SCHEDA TEC­NI­CA

Storica National Geographic - - Storico L ’evento -

Il Ti­ta­nic era uno dei tre tran­sa­tlan­ti­ci del­la clas­se Olym­pic com­mis­sio­na­ti dal­la com­pa­gnia na­va­le Whi­te Star ai can­tie­ri na­va­li Har­land & Wol­ff di Bel­fa­st.

• Lun­ghez­za: 269 m • Lar­ghez­za: 28 m

• 46.3 ton­nel­la­te

• Ve­lo­ci­tà di cro­cie­ra: 22 no­di la tran­quil­li­tà ra­re­fat­ta che si era vis­su­ta fi­no a quel mo­men­to in un dram­ma spa­ven­to­so. In me­no di mezz’ora più di un mi­glia­io di per­so­ne sa­reb­be­ro mor­te, tut­te per­fet­ta­men­te co­scien­ti del fat­to che non po­te­va­no fa­re nul­la per evi­tar­lo. Mol­to pro­ba­bil­men­te l’or­ro­re si im­pa­dro­nì di que­gli at­ti­mi, di cui pe­rò non ri­man­go­no te­sti­mo­nian­ze. Per questo mo­ti­vo ap­pa­re del tut­to in­com­pren­si­bi­le il fat­to che il re­gi­sta Ja­mes Ca­me­ron ab­bia avu­to l’im­per­do­na­bi­le au­da­cia (per la qua­le ha do­vu­to chie­de­re scu­sa e re­go­la­re i con­ti con la fa­mi­glia) di mo­stra­re nel suo film sul Ti­ta­nic il sui­ci­dio di uno de­gli uf­fi­cia­li do­po aver uc­ci­so un pas­seg­ge­ro che cer­ca­va di sa­li­re su una lan­cia. La scel­ta del re­gi­sta fu frut­to di un pet­te­go­lez­zo senza il mi­ni­mo fon­da­men­to.

Non si è riu­sci­to a sta­bi­li­re l’ori­gi­ne de­gli spa­ri che al­cu­ni so­prav­vis­su­ti di­chia­ra­ro­no di aver sen­ti­to, for­se dei ru­mo­ri lon­ta­ni che in­ter­pre­ta­ro­no co­me de­to­na­zio­ni. Ma non è lo­gi­co pensare che uno de­gli in­ca­ri­ca­ti di sal­va­re vi­te uma­ne si stes­se de­di­can­do pro­prio all’op­po­sto, e an­cor me­no che qual­cu­no l’ab­bia vi­sto e sia so­prav­vis­su­to per rac­con­tar­lo.

Eroi e an­ti­e­roi

Con­dan­na­re o ad­di­ta­re il com­por­ta­men­to del­le per­so­ne che era­no a bor­do è mol­to ri­schio­so. Va ri­cor­da­to che tut­ti que­sti da­ti pro­ven­go­no dal­le te­sti­mo­nian­ze di so­prav­vis­su­ti, ov­ve­ro da per­so­ne che la­scia­ro­no la na­ve pri­ma che il pa­ni­co e la mor­te ac­cer­chias­se­ro chi non riu­scì a fug­gi­re. Se­con­do le in­for­ma­zio­ni di­spo­ni­bi­li si ve­ri­fi­ca­ro­no at­ti di eroi­smo e com­por­ta­men­ti più che ri­pro­ve­vo­li. Ci fu chi si ri­fiu­tò di sa­li­re sul­le lan­ce senza la per­so­na ama­ta, chi si ve­stì da don­na per po­ter­si as­si­cu­ra­re un po­sto e chi pre­fe­rì sta­re a guar­da­re, ma­ga­ri as­sa­po­ran­do un buon bran­dy, a di­mo­stra­zio­ne che la ca­val­le­ria non è ca­rat­te­ri­sti­ca co­mu­ne a tut­ti i gen­tle­man. Cen­ti­na­ia di sto­rie su quel­le due ore e mezzo di an­go­scia di­mo­stra­no l’im­per­scru­ta­bi­li­tà e l’im­pre­ve­di­bi­li­tà del­la con­di­zio­ne

uma­na. Dei tre prin­ci­pa­li re­spon­sa-

269 m

28 m

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.