“IL FU­TU­RO DELL’IM­PRE­SA È GIÀ QUI”

Italia: pae­se di poeti, na­vi­ga­to­ri e… im­pren­di­to­ri. Se c’è una piat­ta­for­ma nel nostro Pae­se ca­pa­ce di ca­ta­liz­za­re azien­de, star­tup e nuo­ve tec­no­lo­gie que­sta è cer­ta­men­te Smau. Il Pre­si­den­te Pie­ran­to­nio Ma­co­la ci spie­ga co­sa vuol di­re og­gi “fa­re im­pre­sa”

Progress - - Fare Business - Ales­san­dro Cre­ta

Smau, na­to a Milano nel lon­ta­no 1964 si è af­fer­ma­to pri­ma sul ter­ri­to­rio na­zio­na­le co­me even­to di ri­fe­ri­men­to in cui far con­flui­re gli at­to­ri del set­to­re, poi è riu­sci­to a con­fer­mar­si an­che all’este­ro in cit­tà co­me Berlino e Lon­dra. Gra­zie a Smau pic­co­le e me­die im­pre­se si in­con­tra­no, si in­ter­fac­cia­no tra di lo­ro e con le star­tup, ven­go­no mes­se di fron­te all’in­no­va­zio­ne di­gi­ta­le che ora, gra­zie al­le mo­der­ne tec­no­lo­gie, è al cen­tro del con­cet­to di “fa­re im­pre­sa”. Du­ran­te l’ul­ti­ma tap­pa ita­lia­na di Smau, pri­ma del­la pau­sa esti­va, te­nu­ta a Bo­lo­gna, ab­bia­mo in­ter­vi­sta­to il Pre­si­den­te Pie­ran­to­nio Ma­co­la, che ci ha spie­ga­to co­sa rap­pre­sen­ta il road­show per le mi­glia­ia di azien­de che si in­con­tra­no e con­fron­ta­no du­ran­te i nu­me­ro­si ap­pun­ta­men­ti che Smau of­fre ogni an­no.

Gra­zie a Smau pic­co­le e me­die im­pre­se si in­con­tra­no, si in­ter­fac­cia­no tra di lo­ro e con le star­tup, ven­go­no mes­se di fron­te all’in­no­va­zio­ne di­gi­ta­le che ora, gra­zie al­le mo­der­ne tec­no­lo­gie, è al cen­tro del con­cet­to di “fa­re im­pre­sa”.

Pre­si­den­te, co­sa ha re­so Smau un even­to di ri­fe­ri­men­to nel set­to­re dell’in­no­va­zio­ne e del­le mo­der­ne tec­no­lo­gie?

Smau è il pro­dot­to più fa­mo­so di Fie­ra Milano e nei suoi 55 an­ni ha man­te­nu­to fis­sa la sua len­te di in­gran­di­men­to sul con­cet­to di fa­re im­pre­sa.

E’ un luo­go di in­con­tro in cui gli im­pren­di­to­ri van­no per in­con­tra­re al­tri pro­fes­sio­ni­sti, pro­dot­ti, so­lu­zio­ni, ser­vi­zi e part­ner per ac­cre­sce­re la pro­pria azien­da. Smau in tut­to que­sto tem­po ha man­te­nu­to la cen­tra­li­tà dell’im­pre­sa, è pen­sa­to e or­ga­niz­za­to so­la­men­te per gli im­pren­di­to­ri volendo met­ter­li di fron­te a so­lu­zio­ni per aiu­tar­li a vin­ce­re la sfi­da del mer­ca­to.

Lo fa in mo­do di­ver­so dai pri­mi tem­pi, sia con tap­pe in re­gio­ni più di­na­mi­che co­me Emi­lia Ro­ma­gna, Ve­ne­to, Li­gu­ria, Lom­bar­dia e Cam­pa­nia che con in­con­tri all’este­ro in cui ag­gan­cia­mo im­pre­se stra­nie­re.

Lei è sta­to pri­ma Am­mi­ni­stra­to­re De­le­ga­to, poi Pre­si­den­te. Nel cor­so di que­sti an­ni co­sa è cam­bia­to in Smau e qual è la sua sod­di­sfa­zio­ne più gran­de?

So­no cam­bia­ti gli in­gre­dien­ti per in­no­va­re, per por­ta­re un’azien­da al suc­ces­so. La sod­di­sfa­zio­ne più gran­de è sta­ta ve­de­re il cam­bia­men­to al qua­le so­no sta­te sog­get­te star­tup in­no­va­ti­ve, che nell’im­ma­gi­na­rio col­let­ti­vo so­no con­si­de­ra­te co­me “en­ti­tà” in cui una su un mi­lio­ne vin­ce, ma che gra­zie al­lo scou­ting di Smau og­gi so­no par­te in­te­gran­te del si­ste­ma. Smau è un col­lan­te, un’agen­zia ma­tri­mo­nia­le gra­zie al­la qua­le le im­pre­se in­con­tra­no star­tup che han­no idee e pro­get­ti in­no­va­ti­vi. La sod­di­sfa­zio­ne più gran­de è sta­ta quel­la di es­ser di­ven­ta­ti un pon­te che met­te in re­la­zio­ne que­sti ope­ra­to­ri.

