A TU PER TRE CON I SELTON

“Cre­dia­mo dav­ve­ro che l’arte, e in par­ti­co­lar mo­do la mu­si­ca, che è sen­za dub­bio la sua for­ma più frui­ta e dif­fu­sa, sia un vei­co­lo uni­co per tra­smet­te­re mes­sag­gi co­sì im­por­tan­ti. Del re­sto, non esi­ste per­so­na al mon­do che non ab­bia mai ascol­ta­to mu­si­ca”

Progress - - Contents - Mar­ti­na Mo­rel­li

Pa­ro­la di Selton – al se­co­lo Da­niel Plen­tz (per­cus­sio­ni), Eduar­do Stein De­ch­tiar (bas­so) e Ra­mi­ro Le­vy (vo­ce, chi­tar­ra e uku­le­le) – che pro­prio dal pal­co di Pa­lo del Col­le e del Fe­sti­val del­le Pe­ri­fe­rie, qual­che set­ti­ma­na fa, han­no chiu­so il lo­ro lun­go tour esti­vo. Il trio di Por­to Ale­gre, na­tu­ra­liz­za­to mi­la­ne­se e cit­ta­di­no del mon­do, ha co­sì com­ple­ta­to il rac­con­to mul­ti­cul­tu­ra­le di “Ma­ni­fe­sto tro­pi­ca­le”, l’ul­ti­ma fa­ti­ca mu­si­ca­le che li ha por­ta­ti in gi­ro per l’Italia.

Ma­ni­fe­sto tro­pi­ca­le è un al­bum “can­ni­ba­le”. Co­me la vostra cul­tu­ra d’ori­gi­ne, quel­la bra­si­lia­na, si è nu­tri­ta di ap­por­ti ester­ni ge­ne­ran­do qual­co­sa di nuovo e di­ver­so al tem­po stes­so, pas­san­do per una dif­fi­ci­le as­si­mi­la­zio­ne, co­sì la vostra mu­si­ca ha fa­go­ci­ta­to tan­te so­no­ri­tà e real­tà. Ep­pu­re la vostra pro­du­zio­ne ar­ti­sti­ca sem­bra tutt’al­tro che con­flit­tua­le…

Que­sto la­vo­ro pren­de spun­to pro­prio dal Ma­ni­fe­sto An­tro­pó­fa­go di Oswald de An­dra­de che ne­gli an­ni 20 ana­liz­zò la so­cie­tà e la cul­tu­ra bra­si­lia­na po­nen­do­si un gran­de in­ter­ro­ga­ti­vo, qua­le fos­se la ve­ra de­fi­ni­zio­ne di bra­si­lia­no. Una ve­ra im­pre­sa se si con­si­de­ra che il Bra­si­le è fondato da un la­to sul­la cul­tu­ra in­di­ge­na, dall’al­tro su quel­la por­to­ghe­se ve­nu­ta con i co­lo­niz­za­to­ri, e an­co­ra su quel­la afri­ca­na del­la ma­no­do­pe­ra schia­va im­por­ta­ta da­gli eu­ro­pei. Un enor­me cal­de­ro­ne cul­tu­ra­le. Dal can­to nostro, ciò che vo­le­va­mo fa­re quan­do ab­bia­mo de­ci­so di pren­de­re spun­to da que­sta ri­fles­sio­ne era rac­con­ta­re quel­lo che ve­dia­mo. Og­gi vi­via­mo una Milano che è sem­pre più una cit­tà fat­ta di con­ta­mi­na­zio­ni. Vi­via­mo un’Eu­ro­pa che ac­co­glie sem­pre più in­fluen­ze ester­ne, men­tre pri­ma era quel­la che an­da­va a co­lo­niz­za­re, a con­qui­sta­re. Na­tu­ral­men­te il con­cet­to di con­qui-

