LA MIA PA­STIC­CE­RIA CAPOVOLTA

Si av­vi­ci­na il Na­ta­le, e noi an­dia­mo in Cam­pa­nia (pre­ci­sa­men­te ad Avel­li­no) nel­la pa­stic­ce­ria di Car­men Vec­chio­ne, do­ve il pa­net­to­ne è un mu­st 365 gior­ni l’an­no

Progress - - Progress - Ales­san­dro Cre­ta

“Que­sto gran­de amo­re ver­so la rea­liz­za­zio­ne di dol­ci cre­do pro­ven­ga dal mio es­se­re me­ti­co­lo­sa al li­mi­te del ma­nia­ca­le, e la pa­stic­ce­ria è la ma­te­ria

del­la pre­ci­sio­ne per ec­cel­len­za. ”

Car­men Vec­chio­ne, pa­stic­ce­ra

Se sie­te con­vin­ti che il pa­net­to­ne sia un dol­ce esclu­si­va­men­te na­ta­li­zio, for­se non sie­te mai sta­ti nel­la pa­stic­ce­ria Dol­ciar­te ad Avel­li­no, do­ve non è stra­no tro­va­re que­sto pro­dot­to an­che in pie­na esta­te. Car­men Vec­chio­ne ha sfa­ta­to il ta­bù che vuo­le la pa­stic­ce­ria co­me mon­do “esclu­si­vo” ma­schi­le, e nel suo ca­po­vol­ge­re le re­go­le ha de­ci­so di pro­dur­re e com­mer­cia­liz­za­re un dol­ce ti­pi­ca­men­te set­ten­trio­na­le, e na­ta­li­zio, nel­la sua Avel­li­no, du­ran­te tut­to l’an­no. Car­men ci ha spie­ga­to la sua vi­sio­ne di pa­stic­ce­ria d’avan­guar­dia, apren­do­ci ideal­men­te le por­te del suo go­lo­so la­bo­ra­to­rio.

Car­men, ini­zia­mo con lo sfa­ta­re un ta­bù. La pa­stic­ce­ria non è so­lo ro­ba da uo­mi­ni…

È un dub­bio che un po’ tut­ti si pon­go­no. Si trat­ta di un la­vo­ro adat­to a tut­ti, ma che si spo­sa po­co con quel­la vi­sio­ne pret­ta­men­te “do­me­sti­ca” del­la don­na, cioè di quel­la fi­gu­ra com­ple­ta­men­te de­di­ta al­la cu­ra del­la ca­sa e dei fi­gli. Que­sta at­ti­vi­tà mi tie­ne sì lon­ta­na dal­la fa­mi­glia, ma ho la for­tu­na di ave­re un com­pa­gno e mol­ti pa­ren­ti ac­can­to che ol­tre­tut­to la­vo­ra­no con me e che mi dan­no una gros­sa ma­no. Da co­sa na­sce que­sta pas­sio­ne per la pa­stic­ce­ria? Ho ini­zia­to a de­di­car­mi­ci ab­ba­stan­za tar­di, pri­ma mi so­no lau­rea­ta in Eco­no­mia e ave­vo in men­te di in­tra­pren­de­re tutt’al­tro per­cor­so.

Co­min­ciai a la­vo­ra­re in un ri­sto­ran­te ad Avel­li­no e da lì la mia pas­sio­ne per il ci­bo e per la pa­stic­ce­ria è cre­sciu­ta di gior­no in gior­no. Que­sto gran­de amo­re ver­so la rea­liz­za­zio­ne di dol­ci cre­do pro­ven­ga dal mio es­se­re me­ti­co­lo­sa al li­mi­te del ma­nia­ca­le, e la pa­stic­ce­ria è la ma­te­ria del­la pre­ci­sio­ne per ec­cel­len­za.

Que­st’an­no ha ce­le­bra­to i 10 an­ni dell’aper­tu­ra del suo lo­ca­le, Dol­ciar­te.

Co­me si fa a man­te­ne­re al­to il li­vel­lo qua­li­ta­ti­vo per tut­to que­sto tem­po?

Ci vuo­le tan­tis­si­mo la­vo­ro, ma per me non è un sa­cri­fi­cio, per­ché l’im­pe­gno è di­ret­ta­men­te pro­por­zio­na­to all’amo­re che met­to in quel­lo che fac­cio.

Mol­ti, for­se, fos­se­ro sta­ti al mio po­sto avreb­be­ro ab­ban­do­na­to, ma la mia pas­sio­ne è ta­le da con­ti­nua­re, an­che per­ché gra­zie al la­vo­ro ho tro­va­to equi­li­brio nel­la mia vi­ta.

Lei è an­che ma­dre, il la­vo­ro in pa­stic­ce­ria le ha tol­to tem­po da de­di­ca­re al­la fa­mi­glia?

Pur­trop­po sì, non so­no la clas­si­ca mam­ma che ac­com­pa­gna i bam­bi­ni a le­zio­ne o pre­pa­ra il pran­zo la do­me­ni­ca. Per for­tu­na i miei fi­gli, ap­pe­na esco­no da scuo­la, rie­sco­no a ve­ni­re in pa­stic­ce­ria, quin­di ri­man­go­no vi­ci­ni a me. Mi con­so­la che lo­ro ve­da­no la pa­stic­ce­ria co­me un am­bien­te fa­mi­glia­re, co­me una se­con­da ca­sa, e si sen­ta­no a lo­ro agio. Que­sto co­mun­que spe­ro non in­flui­sca sul­le lo­ro scel­te pro­fes­sio­na­li fu­tu­re. Sa­ran­no li­be­ri di fa­re quel­lo che più li ap­pas­sio­na co­me so­no sta­ta io li­be­ra di sce­glie­re que­sto per­cor­so. La Cam­pa­nia è più fa­mo­sa per lat­ti­ci­ni e piz­ze che per i pa­net­to­ni, più vi­ci­ni al­la tra­di­zio­ne set­ten­trio­na­le. È sta­to dif­fi­ci­le af­fer­mar­si con que­sto pro­dot­to nel­la sua ter­ra?

Quan­do ab­bia­mo ini­zia­to è sta­to com­pli­ca­to, ma la stra­da è sta­ta in di­sce­sa per­ché par­lia­mo di un pro­dot­to co­sì buo­no e ap­prez­za­to da tut­ti che sia­mo riu­sci­ti a com­mer­cia­liz­zar­lo da su­bi­to. In Cam­pa­nia co­mun­que sia­mo una bel­la squa­dra di pa­stic­ce­ri, an­che i miei col­le­ghi si dan­no mol­to da fa­re. Ora cre­do ad­di­rit­tu­ra che, nell’ar­co di tut­to l’an­no, si pos­sa tro­va­re più fa­cil­men­te un pa­net­to­ne in Cam­pa­nia che in una pa­stic­ce­ria di Mi­la­no.

“Cre­do che, nell’ar­co di tut­to l’an­no, si pos­sa tro­va­re più fa­cil­men­te un pa­net­to­ne in Cam­pa­nia che in una pa­stic­ce­ria di Mi­la­no. ”

Car­men Vec­chio­ne, pa­stic­ce­ra

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.