MARGARETHE VON TROT­TA: IL CI­NE­MA È DON­NA

Una re­gi­sta sim­bo­lo del ci­ne­ma po­li­ti­ca­men­te im­pe­gna­to e il suo film-omag­gio al­la don­na che eb­be il co­rag­gio di sfi­da­re il si­ste­ma: Ro­sa Lu­xem­burg

Progress - - Contents - Alberto de Ca­ro­lis Vil­lars

“Ci so­no due ti­pi di film per me: quel­li che ven­go­no dall’in­ter­no e so­no un viag­gio nell’in­con­scio, e quel­li che guar­da­no al mon­do, co­me è il ca­so di Ro­sa Lu­xem­burg che era una ri­vo­lu­zio­na­ria ra­di­ca­le”

Margarethe von Trot­ta Re­gi­sta, sce­neg­gia­tri­ce e at­tri­ce te­de­sca

Se è ve­ro che il ci­ne­ma è don­na è al­tret­tan­to si­cu­ro che Margarethe von Trot­ta è una del­le sue in­car­na­zio­ni, una pu­ra in­car­na­zio­ne di es­so e di quel­la new wa­ve te­de­sca che ha fat­to scuola nel­la sto­ria del ci­ne­ma. Bi­so­gna pe­rò te­ne­re a men­te che que­sta re­gi­sta pri­ma di es­se­re un’ar­ti­sta è so­prat­tut­to un es­se­re uma­no e que­sta stu­pen­da ve­ri­tà è lam­pan­te in ogni cen­ti­me­tro del­le sue pel­li­co­le: ve­re, in­ten­se, per­so­na­lis­si­me e in­tri­se di san­gue, quel san­gue che se­gna le vi­cis­si­tu­di­ni dei per­so­nag­gi di cui Margarethe ama tan­to rac­con­ta­re all’in­ter­no del­le sue ope­re. Ed è pro­prio per il cen­te­na­rio del­la mor­te di Ro­sa Lu­xem­burg (espo­nen­te di spic­co agli ini­zi del ‘900 del Par­ti­to So­cial­de­mo­cra­ti­co di Ger­ma­nia) che la Ca­sa del Ci­ne­ma di Vil­la Bor­ghe­se a Ro­ma ha de­ci­so di ren­de­re con­tem­po­ra­nea­men­te omag­gio a que­ste due gran­di don­ne, pro­iet­tan­do “Ro­sa L.” la bel­lis­si­ma au­to­bio­gra­fia del­la Lu­xem­burg che la von Trot­ta fil­mò nel 1986. Il pro­get­to, co­me ci ha rac­con­ta­to la stes­sa ci­nea­sta, do­ve­va es­se­re ori­gi­na­ria­men­te gi­ra­to da un al­tro re­gi­sta te­de­sco, il grande Rai­ner Wer­ner Fas­sbin­der, che pe­rò mo­rì pri­ma di po­ter­lo rea­liz­za­re. Fu co­sì che il co­pio­ne fi­nì nel­le ma­ni di que­st’ul­ti­ma (ami­ca di Fas­sbin­der) che lo ri­scris­se com­ple­ta­men­te e lo adat­tò al suo sti­le poi­ché, co­me ci tie­ne a sot­to­li­nea­re, “Fas­sbin­der avreb­be fat­to tut­ta un’al­tra co­sa”.

Il film nar­ra le in­cre­di­bi­li vi­cen­de del­la Lu­xem­burg, fe­de­le so­ste­ni­tri­ce e teo­ri­ca del so­cia­li­smo ri­vo­lu­zio­na­rio, ma fi­gu­ra di­bat­tu­ta per­fi­no nel­le fi­le del suo par­ti­to. Na­ta in Po­lo­nia nel 1871 fu da su­bi­to un’ani­ma de­di­ta a ri­sol­ve­re i pro­ble­mi del mon­do co­me ci mo­stra chia­ra­men­te la pel­li­co­la, con le stre­pi­to­se se­quen­ze di una pic­co­la Ro­sa in­ten­ta a in­se­gna­re la gram­ma­ti­ca a una vec­chia do­me­sti­ca anal­fa­be­ta. Ed è co­sì che i ri­cor­di si me­sco­la­no al pre­sen­te in un film che viag­gia sa­pien­te­men­te su più li­vel­li e si in­ca­stra fra pre­sen­te e pas­sa­to per spie

