L’età del fer­ro

For­ma e spazio: lo sti­le mo­nu­men­ta­le (in tut­ti i sen­si) di Ric­car­do Cor­de­ro.

Style - - Sommario - di Mar­ti­na Cor­gna­ti

IM­MA­GI­NA di po­ter disegnare « non sul fo­glio bian­co ma nel li­be­ro spazio a tre di­men­sio­ni: que­sta è la pos­si­bi­li­tà che mi ha re­ga­la­to la scul­tu­ra sal­da­ta». Ric­car­do Cor­de­ro è uno dei (po­chi) ar­ti­sti ita­lia­ni che an­co­ra pra­ti­ca­no la scul­tu­ra tra­di­zio­na­le e i suoi ri­tua­li «da of­fi­ci­na». Spe­ri­men­ta­to­re na­to, in vi­ta sua ha pro­va­to di tut­to, dal bron­zo al ple­xi­glas, dal­le re­si­ne al­la pie­tra. Ma è con il fer­ro, l’ac­cia­io e gli al­tri me­tal­li sal­da­ti che ha tro­va­to il suo sti­le. Gi­gan­te­schi to­tem dal sa­po­re mec­ca­ni­co e ar­cai­co, sfe­re aper­te allo spazio, li­nee di for­za aguz­ze o ar­ro­ton­da­te, slan­cia­te nel vuo­to, che spes­so rag­giun­go­no la sca­la del mo­nu­men­to. «È la mia età del fer­ro» mi spie­ga. «Il me­tal­lo che ha permesso l’evo­lu­zio­ne dell’uo­mo pri­mi­ti­vo è sta­to de­ci­si­vo an­che per me, con­sen­ten­do­mi di trac­cia­re se­gni di­na­mi­ci e for­me aper­te, dia­lo­ghi fra vuo­to e pie­no». L’idea è pia­ciu­ta; un an­no do­po l’al­tro le sue strut­tu­re so­no sta­te scel­te per oc­cu­pa­re in per­ma­nen­za gran­di piaz­ze e spa­zi pub­bli­ci, in Ita­lia (ad esem­pio Li­bel­lu­la dal 2008 da­van­ti al­la Nuo­va Cor­te d’ap­pel­lo di Ro­ma), ne­gli Sta­ti Uni­ti (Gran­de fer­ro del 1993 è a Da­ma­scus, Fon­da­zio­ne Loo­kout) e in Ci­na (Me­teo­ra del 2005 cam­peg­gia scin­til­lan­te nel pre­sti­gio­so Sculp­tu­re Park di Shan­ghai), do­ve Cor­de­ro è l’uni­ca pre­sen­za ita­lia­na fra una tren­ti­na di ar­ti­sti in­ter­na­zio­na­li.

«Da un pez­zo ho pas­sa­to i 70 an­ni ma viag­gio mol­to più di pri­ma» sor­ri­de. Sì, ma poi tor­na sem­pre in­die­tro. A Torino, do­ve vi­ve (è na­to ad Al­ba, Cu­neo), si è for­ma­to e ri­tro­va il suo la­bo­ra­to­rio, gli ar­ti­gia­ni che col­la­bo­ra­no con lui e l’as­so­cia­zio­ne Pie­mon­te­se Ar­te che di­ri­ge per so­ste­ne­re i pro­get­ti di al­tri col­le­ghi, so­prat­tut­to stra­nie­ri e gio­va­ni. Al­le vol­te è du­ra con­ci­lia­re tut­to: «Ma l’ar­te è il più bel me­stie­re del mon­do. So­no fe­li­ce di sve­gliar­mi ogni mat­ti­na e ri­co­min­cia­re».

Fi­no al 4 no­vem­bre di­ver­se ope­re re­cen­ti di Ric­car­do Cor­de­ro (fo­to) so­no espo­ste al­la Trien­na­le di scul­tu­ra Bad Ra­gar­tz in Sviz­ze­ra e Lie­ch­ten­stein. In al­to: Cha­kra 2 a Wu­hu in Ci­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.