I

MMAGINA CHE il Mu­ro di Berlino non sia mai ca­du­to. Che a par­te una sua bre­ve aper­tu­ra, al­la fi­ne del 1989, per far usci­re chi era fer­ma­men­te de­ci­so ad an­da­re via, quel mi­lio­ne e mez­zo di ir­ri­du­ci­bi­li av­ver­sa­ri del re­gi­me, la Ddr sia so­prav­vis­su­ta al croll

Style - - INTERIORS -

BI­SO­GNA CO­NO­SCE­RE un po’ di sto­ria te­de­sca per se­gui­re Piano D, il th­ril­ler che Si­mon Ur­ban ha am­bien­ta­to in una Ddr di­sto­pi­ca, e ora esce per Kel­ler edi­to­re nel­la tra­du­zio­ne di Ro­ber­ta Ga­do (in li­bre­ria dal­la fi­ne di apri­le). Il mon­do è an­da­to avan­ti, so­lo la Ddr è ri­ma­sta fer­ma all’89. Quan­do dall’al­tra par­te del­la Cor­ti­na di fer­ro si te­le­fo­na­va con cel­lu­la­ri Min­sk e si scri­ve­va su «mac­chi­ne da uf­fi­cio» Ro­bo­tron, men­tre le car­ret­te a quat­tro ruo­te car­bu­ra­va­no olio di col­za, co­sì che un odo­re di frit­to esa­la­va su tut­ta Berlino Est, fa­cen­do­ne «la frig­gi­to­ria più gran­de e ca­den­te dell’unio­ne So­cia­li­sta». Su que­sto sfon­do ci scap­pa l’im­man­ca­bi­le mor­to, che dà il via a un gial­lo av­vin­cen­te. E via via che l’in­da­gi­ne an­drà avan­ti ri­sul­te­rà sem­pre più chia­ro per­ché il de­sti­no del­la Ddr era se­gna­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.