sta non è qual­co­sa che ci ap­par­tie­ne, ma cre­dia­mo che da que­sti in­con­tri/scon­tri cul­tu­ra­li si crei sem­pre qual­co­sa di nuovo, di bel­lo. E que­sto è uno dei gran­di va­lo­ri del­la cul­tu­ra bra­si­lia­na. È ine­vi­ta­bi­le. Og­gi è so­lo tut­to più ve­lo­ce, ma non ha sen­so lot­ta­re con­tro qual­co­sa che ge­ne­ra ric­chez­za. Ba­sta guar­da­re un po’ in­die­tro, la sto­ria in­se­gna. Il Bra­si­le ha ac­col­to mol­tis­si­mi ita­lia­ni in cer­ca di una vi­ta mi­glio­re, noi stes­si ab­bia­mo ori­gi­ni che ar­ri­va­no da lon­ta­no: il mio pa­pà è egi­zia­no (Ra­mi­ro ndr.), Da­niel ha non so­lo ori­gi­ni por­to­ghe­si, ma an­che spa­gno­le e te­de­sche, Eduar­do ha ori­gi­ni po­lac­che. Que­sto per di­re che è co­sì che il mon­do fun­zio­na, da sem­pre.

Re­stan­do in te­ma di bra­si­lia­ni­tà, “Sau­da­de”, for­se la pa­ro­la por­to­ghe­se più no­ta e tra­vi­sa­ta al mon­do è an­che il ti­to­lo di un vo­stro al­bum del 2013. Ma sau­da­de per i Selton è… Una pa­ro­la che esi­ste so­lo in por­to­ghe­se, ma che è un sen­ti­men­to uni­ver­sa­le. La par­ti­co­la­ri­tà di que­sta pa­ro­la è che spes­so si ten­de ad as­so­ciar­la al­la no­stal­gia, al­la ma­lin­co­nia. Ma la sau­da­de può es­se­re an­che bel­la. Non tut­ta la sau­da­de è cat­ti­va, è man­can­za o sof­fe­ren­za. A vol­te può es­se­re an­che qual­co­sa che ti man­ca, ma che ri­cor­di con un sor­ri­so e che ti fa an­da­re avan­ti. Ec­co per noi è pro­prio que­sto.

In uno dei bra­ni dell’ul­ti­mo al­bum, Sam­plean­do De­ven­dra, ave­te omag­gia­to l’ami­co e col­le­ga De­ven­dra Ba­n­hart che in un’intervista a Va­ni­ty Fair ha stu­pi­to tut­ti di­cen­do: “In Italia ave­te una tra­di­zio­ne folk ma­gni­fi­ca, ad An­drea Bo­cel­li pre­fe­ri­sco Mat­teo Sal­va­to­re”. An­che voi ave­te avu­to dei mo­del­li ita­lia­ni che non ci si aspet­te­reb­be da chi vie­ne da ol­tro­cea­no…

Quan­do sia­mo ar­ri­va­ti in Italia ab­bia­mo ascol­ta­to tan­ta, tan­tis­si­ma mu­si­ca ita­lia­na, an­che e so­prat­tut­to per ca­pi­re i vostri gu­sti e le vo­stre di­na­mi­che, vi­sto che in Bra­si­le ar­ri­va­va­no sol­tan­to Lau­ra Pau­si­ni, Eros Ra­maz­zot­ti e Lu­cia­no Pa­va­rot­ti. E la pri­ma vol­ta che ab­bia­mo ascol­ta­to i bra­ni di En­zo Jan­nac­ci sia­mo ri­ma­sti estre­ma­men­te col­pi­ti, per­chè ab­bia­mo ri­tro­va­to in lui un’ani­ma mol­to bra­si­lia­na, in que­sto suo mo­do di usa­re l’iro­nia an­che per par­la­re di co­se se­rie. Ci sia­mo iden­ti­fi­ca­ti in lui e da lì è na­ta l’idea di rein­ter­pre­ta­re alcuni suoi bra­ni, e co­sì è sta­to per Co­chi e Re­na­to. E poi ab­bia­mo avu­to la for­tu­na e l’ono­re di la­vo­ra­re con lo­ro…

La do­man­da di ri­to: co­sa c’è nel fu­tu­ro dei Selton?

Si è ap­pe­na chiu­so il tour di un al­bum che per noi è sta­to ve­ra­men­te im­por­tan­te, Ma­ni­fe­sto tro­pi­ca­le ap­pun­to. Nel frat­tem­po ab­bia­mo già scrit­to un sac­co di co­se nuo­ve. Ci ri­met­tia­mo su­bi­to all’ope­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.