La li­ber­tà di sce­glie­re

Due ra­gaz­zi di pe­ri­fe­ria fi­ni­ti nel­la spi­ra­le del­la cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta. Sol­di fa­ci­li o so­prav­vi­ven­za? Ne« LA TER­RA DELL’AB­BA­STAN­ZA» nes­su­na stra­da è in di­sce­sa.

Style - - Sommario - di Va­len­ti­na Ra­viz­za

L« A TER­RA DELL’AB­BA­STAN­ZA è il pun­to d’in­con­tro tra l’ave­re tut­to e il non ave­re nien­te» spie­ga Mat­teo Oli­vet­ti, pro­ta­go­ni­sta in­sie­me a An­drea Car­pen­za­no dell’omo­ni­mo lun­go­me­trag­gio d’esor­dio dei fra­tel­li re­gi­sti Da­mia­no e Fa­bio D’in­no­cen­zo (al ci­ne­ma dal 7 giu­gno). Una sto­ria di ami­ci­zia in una pe­ri­fe­ria, quel­la ro­ma­na, in cui la de­lin­quen­za sem­bra es­se­re l’uni­ca via di ri­scat­to dal­la scon­fit­ta: co­sì Mirko e Ma­no­lo rie­sco­no a tra­sfor­ma­re un in­ci­den­te d’au­to in un bi­gliet­to d’in­gres­so nel­la cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta. Ma an­che i sol­di fa­ci­li han­no un co­sto e quel­lo che i due ra­gaz­zi pa­ghe­ran­no non avreb­be po­tu­to es­se­re più al­to. «Leg­gen­do la sce­neg­gia­tu­ra mi so­no su­bi­to ac­cor­to del­la gran­de sen­si­bi­li­tà dei re­gi­sti» rac­con­ta Oli­vet­ti, «la scrit­tu­ra è ec­cel­len­te, i pen­sie­ri espres­si per­fet­ta­men­te, mi so­no sen­ti­to su­bi­to vi­ci­no al per­so­nag­gio di Mirko».

Dav­ve­ro Mirko e Ma­no­lo non han­no al­tra pos­si­bi­li­tà di ri­scat­to se non la ma­la­vi­ta?

Si può sem­pre sce­glie­re, ma mol­to di­pen­de da chi ti ac­com­pa­gna ver­so cer­te stra­de. C’è il pa­dre di Ma­no­lo (in­ter­pre­ta­to da Max Tor­to­ra, ndr) che è un «bam­ba­cio­ne» buo­no a nul­la e lo spin­ge a co­glie­re l’oc­ca­sio­ne per svol­ta­re fi­no a tra­sci­nar­lo al­la mor­te e c’è la ma­dre di Mirko (Mi­le­na Man­ci­ni,

ndr) che in­ve­ce è una don­na se­pa­ra­ta che man­tie­ne la fa­mi­glia da so­la e cer­ca di ri­por­tar­lo sul­la ret­ta via. An­che la so­cie­tà dif­fon­de mo­del­li sba­glia­ti?

Quel­li ci so­no e ci sa­ran­no sem­pre, è la per­so­na che sce­glie qua­li se­gui­re. Il pro­ble­ma è che i ra­gaz­zi­ni di og­gi, con il cel­lu­la­re in ma­no già a 12 an­ni, han­no ac­ces­so a qua­lun­que co­sa sen­za nes­sun con­trol­lo. Pen­so a cer­ti vi­deo di rap­per che han­no gran­de in­fluen­za e par­la­no del fa­sci­no del­le dro­ghe... È un mon­do che co­no­sce di­ret­ta­men­te?

No, per for­tu­na ho avu­to una fa­mi­glia so­li­da, ma mi pia­ce en­tra­re in con­tat­to con per­so­ne di­ver­se da me e co­no­sce­re la lo­ro real­tà: di re­cen­te so­no sta­to a Na­po­li da un ami­co e ho in­con­tra­to dei ra­gaz­zi di Scam­pia che mi han­no fat­to ca­pi­re quan­to sia ve­ro quel­lo che vie­ne rac­con­ta­to in Go­mor­ra. Io ho sem­pre la­vo­ra­to e cre­do che se uno vuo­le un la­vo­ro one­sto lo tro­va, men­tre spes­so ci si na­scon­de die­tro a del­le scu­se. Bi­so­gna pe­rò am­met­te­re che esi­sto­no periferie do­ve le op­por­tu­ni­tà so­no po­che. En­tra­re nel clan è la scel­ta più fa­ci­le?

I sol­di fa­ci­li fan­no ve­ni­re l’ac­quo­li­na in boc­ca, e poi com­pie­re dei cri­mi­ni fa sen­ti­re i pro­ta­go­ni­sti del film più for­ti, più uo­mi­ni. Ma non ca­pi­sco­no quel­lo che stan­no fa­cen­do, en­tra­re in quel vor­ti­ce di ma­le gli of­fu­sca la vi­sta tan­to che in po­co tempo ar­ri­ve­ran­no a di­re che la so­la co­sa che vo­glio­no è uc­ci­de­re.

Mat­teo Oli­vet­ti, 28 an­ni, ha re­ci­ta­to in di­ver­se se­rie te­le­vi­si­ve, tra cui Gior­ni da leo­ne e In­can­te­si­mo 6.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.