Car­rà sty­le

Style - - Sommario - di An­drea Ros­si

IL PIÙ BEL COMPLIMENTO, al qua­le mi as­so­cio, gliel’ha fat­to Pe­dro Al­mo­dó­var, mi­ca uno qua­lun­que: «Raf­fael­la Car­rà non è un’ar­ti­sta, è uno sti­le». Sì per­ché la ra­gaz­za, que­st’eter­na ra­gaz­za ro­ma­gno­la, pie­na di ta­len­to e vi­ta­li­tà, è un mo­do di af­fron­ta­re la vi­ta e i suoi in­ciam­pi, un’«ar­ci­ta­lia­na» schiet­ta e fa­sci­no­sa, bel­la e sim­pa­ti­ca, co­sì ita­lia­na da di­ven­ta­re una star in­ter­na­zio­na­le, adot­ta­ta da Spa­gna e Ar­gen­ti­na, ado­ra­ta dai gay e ma­dri­na del World­pri­de, la so­la cui An­dy Wa­rhol avreb­be po­tu­to re­ga­la­re un ri­trat­to per l’eter­ni­tà, co­me Ma­ri­lyn Mon­roe o Jac­que­li­ne Ken­ne­dy.

Non ha ere­di Raf­fael­la per­ché lei è uni­ca, ini­mi­ta­bi­le, un’ico­na pop e una don­na co­rag­gio­sa e con i pie­di ben sal­di per ter­ra, an­che se la co­sa può sem­bra­re ri­di­co­la per una che bal­la da una vi­ta. «Quan­do ve­de­vo le ge­mel­le Kes­sler» ri­cor­da, «mi di­ce­vo: sì, que­sto mo­do di bal­la­re qui, per ca­ri­tà, è la per­fe­zio­ne, pe­rò bi­so­gne­reb­be che fos­se più spet­ti­na­to». E co­sì fu, e fu tut­to un tur­bi­nio di ca­pel­li, ba­ci­ni e om­be­li­chi, e sguar­di che tra­fig­ge­va­no i cuo­ri, che mai si era vi­sta una co­sa più ero­ti­ca in ti­vù, le sue mos­se in­vi­ta­va­no al pec­ca­to, all’amo­re, quel­lo li­be­ro e an­che scon­ve­nien­te, se ne­ces­sa­rio, ma pur sem­pre amo­re, amo­re e di­ver­ti­men­to, eros e vi­ta (so­pra nel bal­lo Tu­ca Tu­ca nel 1971). Lei ci mi­se la sua ca­ri­ca ses­sua­le, la sua al­le­gria con­ta­gio­sa, l’aria di una che si di­ver­te a fa­re quel­lo che fa, il de­si­de­rio di vi­ve­re sen­za pre­giu­di­zi, a te­sta al­ta, una si­ga­ret­ta sem­pre ac­ce­sa tra le di­ta, la mu­si­ca di Hair co­me co­lo­na so­no­ra: «Lo vi­di no­ve vol­te a Pa­ri­gi. Ma­don­na!, mi dis­si, que­sto sì che vuol di­re espri­mer­si».

Il 18 giu­gno fe­steg­ge­rà il compleanno, e per lei fac­cio un’ec­ce­zio­ne: nien­te graf­fi, sta­vol­ta, so­lo ca­rez­ze. Raf­fael­la Ro­ber­ta Pel­lo­ni, que­sto il suo no­me, è pas­sa­ta da Hol­ly­wood Ω re­ci­tò con Frank Si­na­tra ne Il co­lon­nel­lo Von Ryan a 22 an­ni Ω a Bob Sin­clair che re­mi­xò uno dei suoi più gran­di suc­ces­si, A far l’amo­re co­min­cia tu ,fi­noa The Voi­ce: sho­w­girl, can­tan­te, bal­le­ri­na, at­tri­ce, con­dut­tri­ce, au­tri­ce, e l’elen­co fi­ni­sce qui per­ché non ha tempo di fa­re al­tro. Una don­na mo­der­na, dei tem­pi no­stri, an­zi di quel­li che vor­rem­mo fos­se­ro, i tem­pi no­stri, aper­ti e tol­le­ran­ti e ge­ne­ro­si, cre­sciu­ta sen­za un pa­dre, ma con due don­ne, mam­ma e non­na. «Fac­cia­mo usci­re i bam­bi­ni da­gli or­fa­no­tro­fi! Avran­no due pa­dri o due ma­dri, io le ho avu­te, e al­lo­ra, so­no ve­nu­ta ma­le?». No, non sei ve­nu­ta ma­le, mi sen­to di ri­spon­de­re. Non che ce ne sia bi­so­gno, del re­sto. Le vo­glio­no be­ne tut­ti, il mon­do gay stra­ve­de per que­sta ra­gaz­za al­ler­gi­ca al ma­tri­mo­nio e al­le con­ven­zio­ni. L’ha rac­con­ta­to lei stes­sa, al­cu­ni an­ni fa, cer­can­do di ca­pi­re i mo­ti­vi di una pas­sio­ne ir­re­fre­na­bi­le «Lo chie­si a un ami­co gay, di­ret­to­re di una ri­vi­sta in lin­gua spa­gno­la: Que te gu­sta de mi per­so­na? Lui mi guar­dò co­me fos­si una tor­ta al cioc­co­la­to, to­do, ri­spo­se».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.