XA­VIER DO­LAN

Gay, ca­na­de­se e star

QMagazine - - DA PRIMA PAGINA - Di Eu­ge­nio Spa­gnuo­lo

A29 an­ni Xa­vier Do­lan è an­co­ra l’en­fant ter­ri­ble del ci­ne­ma in­ter­na­zio­na­le. Gay di­chia­ra­to, at­to­re, regista, scrit­to­re, pro­dut­to­re, dop­pia­to­re, edi­tor, co­stu­mi­sta, per­si­no au­to­re di vi­deo­clip di cul­to ( Hel­lo di Ade­le, Col­le­ge Boy de­gli In­do­chi­ne), al­la sua gio­va­ne età ha già in­do­vi­na­to 7 film, tra cui il de­li­zio­so e me­no co­no­sciu­to Les Amours ima­gi­nai­res del 2010, che rac­con­ta la sto­ria di due ami­ci, Ma­rie e Fran­cis, che si in­na­mo­ra­no del­lo stes­so ra­gaz­zo, Ni­co­las. La ve­ra sor­pre­sa di quel lun­go­me­trag­gio, ap­par­so an­che in qual­che fe­sti­val ita­lia­no, non è tan­to la sto­ria in sé, ma scoprire che il gio­va­ne e bel pro­ta­go­ni­sta e il regista so­no la stes­sa per­so- na: Do­lan, ap­pun­to. Non era la pri­ma vol­ta che Xa­vier si sdop­pia­va da­van­ti e die­tro la mac­chi­na da pre­sa: lo ave­va già fat­to nel suo pri­mo film da regista nel 2009, a 19 an­ni: J’ai tué ma mè­re, film se­mi-au­to­bio­gra­fi­co, che si con­cen­tra su un gio­va­ne ado­le­scen­te omo­ses­sua­le (Do­lan) e il suo rap­por­to di amo­reo­dio con la ma­dre. E poi, suc­ces­si­va­men­te, in Lau­ren­ce Any­ways e il de­si­de­rio di una don­na (2012) e in Tom à la fer­me, del 2015. Cin­que film con cui è riu­sci­to a con­vin­ce­re pub­bli­co e cri­ti­ca nel­la dop­pia ve­ste di regista e at­to­re. Per que­sta ca­pa­ci­tà ra­ris­si­ma di sa­per mi­sce­la­re il ta­len­to di regista con l’espres­si­vi­tà se­dut­ti­va dell’at­to­re e met-

ten­do il fi­la i pre­mi vin­ti dai suoi film, tra cui 8 al Fe­sti­val di Can­nes e 3 Cè­sar, la gio­va­ne età si po­treb­be de­fi­nir­lo regista dei re­cord. Ma di Do­lan col­pi­sce so­prat­tut­to l’or­go­glio di far­si ido­lo del­le fol­le, sen­za mai tra­di­re se stes­so: dal­la sua pri­ma ap­pa­ri­zio­ne, non ha mai na­sco­sto di es­se­re gay, an­che ri­schian­do in pri­ma per­so­na, co­me ha spie­ga­to in un’in­ter­vi­sta a The Ad­vo­ca­te nel 2009, che si può ve­de­re su You­tu­be, do­ve viag­gia ver­so le 500 mi­la vi­sua­liz­za­zio­ni (e guar­da­te­la se vi capita: ve­dre­te un Do­lan gio­va­nis­si­mo e ric­cio­lu­to che già spriz­za in­tel­li­gen­za da tut­ti i po­ri). C’è chi di­ce che il ta­len­to di Do­lan sia in par­te ere­di­ta­rio: il pa­dre Ma­nuel Ta­dros è un at­to­re e can­tan­te ca­na­de­se, la ma­dre Ge­ne­viè­ve, da cui ha pre­so il co­gno­me, un’in­se­gnan­te. Ma ci pia­ce pen­sa­re che il se­gre­to del suo suc­ces­so sia an­che quel­lo di es­se­re na­to e vis­su­to nel po­sto giu­sto, in Ca­na­da, pae­se da sem­pre all’avan­guar­dia per i di­rit­ti ci­vi­li e per la dif­fu­sio­ne di cul­tu­ra e crea­ti­vi­tà. E non è tan­to per di­re: il National Film Board / Of­fi­ce national du Ca­na­da, l’en­te pub­bli­co di pro­du­zio­ne ci­ne­ma­to­gra­fi­ca più gran­de al mon­do, ha pro­dot­to ol­tre 10.000 ope­re dal 1939, vin­cen­do da al­lo­ra qua­si 3000 pre­mi na­zio­na­li ed in­ter­na­zio­na­li. Il gio­va­ne Xa­vier è or­go­glio­sa­men­te ca­na­de­se e il suo ci­ne­ma è an­che un at­to d’amo­re al pae­se con la più al­ta re­pu­ta­zio­ne al mon­do (Coun­try Re­pT­rak 2017), an­che quan­do eser­ci­ta il suo spi­ri­to cri­ti­co.

Sce­na di Xa­vier Do­lan nel film, J’ai tué ma mè­re

Sce­na di Xa­vier Do­lan nel film, Les Amours ima­gi­nai­res

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.