NE­GA­TI­VE CAPABILITY

Progress - - Focus Sulla Mobilità - by “MA­RIAN­NE FAITHFULL” (BMG - 2018) by Ric­car­do Ca­vrio­li by “THE­RA­PY?” (Mar­shall Re­cords - 2018)

Non ho mai se­gui­to da vi­ci­no la car­rie­ra di Ma­rian­ne Faithfull, ec­co per­ché non mi av­ven­tu­re­rò in con­fron­ti con la sua pro­du­zio­ne pre­ce­den­te. Ep­pu­re mi pos­so permettere di di­re che so ri­co­no­sce­re quan­do una can­zo­ne è bel­la op­pu­re no, quan­do un bra­no ti en­tra den­tro e quan­do l’em­pa­tia che si crea è co­sì for­te e vi­bran­te che si ha la pel­le d’oca. Co­me in que­sto ca­so. La can­tan­te lon­di­ne­se ap­par­tie­ne si­cu­ra­men­te a quell’elen­co di ar­ti­sti per i qua­li la mu­si­ca è dav­ve­ro ar­te, un mez­zo per tra­smet­te­re idee, pen­sie­ri, sug­ge­stio­ni ed emo­zio­ni. Ma­rian­ne Faithfull si po­ne di fron­te al­lo spec­chio, trac­cia una li­nea nel­la sua vi­ta e si guar­da in­die­tro, sen­za rim­pian­ti o pau­re, ma con una sin­ce­ri­tà e una fie­rez­za che com­muo­vo­no, aiu­ta­ta da bal­la­te toc­can­ti, che ar­ri­va­no drit­te al cuo­re. Emer­ge la con­sa­pe­vo­lez­za e l’an­go­scia d’in­vec­chia­re e di per­de­re la sa­lu­te, co­sì co­me il do­lo­re del­le per­di­te: spe­ran­ze e ama­rez­ze che si fon­do­no e si me­sco­la­no, frut­to di una vi­ta vis­su­ta e di una ma­tu­ri­tà or­mai con­cla­ma­ta, in cui la spen­sie­ra­tez­za del­la gio­ven­tù si è tra­sfor­ma­ta in os­ser­va­zio­ne acu­ta e in­ten­sa del­la real­tà per­so­na­le. Un di­sco do­lo­ro­so, cer­to, ep­pu­re che non tra­smet­te di­spe­ra­zio­ne in chi lo ascol­ta. Tutt’al­tro. Una sen­sa­zio­ne di me­ra­vi­glia e di con­for­to, no­no­stan­te tut­to, ci per­va­de­rà. Po­co da di­re sul nuo­vo al­bum dei The­ra­py?, non per­ché sia sca­den­te, an­zi, ma pro­prio per­ché è il bel di­sco che ti aspet­ti dal grup­po gui­da­to da An­dy Cairns. Quan­do ci si ap­proc­cia al­la band ir­lan­de­se c’è sem­pre quel ri­cor­do, più o me­no sot­to­trac­cia, di un al­bum fon­da­men­ta­le co­me “Trou­ble­gum”, che, spes­so, di­ven­ta pun­to di ri­fe­ri­men­to per i re­cen­so­ri, ma, tut­to som­ma­to an­che per la band,

per­ché se­gui­re mo­del­li co­sì vir­tuo­si non può che far be­ne. Chia­ria­mo su­bi­to che quel di­sco ri­mar­rà an­co­ra so­li­ta­rio nell’Olim­po, po­co da fa­re, ma que­sto la­vo­ro si può dav­ve­ro far no­ta­re per can­zo­ni più che riu­sci­te, che han­no il pro­fu­mo ma­gi­co di quel clas­si­co da­ta­to 1994: sec­che, te­se, vi­bran­ti, in­caz­za­te e con i giu­sti ri­chia­mi a suo­ni fa­mi­lia­ri. Chris Shel­don sa per­fet­ta­men­te co­me ren­de­re il suo­no del­la band snel­lo, me­lo­di­co e ta­glien­te, ma nel­lo stes­so tem­po lo mo­del­la in mo­do che il pu­gno fac­cia ma­le, mol­to ma­le. I te­mi dell’al­bum so­no quel­li di una band che, da sem­pre, de­ci­de di non ade­guar­si e che si sen­te fuo­ri dal mon­do: re­si­ste­re, te­ne­re gli oc­chi aper­ti

e il cer­vel­lo ac­ce­so per non la­sciar­si cat­tu­ra­re da tut­te que­ste di­vi­sio­ni, dai ran­co­ri e da­gli in­com­pe­ten­ti che ci cir­con­da­no. Ener­gia, mu­sco­li, iro­nia e la vo­glia, no­no­stan­te tut­to, di sta­re an­co­ra una vol­ta in trincea.

I The­ra­py? non de­lu­do­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.