GOLOSITÀ

Una pic­co­la azien­da nel cuo­re del­la Lu­ga­na

QMagazine - - SOMMARIO -

Ca­sci­na Ma­da­le­na

Ca­sci­na Maddalena, tre ge­ne­ra­zio­ni di amo­re per i cam­pi, la vi­gna e il buon vi­no, nel­la ter­ra del LU­GA­NA, una pic­co­la zo­na vi­ti­vi­ni­co­la a sud del la­go di Gar­da, do­ve il vitigno TURBIANA af­fon­da le pro­prie ra­di­ci nell’ar­gil­la e go­de del cli­ma mi­te di que­sto la­go.

LA STO­RIA “È nel­la vi­gna che bi­so­gna sta­re più che in can­ti­na. È nel­la vi­gna che crei il tuo vi­no. È nel­la vi­gna che fai la differenza”. Que­sto è l’in­se­gna­men­to che Raf­fael­la e Lu­cia­no han­no tra­smes­so ai fi­gli Mat­tia, Ele­na ed Eli­sa, in­sie­me all’amo­re per la ter­ra, le vi­ti e l’uva che ge­ne­ra­no il buon vi­no. Del re­sto “si ti­ra­no su le vi­gne co­me i fi­gli”, in fa­mi­glia e con amo­re. La sto­ria di Ca­sci­na Maddalena uni­sce tre ge­ne­ra­zio­ni e ri­sa­le al­la me­tà del se­co­lo scor­so. La guer­ra era da po­co con­clu­sa quan­do nonno Giu­sep­pe con suo fra­tel­lo ini­ziò l’av­ven­tu­ra in Lu­ga­na ac­qui­stan­do la Ca­sci­na Maddalena nel co­mu­ne di Sir­mio­ne. Era il 1946. Suc­ces­si­va­men­te Lu­cia­no e la mo­glie Raf­fael­la de­ci­se­ro di ab­ban­do­na­re com­ple­ta­men­te i se­mi­na­ti­vi e in­ve­sti­re sui mo­der­ni im­pian­ti vi­ti­co­li. Nei suoi quat­tro et­ta­ri di ter­re­no la fa­mi­glia Zor­dan og­gi col­ti­va ol­tre al­la Turbiana, il Mar­ze­mi­no e il Ca­ber­net Sau­vi­gnon. Da al­cu­ni an­ni è la ter­za ge­ne­ra­zio­ne, quel­la dei fi­gli Mat­tia, Eli­sa e Ele­na a gui­da­re l’azien­da. Mat­tia ama fa­re il vi­no: non gli im­por­ta di espan-

per lui quel­lo che dav­ve­ro è im­por­tan­te è fa­re il vi­no co­me va fat­to, par­ten­do dal­la cu­ra del­la vi­gna. Lo tro­ve­re­te tra le sue vi­gne sot­to il so­le dell’esta­te e il ge­lo dell’in­ver­no, ma mai in uf­fi­cio. Ele­na in­ve­ce è la don­na del­le fie­re, la pr dell’azien­da, do­ve c’è da far as­sag­gia­re il lo­ro vi­no e rap­pre­sen­ta­re Ca­sci­na Maddalena lei non man­ca. Eli­sa si oc­cu­pa dell’agri­tu­ri­smo in­sie­me a mam­ma Raf­fael­la e da qual­che an­no ha ini­zia­to ad in­ve­sti­re tem­po ed ener­gie nel­le degustazioni, si pren­de cu­ra dei clien­ti, li coc­co­la e gli fa co­no­sce­re i pro­dot­ti di Ca­sci­na Maddalena con la stes­sa pas­sio­ne re­spi­ra­ta in fa­mi­glia. Il 2017 è un an­no de­ci­si­vo per Ca­sci­na Maddalena: l’azien­da si rin­no­va con il lan­cio del­le nuo­ve li­nee di bot­ti­glie. «Pre­sen­tia­mo il re­sty­ling del “con­tor­no” – af­fer­ma­no i fratelli Zor­dan – ma il la­vo­ro più im­por­tan­te è sem­pre quel­lo che tro­via­mo nel bic­chie­re, frut­to di fa­ti­ca e pas­sio­ne». La sen­si­bi­li­tà dei gio­va­ni, ere­di­ta­ta dal nonno Giu­sep­pe e ma­tu­ra­ta nel cam­po in­sie­me ai ge­ni­to­ri Lu­cia­no e Raf­fael­la, sa cogliere le sfi­de del pre­sen­te e anticipare il fu­tu­ro. «Sia­mo sem­pre più at­ten­ti a quel­lo che ci cir­con­da, ascol­tia­mo la no­stra ter­ra e ci im­pe­gnia­mo a ri­spet­tar­la di più, vo­glia­mo ren­de­re il con­su­ma­to­re con­sa­pe­vo­le di quel­lo che ha nel bic­chie­re. Og­gi es­se­re ri­vo­lu­zio­na­ri si­gni­fi­ca to­glie­re, più che ag­giun­ge­re, ral­len­ta­re più che ac­ce­le­ra­re, e la no­stra scel­ta, for­se con­tro­ten­den­za ri­spet­to al mer­ca­to, pun­ta sul­la tu­te­la del ter­ri­to­rio e del vi­ve­re sano più che a un in­cre­men­to del­le quan­ti­tà e dei pro­fit­ti».

