AR­TE 3.0

“Il mon­do del fu­met­to og­gi non ha so­lo bi­so­gno di bra­vi di­se­gna­to­ri, ma di nuo­ve vi­sio­ni”. Pa­ro­la di Sa­ra Pichelli

Progress - - Contents - Raffaele Gia­si

IL FU­MET­TO OL­TRE L’AR­TE, IL FU­MET­TO CO­ME VI­SIO­NE

I Gol­den Glo­be que­st’an­no han­no por­ta­to un do­no tar­di­vo, e non co­sì ina­spet­ta­to vi­sti i con­sen­si una­ni­mi di pub­bli­co e cri­ti­ca, agli aman­ti dei fu­met­ti, con il pre­mio co­me mi­glior film d’ani­ma­zio­ne a “Spi­der-Man: Un Nuo­vo Uni­ver­so”, lun­go­me­trag­gio fir­ma­to So­ny Pic­tu­res Ani­ma­tion de­di­ca­to all’Uo­mo Ra­gno... O me­glio, a di­ver­se ver­sio­ni del po­po­la­re eroe Mar­vel, pre­se di pe­so dal­le tan­te real­tà al­ter­na­ti­ve par­to­ri­te dal­la Ca­sa del­le Idee nel cor­so dei suoi in­nu­me­re­vo­li an­ni di pub­bli­ca­zio­ni. Al cen­tro del rac­con­to, dun­que, non il Pe­ter Par­ker clas­si­co, ma una del­le sue più po­po­la­ri ver­sio­ni al­ter­na­ti­ve, ov­ve­ro Mi­les Mo­ra­les, il gio­va­ne Spi­der-Man afroa­me­ri­ca­no ar­ri­va­to in con­co­mi­tan­za del se­con­do cor­so del­la li­nea di pub­bli­ca­zio­ni “Ul­ti­ma­te”, che ri­scris­se le sto­rie per un pub­bli­co più fre­sco e con un pi­glio più at­tua­le. Scrit­to da Brian Mi­chael Ben­dis, Mi­les Mo­ra­les è sta­to con­ce­pi­to, nel suo de­si­gn, da un or­go­glio tut­to ita­lia­no, quel­lo di Sa­ra Pichelli, ar­ti­sta ro­ma­na, clas­se 1983, che do­po un esor­dio da sto­ry­boar­der e cha­rac­ter de­si­gner, ha tro­va­to la sua con­sa­cra­zio­ne pro­prio in ca­sa Mar­vel, do­ve è at­tual­men­te al la­vo­ro sull’at­te­sis­si­mo ri­lan­cio dei Fan­ta­sti­ci Quat­tro, la “su­per-fa­mi­glia” per an­to­no­ma­sia del mon­do del fu­met­to ame­ri­ca­no. In con­co­mi­tan­za dell’ar­ri­vo di “Spi­der-Man: Un Nuo­vo Uni­ver­so” nel­le sa­le, film per al­tro a dir po­co me­ra­vi­glio­so, ab­bia­mo in­con­tra­to Sa­ra Pichelli per chie­der­le qual­co­si­na in più sul­la sua car­rie­ra, sul­le sue ispi­ra­zio­ni e sul la­vo­ro in quel­la che è l’azien­da più am­bi­ta da chiun­que vo­glia per­cor­re­re la stra­da del mon­do del fu­met­to in­ter­na­zio­na­le: Mar­vel.

Sa­ra so­no or­mai di­ver­si an­ni che la­vo­ri a stret­to con­tat­to con il mer­ca­to ame­ri­ca­no, ma dic­ci, com’è sta­to ap­proc­ciar­ci­si all’epo­ca del tuo de­but­to US?

Il mio ap­proc­cio ini­zia­le, de­vo am­met­te­re, è sta­to in­con­sa­pe­vo­le. Nel 2008 co­no­sce­vo qua­si per nul­la quel mon­do, co­me lo stes­so me­dia fu­met­to e in par­te que­sta “in­no­cen­za” mi ha sal­va­ta dall’an­sia da pre­sta­zio­ne ini­zia­le.

Ho ini­zia­to a pub­bli­ca­re con la Mar­vel do­po aver vin­to (in­sie­me ad al­tri 12) il Che­ste­rQue­st, un con­cor­so mon­dia­le in­det­to dal­la Mar­vel stes­sa, nel­la per­so­na di C.B. Ce­bul­ski (ora at­tua­le Vi­ce Pre­si­den­te del­la ca­sa edi­tri­ce).

In fon­do mi so­no fat­ta le os­sa di­ret­ta­men­te sul cam­po, men­tre ten­ta­vo di ca­pir­ci qual­co­sa.

