U

Style - - THE GOOD LIFE -

na ver­sio­ne più pre­ci­sa di un’esi­gen­za di tut­ti me la sin­te­tiz­zò un ami­co an­ni fa: ogni tan­to ti vie­ne vo­glia di man­gia­re un­to (lui pe­rò è di ori­gi­ne ve­ne­ta, quin­di dis­se «on­to», che suo­na an­che me­glio). Co­sa vuol di­re? Che per quan­to og­gi pre­val­ga, com’è giu­sto che sia, una cu­ci­na, quel­la di tut­ti i gior­ni, leg­ge­ra e con po­chi gras­si, ogni tan­to ti vien vo­glia di stra­fo­gar­ti con un piat­to­ne ca­lo­ri­co, con tan­ti gras­si. Sia chia­ro, non par­lo di street food, che so­no ci­bi di tut­ti i gior­ni, ra­ra­men­te gras­si, e nean­che di com­fort food, ov­ve­ro quel­li che ci san­no coc­co­la­re, che in­ti­ma­men­te amia­mo per mo­ti­vi che nean­che sap­pia­mo o ri­cor­dia­mo, ma di piat­ti ric­chi e scac­cia­pen­sie­ri.

Quan­do ero gio­va­ne, il mio top piat­to un­to era­no le «oeufs en meu­ret­te» francesi. In so­stan­za si trat­ta di due cro­sto­ni di pan­car­rè sal­ta­ti con il bur­ro, e sa il cie­lo quan­to bur­ro rie­sce ad as­sor­bi­re un cro­sto­ne in cot­tu­ra, co­per­ti cia­scu­no da un uo­vo in ca­mi­cia e nap­pa­ti con una son­tuo­sa sal­sa a ba­se di vi­no ros­so, pan­cet­ta, sca­lo­gni, fun­ghi e an­co­ra bur­ro. Fi­da­te­vi, più un­to di co­sì non si può.

Ma era un piat­to che co­mun­que ri­chie­de­va una cer­ta pe­ri­zia per la cot­tu­ra del­le uo­va e quan­do cu­ci­ni un­to non hai sem­pre vo­glia di sta­re trop­po at­ten­to. Quin­di fu so­sti­tui­to da una mia ver­sio­ne

Il chi­li con car­ne lo sco­prii, co­me tut­ti, ne­gli spa­ghet­ti we­stern. Non è un piat­to mes­si­ca­no ma te­xa­no, an­che se il no­me del­la cu­ci­na di cui rap­pre­sen­ta il cul­mi­ne è tex-mex (e ai mes­si­ca­ni que­sto no­me non pia­ce). In ori­gi­ne so­no dei sem­pli­cis­si­mi fa­gio­li stu­fa­ti, con­di­ti con pe­pe­ron­ci­no pic­can­te, ap­pun­to chi­li, il no­me ar­che­ti­po del pe­pe­ron­ci­no, con po­mo­do­ro, ci­pol­le, ori­ga­no cu­mi­no e al­tro. Qual­che ge­nio eb­be l’idea di ar­ric­chir­lo con car­ne tri­ta, ver­sio­ne più po­po­la­re, o ta­glia­ta a da­di­ni al col­tel­lo, ver­sio­ne più no­bi­le. Il suc­ces­so fu tra­vol­gen­te e og­gi in­si­dia gli ham­bur­ger e la tor­ta di me­le co­me piat­to na­zio­na­le de­gli Sta­ti Uni­ti.

Con­qui­stò an­che me, da al­lo­ra ne fac­cio una ver­sio­ne tut­ta mia e fa­ci­lis­si­ma mol­te più vol­te di quan­to si pos­sa pen­sa­re. Di­rò di più, spes­so (ma non sem­pre) c’è nel mio fri­go un con­te­ni­to­re col­mo di chi­li con car­ne, per le emer­gen­ze.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.