La tap­pa prin­ci­pa­le di Smau è Milano; co­sa la dif­fe­ren­zia dal­le al­tre? Una tap­pa co­me Bo­lo­gna, im­por­tan­tis­si­ma per noi, è fat­ta di 5000 im­pre­se par­te­ci­pan­ti. A Milano ci so­no in me­dia 30.000 im­pre­se, è una tap­pa mul­ti­re­gio­na­le e in­ter­na­zio­na­le do­ve con­flui­sco­no gli at­to­ri che na­zio­na­li e in­ter­na­zio­na­li che ab­bia­mo in­con­tra­to nel cor­so dell’an­no nel­le no­stre tap­pe in Italia e all’este­ro.

E’ un po’ la no­stra co­raz­za­ta e pun­to di for­za poi­ché è una piat­ta­for­ma di re­spi­ro mon­dia­le.

C’è l’im­pres­sio­ne che i mez­zi di­gi­ta­li og­gi non sia­no sfrut­ta­ti ap­pie­no dal­le im­pre­se, le azien­de ita­lia­ne co­me so­no mes­se in ter­mi­ni di in­no­va­zio­ne e tec­no­lo­gie di­gi­tal?

Sia­mo an­che vit­ti­me di alcuni ste­reo­ti­pi.

Ab­bia­mo un os­ser­va­to­rio in cui si ve­de che le im­pre­se ita­lia­ne pic­co­le e me­die che sfrut­ta­no open in­no­va­tion han­no re­gi­stra­to un +45% ri­spet­to

“La sod­di­sfa­zio­ne più gran­de è sta­ta ve­de­re il cam­bia­men­to al qua­le so­no sta­te sog­get­te star­tup in­no­va­ti­ve, che gra­zie al­lo scou­ting di Smau og­gi so­no par­te in­te­gran­te del si­ste­ma. ” Pie­ran­to­nio Ma­co­la - Pre­si­den­te SMAU

al­lo scor­so an­no, un da­to più al­to di tut­ti gli al­tri pae­si eu­ro­pei.

Que­sto si­gni­fi­ca che l’Italia è fat­ta di pic­co­le e me­die im­pre­se che so­no de­sti­na­te pro­gres­si­va­men­te a cre­sce­re, e pen­so che ve­dre­mo buo­ni ri­sul­ta­ti a bre­ve ter­mi­ne.

No­no­stan­te tut­to fa­re im­pre­sa in Italia non è co­sì dif­fi­ci­le…

L’Italia è al mon­do la na­zio­ne con più vo­ca­zio­ne d’im­pre­sa, ha il più nu­me­ro al­to di per­so­ne che vo­glio­no fa­re gli im­pren­di­to­ri. Pen­sia­mo quin­di che le stra­te­gie dell’open in­no­va­tion sia­no de­sti­na­te ad ave­re un suc­ces­so ta­le in Italia non pa­ra­go­na­bi­le a nes­su­na al­tra na­zio­ne eu­ro­pea.

Ha in­tro­dot­to il te­ma del­la star­tup, qual è il suo ruo­lo nel mon­do im­pre­sa odier­no e il rap­por­to/col­la­bo­ra­zio­ne tra star­tup e im­pre­se è mi­glio­ra­bi­le?

As­so­lu­ta­men­te sì, è un fe­no­me­no che sta na­scen­do ades­so, in mol­ti ve­do­no il mon­do del­le star­tup co­me una “ga­ra di uni­cor­ni” in cui so­la­men­te una ta­glie­rà il tra­guar­do. Il fe­no­me­no dell’open in­no­va­tion an­co­ra non è mol­to co­no­sciu­to ma co­mun­que in cre­sci­ta. Il rap­por­to tra star­tup e im­pre­sa ha le di­na­mi­che più di­ver­se: ci so­no ca­si in cui l’im­pre­sa par­te­ci­pa in so­cie­tà con la star­tup, può es­se­re un rap­por-

to in cui la star­tup è un for­ni­to­re stra­te­gi­co dell’im­pre­sa o un for­ni­to­re spe­cia­liz­za­to…ci so­no di­na­mi­che di tut­te le ti­po­lo­gie e la cre­sci­ta del 45% ri­spet­to al­lo scor­so an­no di cui par­la­vo pri­ma è lo spec­chio di que­sta si­tua­zio­ne.

Quin­di co­me ve­de il fu­tu­ro del fa­re im­pre­sa ita­lia­no? C’è una nuo­va geo­gra­fia dell’in­no­va­zio­ne, ora an­che le star­tup del sud Italia pos­so­no ap­proc­ciar­si con im­pre­se del nord o an­che dell’este­ro. Il fe­no­me­no nel 56% dei ca­si in­te­res­sa ter­ri­to­ri di­ver­si, quin­di esi­ste una nuo­va op­por­tu­ni­tà per l’eco­si­ste­ma im­pre­sa ita­lia­no. Ci so­no più col­le­ga­men­ti e re­ti lun­ghe da sfrut­ta­re, re­ti che por­ta­no an­che a Berlino e Lon­dra. E’ sta­to dun­que su­pe­ra­to il con­cet­to di fi­si­ci­tà e ter­ri­to­ria­li­tà co­me ele­men­ti chia­ve a fa­vo­re di una più li­be­ra e aper­ta co­mu­ni­ca­zio­ne. www.smau.it

Pie­ran­to­nio Ma­co­la è il Pre­si­den­te di Smau, Sa­lo­ne lea­derin Italia sui te­mi le­ga­ti all’in­no­va­zio­ne e all’In­for­ma­tion Tech­no­lo­gy. A mar­zo 2015 ha da­to il via al­la pri­ma edi­zio­ne in­ter­na­zio­na­le di Smau a Berlino

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.