È sta­to di­ver­ten­te e spa­ven­to­so al­lo stes­so tem­po!

“La­vo­ra­re sui su­pe­re­roi, so­prat­tut­to per me che non so­no cre­sciu­ta con lo­ro, è un mo­do per con­fron­tar­mi e co­no­sce­re un la­to del­la cul­tu­ra pop ame­ri­ca­na.” Sa­ra Pichelli, di­se­gna­tri­ce

Che co­sa si­gni­fi­ca per un fu­met­ti­sta ita­lia­no po­ter la­vo­ra­re sui per­so­nag­gi del fu­met­to ame­ri­ca­no e, nel par­ti­co­la­re per te, po­ter la­vo­ra­re sui su­pe­re­roi Mar­vel?

La­vo­ra­re sui su­pe­re­roi, so­prat­tut­to per me che non so­no cre­sciu­ta con lo­ro, è un mo­do per con­fron­tar­mi e co­no­sce­re un la­to del­la cul­tu­ra pop ame­ri­ca­na.

L’idea dell’uo­mo con i su­per po­te­ri na­sce ap­pun­to ol­treo­cea­no, e nel tem­po ha por­ta­to con sé un mon­do ar­ti­co­la­to e coe­ren­te in cui que­sti su­per uo­mi­ni si muo­vo­no e cre­sco­no. È un con­cet­to che vei­co­la dei va­lo­ri, rac­con­ta del be­ne e del ma­le con le lo­ro sfumature e con­trad­di­zio­ni.

Al­la fi­ne so­no sto­rie sul­la na­tu­ra uma­na, nel­le qua­li cer­chia­mo e tro­via­mo un sen­so di ap­par­te­nen­za che ci fa sen­ti­re me­no so­li con i no­stri dub­bi e pau­re.

Ora che il fu­met­to ame­ri­ca­no è sta­to sdo­ga­na­to con suc­ces­so al ci­ne­ma, cre­di che que­gli eroi e quel­le sto­rie rie­sca­no a man­te­ne­re lo stes­so fa­sci­no del­le lo­ro origini? Ine­vi­ta­bil­men­te su­bi­ran­no del­le va­ria­zio­ni. Nel pas­sag­gio da un me­dium ad un al­tro, co­me per le tra­du­zio­ni, qual­co­sa ver­rà per­so, per ren­de­re il film ac­ces­si­bi­le a chi quel mon­do non lo co­no­sce af­fat­to. Ho sen­ti­men­ti con­flit­tua­li nei con­fron­ti di que­sto nuo­vo trend dei co­sid­det­ti “Ci­ne­co­mics”.

Se da un la­to so­no fe­li­ce che la tra­spo­si­zio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca su­sci­ti nuo­vo in­te­res­se ver­so il fu­met­to, dall’al­tro te­mo che la li­ber­tà dell’ar­te se­quen­zia­le ven­ga mes­sa a ri­schio per ren­de­re il fu­met­to sem­pre di più si­mi­le ai film che, si sa, fan­no nu­me­ri mol­to più al­ti.

Tu, per esem­pio, co­me ti po­ni nei con­fron­ti dei su­pe­re­roi al ci­ne­ma? Sei sod­di­sfat­ta del­la di­re­zio­ne in­tra­pre­sa dal Mar­vel Ci­ne­ma­tic Uni­ver­se, o av­ver­ti un po’ di stan­chez­za?

Am­met­to che l’ul­ti­mo film di su­pe­re­roi che ho vi­sto al ci­ne­ma è sta­to “Spi­der-Man: Ho­me­co­ming”. Non mi di­spiac­cio­no i Ci­ne­co­mics, an­zi al­cu­ni mi so­no pia­ciu­ti par­ti­co­lar­men­te. Ma a lun­go an­da­re, mi ren­do con­to, che quel­lo di cui av­ver­to mag­gior­men­te la man­can­za è un ta­glio au­to­ria­le nell’ap­proc­cio ai per­so­nag­gi e la lo­ro sto­ria. Per mol­ti dei film sui su­pe­re­roi usci­ti ul­ti­ma­men­te ho avu­to la sen­sa­zio­ne che fos­se­ro gi­ra­ti dal­la stes­sa per­so­na, in­som­ma un’omo­lo­ga­zio­ne che a vol­te ren­de pre­ve­di­bi­le il pro­dot­to.

Par­lia­mo di Mi­les Mo­ra­les, quan­do uscì all’epo­ca sul­le pa­gi­ne di Ul­ti­ma­te Spi­der-Man che rea­zio­ne ti aspet­ta­vi, o te­me­vi, da par­te dei fan, es­sen­do Mi­les un per­so­nag­gio com­ple­ta­men­te nuo­vo e afroa­me­ri­ca­no?

