni­to la car­rie­ra co­me avrei vo­lu­to: so­gna­vo una par­ti­ta d’ad­dio con i più gran­di gio­ca­to­ri, un po’ co­me si usa fa­re nel cal­cio. La pal­la­vo­lo pe­rò non ha lo stes­so ap­peal, nel cal­cio si met­to­no in pie­di ve­ri e pro­pri show, men­tre nel no­stro sport non si è so­li­ti or­ga­niz­za­re co­se si­mi­li.

Pro­get­ti fu­tu­ri e so­gni del cas­set­to?

Per il mo­men­to non ho tan­ti so­gni, ma mi pia­ce­reb­be un fu­tu­ro da at­to­re. Do­vrei stu­dia­re re­ci­ta­zio­ne, pre­pa­rar­mi per be­ne, pe­rò non esclu­do ma­ga­ri nei pros­si­mi an­ni di po­ter in­tra­pren­de­re que­sta nuo­va av­ven­tu­ra.

GI­RO­NI MON­DIA­LE

POOL A (a Ro­ma e Fi­ren­ze): Ita­lia, Ar­gen­ti­na, Bel­gio, Slo­ve­nia, Giap­po­ne, Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na

POOL B (a Ru­se): Bra­si­le, Fran­cia, Ca­na­da, Pae­si Bas­si, Ci­na, Egit­to

POOL C (a Ba­ri): USA, Rus­sia, Ser­bia, Au­stra­lia, Ca­me­run, Tu­ni­sia

POOL D (a Var­na): Bul­ga­ria, Polonia, Iran, Fin­lan­dia, Cu­ba, Por­to Ri­co

Gi­gi Ma­stran­ge­lo fa il suo esor­dio in na­zio­na­le il 28 mag­gio 1999, a Syd­ney, du­ran­te una par­ti­ta del­la World Lea­gue, vin­ta da­gli az­zur­ri per 3-0 con­tro l’Au­stra­lia.Con la na­zio­na­le vin­ce un oro al cam­pio­na­to eu­ro­peo 1999

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.