IL CAM­BIA­MEN­TO 2017 Il re­sty­ling del­le bot­ti­glie na­sce dal­la ter­za ge­ne­ra­zio­ne di Ca­sci­na Maddalena, in par­ti­co­la­re dal­la te­na­cia di Mat­tia Zor­dan, che sen­te il de­si­de­rio di in­no­va­re il suo pro­dot­to, in­tro­du­cen­do un toc­co di fre­schez­za e mo­der­ni­tà sul­le bot­ti­glie e de­di­can­do più at­ten­zio­ne al­la sostenibilità am­bien­ta­le. «Ci sia­mo re­si conto che era giun­to il mo­men­to di at­tua­re un cam­bia­men­to de­ci­si­vo – spie­ga Mat­tia –. In que­sto nuo­vo pro­get­to tut­te le eti­chet­te han­no un sen­so ben pre­ci­so o una sto­ria da rac­con­ta­re, per­ché ol­tre al­la bel­lez­za sog­get­ti­va ab­bia­mo vo­lu­to da­re all’eti­chet­ta un’ani­ma, che spe­ria­mo ci dif­fe­ren­zi e si fac­cia no­ta­re tra tan­te». Ol­tre l’im­ma­gi­ne ri­ma­ne la so­stan­za. Il pro­get­to più im­por­tan­te è par­ti­to qual­che an­no fa nei vi­gne­ti, Mat­tia si è con­cen­tra­to sul­la col­ti­va­zio­ne del­la vi­gna so­ste­ni­bi­le, in­tro­du­cen­do pra­ti­che più ri­spet­to­se dell’am­bien­te e del con­su­ma­to­re, con one­stà e tra­spa­ren­za. In che mo­do? «Ab­bia­mo abo­li­to i di­ser­ban­ti, ri­dot­to il nu­me­ro di trat­ta­men­ti si­ste­mi­ci e uti­liz­za­to pro­dot­ti a mi­no­re im­pat­to am­bien­ta­le. E da que­st’an­no ap­pli­che­re­mo la tec­ni­ca del­la “con­fu­sio­ne ses­sua­le” per evi­ta­re i trat­ta­men­ti in­set­ti­ci­di mol­to im­pat­tan­ti». Sem­pre per tu­te­la­re l’am­bien­te, con­ti­nua Mat­tia, «ab­bia­mo de­ci­so di ab­ban­do­na­re nel­le eti­chet­te le la­mi­ne a cal­do e di so­sti­tui­re gli sca­to­lo­ni co­lo­ra­ti con sca­to­le non ver­ni­cia­te, re­si­sten­ti e green».

La 3° ge­ne­ra­zio­ne, i pro­prie­ta­ri: Eli­sa, Mat­tia ed Ele­na Zor­dan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.