Quan­do era­va­mo in pro­cin­to di fa­re usci­re il nu­me­ro uno la pres­sio­ne era al­le stel­le. Nes­su­no di noi, né la Mar­vel né Brian Mi­chael Ben­dis (l’au­to­re del­le sto­rie ndr) po­te­va im­ma­gi­na­re la rea­zio­ne del pub­bli­co. Era­va­mo si­cu­ri che sa­rem­mo an­da­ti in­con­tro a po­le­mi­che, ma que­sto era tut­to. L’uni­ca co­sa che ci ha fat­to te­ne­re du­ro era la cer­tez­za di aver rea­liz­za­to al me­glio quel­la sto­ria, ci ave­va­mo mes­so tut­ti noi stes­si e il mas­si­mo del­le no­stre pro­fes­sio­na­li­tà, per cui al­la fi­ne era­va­mo im­pa­zien­ti di fa­re co­no­sce­re Mi­les ai let­to­ri.

Per­ché un nuo­vo Spi­der-Man?

Per­ché no? La bel­lez­za di Spi­der-Man è che è un su­pe­re­roe non per di­rit­to di na­sci­ta, ma per un ca­so del de­sti­no. L’idea di Stan Lee che chiun­que può in­dos­sa­re quel­la ma­sche­ra è il con­cet­to più bel­lo che ci po­te­va re­ga­la­re. Per cui tan­ti Spi­der-Man, tan­te sto­rie di­ver­se non so­no una me­ra imi­ta­zio­ne del­la sto­ria ori­gi­na­le, ma un’evo­lu­zio­ne, un pas­sag­gio di te­sti­mo­ne ed ere­di­tà al­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni.

Que­st’an­no hai po­tu­to ve­de­re Mi­les in due di­ver­se rein­ter­pre­ta­zio­ni, pri­ma co­me per­so­nag­gio del vi­deo­gio­co “Mar­vel’s Spi­der-Man” in esclu­si­va per PlayS­ta­tion 4, poi co­me pro­ta­go­ni­sta del re­cen­tis­si­mo film ani­ma­to “Spi­der-Man: Un Nuo­vo Uni­ver­so”. Com’è ve­de­re che un pro­prio per­so­nag­gio rag­giun­ge una ta­le po­po­la­ri­tà da tra­scen­de­re il me­dia su cui è sta­to con­ce­pi­to?

Ve­de­re la mia crea­zio­ne de­but­ta­re nel mon­do del ci­ne­ma e dei vi­deo­gio­chi è sta­to emo­zio­nan­te. Io ho an­co­ra il ri­cor­do di me chiu­sa in una stan­zet­ta a cer­ca­re di tro­va­re una fac­cia a quel per­so­nag­gio, in­ven­tar­mi un mo­do di ve­stir­lo, di far­lo muo­ve­re. Ec­co, sa­pe­re che gli sfor­zi di ren­de­re Mi­les uni­co e ca­pa­ce di crea­re af­fe­zio­ne ab­bia­no fun­zio­na­to mi ren­de fie­ra del mio la­vo­ro e di aver po­tu­to par­te­ci­pa­re al pro­get­to.

C’è sta­to un tuo coin­vol­gi­men­to, o una con­su­len­za, nel­la rea­liz­za­zio­ne di que­sti pro­dot­ti?

Ho par­te­ci­pa­to al film “Spi­der-Man: Un Nuo­vo Uni­ver­so” col­la­bo­ran­do con la So­ny Pic­tu­res Ani­ma­tion. Nel­lo spe­ci­fi­co ho rea­liz­za­to un pez­zo che po­tre­te ve­de­re pro­prio nel film, si trat­ta di una del­le chiu­su­re dei va­ri at­ti in cui è sud­di­vi­so il film.

Sei sod­di­sfat­ta del mo­do in cui Mi­les è sta­to ri­por­ta­to al ci­ne­ma? Pen­sia­mo ad esem­pio al mo­do in cui Mi­les si muo­ve o com­bat­te a dif­fe­ren­za del­lo Spi­der-Man ori­gi­na­le, lo tro­vi in li­nea con quel­lo che im­ma­gi­ni ogni vol­ta che lo di­se­gni in mo­vi­men­to?

