Be­gram, un te­so­ro nel cuo­re della Via della Se­ta

Nel 1937, un ar­cheo­lo­go fran­ce­se sco­prì in Af­gha­ni­stan una splen­di­da col­le­zio­ne di avo­ri, va­si e sta­tue giun­ti da Ro­ma, Egit­to e Ci­na

Storica National Geographic - - Editoriale -

La sco­per­ta di una pre­zio­sa col­le­zio­ne di og­get­ti in avo­rio, va­si e sta­tue ro­ma­ni, egi­zi e ci­ne­si

Nel 1830, Char­les Mas­son, un esplo­ra­to­re in­gle­se che per­cor­re­va l’Asia Cen­tra­le se­guen­do le trac­ce della rot­ta com­piu­ta da Ales­san­dro Ma­gno, si ad­den­trò nell’Af­gha­ni­stan fi­no ad ar­ri­va­re a una fer­ti­le val­le si­tua­ta a sud della cor­di­glie­ra dell’Hin­du Ku­sh, cir­ca 80 chi­lo­me­tri a nord di Ka­bul, do­ve si tro­va­va la cit­tà di Be­gram.

In­ten­to al­la ri­cer­ca di mo­ne­te di epo­ca el­le­ni­sti­ca, Mas­son in­di­vi­duò le ve­sti­gia di un’an­ti­ca cit­tà pro­tet­ta da un com­ples­so for­ti­fi­ca­to ri­sa­len­te al IV se­co­lo a.C. L’esplo­ra­to­re in­gle­se la iden­ti­fi­cò co­me Ales­san­dria del Cau­ca­so, che era una del­le nu­me­ro­se fon­da­zio­ni del con­qui­sta­to­re ma­ce­do­ne.

Mas­son tra­scor­se di­ver­si an­ni a gua­da­gnar­si la fi­du­cia della gen­te del luo­go, che a cau­sa dell’in­te­res­se del­lo stra­nie­ro per le mo­ne­te gli ven­de­va­no tut­te quel­le che riu­sci­va­no a tro­va­re. «Rac­col­si 60.000 mo­ne­te di ra­me – scris­se nel 1837 –, un ri­sul­ta­to che mi com­piac­que mol­to». At­tra­ver­so que­sti pez­zi po­te­va se­gui­re il de­cli­no dell’in­fluen­za gre­ca nel­la re­gio­ne e il pa­ral­le­lo in­cre­men­to della pre­sen­za della cul­tu­ra in­dia­na.

Di cer­to, non fu che nel de­cen­nio del 1920 che co­min­cia­ro­no gli scavi ar­cheo­lo­gi­ci nel si­to, sot­to la di­re­zio­ne del fran­ce­se Al­fred Fou­cher. Que­sti era si­cu­ro che non si trat­tas­se di Ales­san­dria del Cau­ca­so, ma dell’an­ti­ca Ka­pi­sa, la ca­pi­ta­le esti­va dell’Im­pe­ro ku­sha­na, uno Sta­to sor­to in quel­la che era un’area di con­fluen­za del­le rot­te com­mer­cia­li della Via della Se­ta e che do­mi­nò il nord di In­dia e Af­gha­ni­stan fra gli an­ni 30 e 370 d.C. Per la sua iden­ti­fi­ca­zio­ne, Fou­cher si ba­sò sui te­sti del mo­na­co bud­d­hi­sta ed esplo­ra­to­re Xuan­zang, che ave­va vi­si­ta­to la zo­na nel VII se­co­lo d.C.

Te­so­ro o ma­gaz­zi­no? Fra il 1937 e il 1939, l’ar­cheo­lo­go fran­ce­se Jo­se­ph Hac­kin e sua mo­glie Ria ef­fet­tua­ro­no scavi in una zo­na di Be­gram che chia­ma­ro­no Nuo­va Cit­tà Rea­le, e vi rea­liz­za­ro­no una sco­per­ta che avreb­be por­ta­to all’in­clu- sio­ne di Be­gram nel­la mappa dell’ar­cheo­lo­gia mon­dia­le. In due stan­ze con­ti­gue – da lo­ro nu­me­ra­te co­me 10 e 13 – che era­no sta­te si­gil­la­te nell’an­ti­chi­tà con pa­re­ti di la­te­ri­zio, com­par­ve­ro cen-

ti­na­ia di la­stre in­ta­glia­te in avo­rio e os­so, va­si di ve­tro, bron­zi, me­da­glio­ni di ges­so e fram­men­ti di lac­ca ci­ne­se della di­na­sta Han, del I se­co­lo d.C. In ori­gi­ne si pen­sò che que­sti og­get­ti di ori­gi­ne ro­ma­na, ci­ne­se e in­dia­na fa­ces­se­ro par­te di un te­so­ro dei re ku­shan, ma re­cen­ti ri­cer­che sug­ge­ri­sco­no che si trat­ti più pro­ba­bil­men­te del ma­gaz­zi­no di un commerciante della Via della Se­ta.

Fra le sco­per­te di Be­gram si di­stin­guo­no per la fi­nez- za della la­vo­ra­zio­ne le la­stre d’avo­rio, che do­vet­te­ro de­co­ra­re lus­suo­si ban­chi, se­die e ar­chi in le­gno. Al­cu­ni ri­cer­ca­to­ri han­no avan­za­to l’ipo­te­si che que­sti ele­men­ti in avo­rio fos­se­ro pro­dot­ti in In­dia, ma le iscri­zio­ni sul re­tro sug­ge­ri­sco­no che po­treb­be­ro es­se­re sta­ti rea­liz­za­ti in Af­gha­ni­stan o in Pa­ki­stan, for­se da ar­ti­gia­ni iti­ne­ran­ti che po­te­va­no aver fat­to par­te di una re­te di di­stri­bu­zio­ne di avo­rio. Co­sì in­di­ca­no sco­per­te ana­lo­ghe

GLI SPLEN­DI­DI AVO­RI di Be­gram rap­pre­sen­ta­no bal­le­ri­ne, crea­tu­re della mi­to­lo­gia in­dù, sce­ne di cac­cia, pian­te e ani­ma­li. Mu­seo di Ka­bul.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.