IL SEL­CIA­TO DEL GI­GAN­TE, VIAG­GIO AI CON­FI­NI DELL’IR­LAN­DA DEL NORD

Progress - - Contents - By Bea­tri­ce Vec­chia­rel­li

Al­cu­ni so­sten­go­no che, una vol­ta tor­na­ti a ca­sa do­po es­se­re sta­ti in Ir­lan­da, si ini­zi a sof­fri­re di una sor­ta di “mal d’Ir­lan­da“. Un mi­sto di no­stal­gia e vo­glia di ri­tor­na­re che po­chi po­sti nel mon­do so­no in gra­do di su­sci­ta­re: uno di que­sti è la Giant’s Cau­seway, o Sel­cia­to del Gi­gan­te.

Que­sta me­ra­vi­glia del­la na­tu­ra, di cui esi­sto­no po­chi al­tri esem­pla­ri al mon­do, si tro­va in­fat­ti nel­la co­sta set­ten­trio­na­le, sel­vag­gia e ine­splo­ra­ta, dell’Ir­lan­da del Nord e nel 1986 è sta­ta di­chia­ra­ta Pa­tri­mo­nio dell’UNESCO.

Par­lia­mo di un trat­to co­stie­ro co­sti­tui­to da cir­ca 40 mi­la co­lon­ni­ne di ba­sal­to che ha avu­to ori­gi­ne de­ci­ne e de­ci­ne di mi­lio­ni di an­ni da un’eru­zio­ne vul­ca­ni­ca. Qui i pi­la­stri ba­sal­ti­ci van­no a co­sti­tui­re in­fat­ti una sor­ta di tro­no na­tu­ra­le sul qua­le, se­con­do un’an­ti­ca leg­gen­da, ogni de­si­de­rio espres­so ver­rà esau­di­to.Lo stes­so no­me, “Sel­cia­to del Gi­gan­te“, gli de­ri­va da una leg­gen­da, co­no­sciu­ta da tut­ti gli ir­lan­de­si che sem­bra­no an­dar­ne mol­to fie­ri. La sto­ria nar­ra che il gi­gan­te Finn McCool avreb­be co­strui­to que­sta stra­da per po­ter rag­giun­ge­re la vi­ci­na Sco­zia, se­con­do al­cu­ni al­lo sco­po di scon­fig­ge­re un suo ne­mi­co, se­con­do al­tri per ri­con­giun­ger­si con la sua ama­ta. Quel po’ di ve­ri­tà che c’è in que­sta leg­gen­da sta co­mun­que nel fat­to che la Sco­zia da qui è dav­ve­ro mol­to vi­ci­na, tan­to che nel­le bel­le gior­na­te sen­za fo­schia non è dif­fi­ci­le scor­ger­la in lon­ta­nan­za, e il sen­tie­ro sem­bra pro­prio vo­ler­si spin­ge­re ver­so di lei.Tra le tan­te for­ma­zio­ni roc­cio­se da sco­pri­re ce ne so­no al­cu­ne che ri­cor­da­no, per la lo­ro for­ma biz­zar­ra, ani­ma­li o og­get­ti, e al­le qua­li so­no sta­ti da­ti no­mi che fan­no ri­fe­ri­men­to pro­prio al­la leg­gen­da di Finn McCool.

Ad esem­pio la mae­sto­sa bar­rie­ra che fa da cor­ni­ce al­la co­sta è sta­ta de­no­mi­na­ta “can­cel­lo del gi­gan­te“, ol­tre il qua­le si può scor­ge­re il co­sid­det­to “Giant’s Boot“, e po­co più in là “l’or­ga­no”, poi­ché le co­lon­ne di ba­sal­to sem­bra­no rie­vo­ca­re le can­ne di un or­ga­no. E an­co­ra il “cam­mel­lo” che, se­con­do la leg­gen­da, avreb­be tra­spor­ta­to Finn sul dor­so, il “co­mi­gno­lo” e co­sì via.In que­sto luo­go in­con­ta­mi­na­to, i co­lo­ri bril­la­no in un mo­do qua­si sur­rea­le, a cui noi, es­se­ri ur­ba­ni (e uma­ni), non sia­mo più abi­tua­ti: dal ver­de del­le di­ste­se er­bo­se al blu dell’Ocea­no, dal bian­co del­la spu­ma ai ri­fles­si ros­sa­stri del­la roc­cia.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.