ga­re le cau­se e gli ef­fet­ti di un’in­te­ra esi­sten­za, poi­ché è que­sto che sta a cuo­re al­la re­gi­sta, far per­ce­pi­re la Lu­xem­burg pri­ma di tut­to co­me es­se­re uma­no, co­me don­na che sof­fre, ri­de, ama e, so­prat­tut­to, vi­ve la vi­ta in­ten­sa­men­te co­glien­do­la in ogni sua sfu­ma­tu­ra. Let­tu­ra per­so­na­lis­si­ma di una fi­gu­ra real­men­te esi­sti­ta che è sta­ta es­sen­zia­le nel­la sto­ria del­la po­li­ti­ca te­de­sca e mon­dia­le. Una vi­ta in­ten­sa e com­bat­tu­ta fi­no all’ul­ti­mo che la pel­li­co­la nar­ra in ma­nie­ra po­ten­te e vi­sce­ra­le co­me vi­sce­ra­le è an­che la stre­pi­to­sa in­ter­pre­ta­zio­ne di Bar­ba­ra Su­ko­wa (si gua­da­gnò il Prix d’in­ter­pré­ta­tion fé­mi­ni­ne al Fe­sti­val di Can­nes 1986) che cam­mi­na dall’ini­zio al­la fi­ne del­la sto­ria sul fi­lo del ra­so­io, pur ri­ma­nen­do sem­pre cre­di­bi­le. Per­fet­ta è nel­le sce­ne in cui il suo per­so­nag­gio si schiera vio­len­te­men­te con­tro il coin­vol­gi­men­to del­la Ger­ma­nia nel pri­mo con­flit­to mon­dia­le e com­mo­ven­te è nel­la sua ras­se­gna­zio­ne quan­do ca­pi­sce che ver­rà mas­sa­cra­ta dai mi­li­ta­ri al po­te­re nel

1919. E di­fat­ti il film si chiu­de pro­prio co­sì, bru­sca­men­te, con il ca­da­ve­re del­la pro­ta­go­ni­sta get­ta­to dai suoi aguz­zi­ni in uno squal­li­do ca­na­le che vie­ne fil­ma­to ap­po­si­ta­men­te per rap­pre­sen­ta­re, co­me di­ce Margarethe, “il san­gue ver­sa­to che co­me il flus­so di un fiu­me can­cel­la e por­ta via la me­mo­ria”. La stes­sa rea­liz­za­zio­ne del film è sta­ta as­sai ar­dua per­ché co­me ci rac­con­ta la re­gi­sta - che de­fi­ni­sce la sua pro­ta­go­ni­sta una “ri­vo­lu­zio­na­ria ra­di­ca­le” - “il co­pio­ne si ba­sa sul­le let­te­re in­via­te ai suoi col­la­bo­ra­to­ri, ami­ci, fa­mi­lia­ri, aman­ti, per­ché bio­gra­fi­ca­men­te par­lan­do su que­sta don­na è sta­to scrit­to dav­ve­ro po­co! Ogni gior­no do­ve­vo re­car­mi all’Isti­tu­to Mar­xi­sta-Le­ni­ni­sta di Ber­li­no est do­ve que­ste let­te­re era­no con­ser­va­te e at­tra­ver­sa­re una fron­tie­ra dif­fi­ci­le da va­li­ca­re”. È sta­to im­pres­sio­nan­te os­ser­va­re co­me il film an­co­ra og­gi di­vi­da do­po una sua vi­sio­ne, ma è pro­prio que­sto lo sco­po del ci­ne­ma: es­se­re sog­get­ti­vo. E i film del­la von Trot­ta di cer­to non so­no rea­liz­za­ti per es­se­re con­ci­lian­ti, ba­sti so­lo pen­sa­re al­lo stu­pen­do e cru­do “An­ni di piom­bo” che nel 1981 vin­se un me­ri­ta­to Leone d’oro al Fe­sti­val del ci­ne­ma di Venezia, al­lo strug­gen­te “Pau­ra e Amo­re” del 1988 (ori­gi­na­le mo­der­niz­za­zio­ne del ce­le­bre te­sto ce­cho­via­no “Le tre so­rel­le”) o, an­co­ra una vol­ta, al con­te­sta­tis­si­mo “Il lun­go si­len­zio” del 1993. Ci si ac­cor­ge­rà di co­me il ci­ne­ma di que­st’ar­ti­sta rap­pre­sen­ti l’ec­ce­zio­ne al­la re­go­la per­ché i film che que­sta, a mio av­vi­so, fan­ta­sti­ca don­na ha crea­to so­no la sua più grande di­chia­ra­zio­ne d’amo­re al ci­ne­ma e al­la vi­ta!

Ro­sa L. è sta­to pre­sen­ta­to in con­cor­so al 39º Fe­sti­val di Can­nes, do­ve Bar­ba­ra Su­ko­wa, per la sua in­ten­sa in­ter­pre­ta­zio­ne, ha vin­to il pre­mio per la mi­glior in­ter­pre­ta­zio­ne fem­mi­ni­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.