La So­ny ha fat­to un pro­dot­to per­fet­to dal mio pun­to di vi­sta. Non ha tra­di­to mi­ni­ma­men­te il Mi­les dei fu­met­ti pur aven­do ap­por­ta­to del­le mo­di­fi­che. E sì, Mi­les si muo­ve esat­ta­men­te co­me me l’ero im­ma­gi­na­to, nel mo­do in cui lo fa­ce­vo muo­ve­re io nel­le pa­gi­ne.

Da un per­so­nag­gio ico­ni­co ad un al­tro, ora sei al la­vo­ro sui nuo­vi Fan­ta­sti­ci Quat­tro. Sen­ti il pe­so, o una qual­che re­spon­sa­bi­li­tà, nel do­ver di­se­gna­re la fa­mi­glia su­pe­re­roi­sti­ca per ec­cel­len­za? Qual è la di­re­zio­ne che vor­re­sti da­re a que­sto ri­lan­cio del team?

Sta­vol­ta, sa­rà per­ché so­no in­vec­chia­ta, la pres­sio­ne è mol­to mi­no­re. So che la pri­ma fa­mi­glia sto­ri­ca dei fu­met­ti è nel cuo­re di tan­tis­si­mi fan e che ne at­ten­do­no da an­ni il ri­tor­no, e il mio ap­proc­cio sa­rà mol­to ri­spet­to­so del­la tra­di­zio­ne co­me è nel de­si­de­rio del­la Mar­vel e del­lo sce­neg­gia­to­re Dan Slott.

Hai sem­pre di­chia­ra­to di ve­de­re la tua di­men­sio­ne ar­ti­sti­ca nel mon­do del fu­met­to ame­ri­ca­no, di re­cen­te pe­rò il mon­do del fu­met­to ita­lia­no si è no­te­vol­men­te ar­ric­chi­to, e ci so­no for­mat che sem­bra­no vo­ler ri­chia­ma­re mol­to la sce­na ame­ri­ca­na, pen­si che i tem­pi sia­no ma­tu­ri per un tuo la­vo­ro su una te­sta­ta ita­lia­na? Di­pen­de dai pro­get­ti che mi pro­pon­go­no, mai di­re mai.

Il mon­do del fu­met­to ame­ri­ca­no è cer­ta­men­te tra i più am­bi­ti per chi ha il so­gno di di­ven­ta­re un il­lu­stra­to­re o un fu­met­ti­sta pro­fes­sio­ni­sta. Qua­li so­no i mae­stri a cui, se­con­do te, le nuo­ve le­ve do­vreb­be­ro guar­da­re? Ma so­prat­tut­to co­sa ti sen­ti di con­si­glia­re a chi muo­ve og­gi i pri­mi pas­si?

I ca­pi scuo­la dell’ar­te se­quen­zia­le so­no in­nu­me­re­vo­li. No­mi­nar­li sa­reb­be no­io­so e qua­si ar­ro­gan­te da par­te mia do­ver sce­glie­re tra que­sti. Di so­li­to è il cuo­re che ti spin­ge ver­so que­sto o quell’al­tro mae­stro du­ran­te il per­cor­so di for­ma­zio­ne. Il con­si­glio che in­ve­ce do al­le nuo­ve le­ve è cam­bia­to ri­spet­to a quel­lo che avrei da­to qual­che an­no fa. In pas­sa­to mi pre­me­va rac­co­man­da­re ai ra­gaz­zi di leg­ge­re tan­ti fu­met­ti e di­se­gna­re tan­to. Ora quel­lo che in­ve­ce vor­rei pro­por­re a chi in que­sto mon­do vuo­le emer­ge­re è quel­lo di espor­si a più sti­mo­li pos­si­bi­li. Non so­lo sti­mo­li ar­ti­sti­ci qua­li la frui­zio­ne di fu­met­ti o art­book. Ma con­ce­der­si la pos­si­bi­li­tà di ar­ric­chir­si ar­ti­sti­ca­men­te tra­mi­te la mu­si­ca, le mo­stre, i con­cer­ti, un buon li­bro, vi­si­ta­re par­chi, nuo­ve cit­tà, etc. Ac­cre­sce­re il pro­prio ba­ga­glio espe­rien­zia­le do­na fre­schez­za al­la vi­sio­ne del mon­do e l’ar­te lo ri­flet­te. Se­con­do me il mon­do del fu­met­to og­gi non ha so­lo bi­so­gno di bra­vi di­se­gna­to­ri, ma di nuo­ve vi­sio­ni.

Sa­ra Pichelli è una di­se­gna­tri­ce e fu­met­ti­sta ita­lia­na, è sta­ta la pri­ma il­lu­stra­tri­ce del­la ver­sio­ne di Ul­ti­ma­te Spi­der-Man di Mi­les Mo­ra­les.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.