Pe­dro Pa­scal: uo­mo sen­za fron­tie­re

Style - - Summario - di Gio­van­na Gras­si - fo­to di Mi­chael Sch­war­tz - sty­ling di Fabio Im­me­dia­to

Fi­glio di op­po­si­to­ri di Pi­no­chet, Pe­dro Pa­scal ha vis­su­to da rifugiato in Da­ni­mar­ca e ne­gli Sta­ti Uni­ti. Poi l’in­con­tro con il ci­ne­ma «per co­no­sce­re il mon­do» e il suc­ces­so nel­le se­rie tv, da «Il tro­no di spa­de» a «Nar­cos». E in­tan­to ha già scrit­to la sua epi­gra­fe: «Pren­di in ma­no il tuo ba­n­jo e vai a suo­na­re per­ché nel­la vi­ta è im­por­tan­te fa­re quel­lo che dav­ve­ro vuoi».

ÈIN UN MO­TEL de­gno di un hor­ror mo­vie l’ap­pun­ta­men­to con Pe­dro Pa­scal, l’at­to­re co­no­sciu­to da tan­ti co­me l’ispet­to­re Ja­vier Peña del­la se­rie Nar­cos, ma che le don­ne han­no ap­prez­za­to in pri­mis co­me il prin­ci­pe Obe­ryn Mar­tel­lin ne Il tro­no di spa­de. Non sia­mo lon­ta­ni da Oran­ge Coun­ty, do­ve que­sto 43en­ne na­to in Ci­le e cre­sciu­to da rifugiato pri­ma in Da­ni­mar­ca e poi ne­gli Usa (i suoi ge­ni­to­ri, so­ste­ni­to­ri di Sal­va­dor Al­len­de, do­vet­te­ro la­scia­re il Pae­se do­po il gol­pe di Au­gu­sto Pi­no­chet) ha tra­scor­so gran par­te del­la sua ado­le­scen­za. Im­pe­gna­tis­si­mo, tra le ri­pre­se di Won­der Wo­man 2 e la po­st pro­du­zio­ne di If Bea­le street could talk, il film trat­to dal li­bro di Ja­mes Bald­win Se la stra­da po­tes­se par­la­re e di­ret­to da Bar­ry Jen­kins, il re­gi­sta pre­mio Oscar di Moon­light, Pa­scal è dav­ve­ro nel mo­men­to clou del­la car­rie­ra per­ché è tra gli in­ter­pre­ti «la­ti­nos» più ri­chie­sti a Hol­ly­wood. Non so­lo lo ve­dre­mo il 14 ago­sto con Den­zel Wa­shing­ton in The equa­li­zer 2 di An­toi­ne Fu­qua, ma uno dei suoi film più attesi per il pros­si­mo an­no è Tri­ple fron­tier di J. C. Chan­dor da una sce­neg­gia­tu­ra di Mark Boal, pro­dut­to­re e au­to­re di The hur­th loc­ker. «Sì, il la­vo­ro va be­ne e mi of­fre espe­rien­ze straor­di­na­rie, che quan­do ero stu­den­te mai avrei im­ma­gi­na­to, an­che se le sognavo pas­san­do i pomeriggi al ci­ne­ma men­tre mia so­rel­la mi fa­ce­va ascol­ta­re si­no all’esau­ri­men­to Li­ke a vir­gin di Ma­don­na» di­ce ri­den­do men­tre un gi­ra­di­schi con­ti­nua a ri­pe­te­re la can­zo­ne di Sia, Fi­re meet ga­so­li­ne, nel cui vi­deo si ve­de Pa­scal al fian­co di Hei­di Klum in quel­la che è sta­ta de­fi­ni­ta «una del­le più sen­sua­li se­quen­ze dei vi­deo­clip». D’al­tron­de in­qua­drar­lo so­lo nel suo la­vo­ro d’at­to­re è li­mi­ta­ti­vo: tra le al­tre co­se, fa par­te a New York di un grup­po tea­tra­le ed è at­ti­vo an­che co­me re­gi­sta. «Ho sem­pre avu­to un pro­get­to: esi­ste­re e non so­lo vi­ve­re, cer­can­do un mo­do di espri­me­re le mie idee e in­se­guen­do le mie pas­sio­ni. La real­tà in­di­vi­dua­le è fat­ta di tan­te tap­pe, cri­si, so­gni, con­qui­ste, di­sfat­te. E non di­men­ti­co mai che, co­me ci­le­no, ho co­no­sciu­to e studiato le tra­ge­die di un Pae­se, dal­la co­lo­niz­za­zio­ne spa­gno­la al­la dit­ta­tu­ra e al­la de­mo­cra­zia».

Qua­le era, e for­se è, il suo pri­ma­rio obiet­ti­vo?

Vo­le­vo una vi­ta in­te­res­san­te ed emo­ti­va. De­si­de­ra­vo con­qui­sta­re il sen­so del­la bel­lez­za in ogni co­sa. So­no cre­sciu­to sen­ten­do­mi par­te di un al­be­ro ge­nea­lo­gi­co che non vo­le­va bar­rie­re, con­fi­ni, di­scri­mi­na­zio­ni: da San­tia­go sia­mo fi­ni­ti in Da­ni­mar­ca, poi a San An­to­nio in Te­xas, quin­di a Oran­ge Coun­ty in Ca­li­for­nia e a New York. Sognavo leg­gen­do i fu­met­ti di Fla­sh Gor­don, ascol­ta­vo le can­zo­ni di Ig­gy Pop, ave­vo pau­ra guar­dan­do film co­me Lo squa­lo, vi­ve­vo av­ven­tu­re con In­dia­na Jo­nes, di­vo­ra­vo li­bri e an­da­vo sem­pre in pi­sci­na per­ché de­si­de­ra­vo di­ven­ta­re un nuo­ta­to­re pro­fes­sio­ni­sta: quan­do a 11 an­ni di­ven­ni in Te­xas cam­pio­ne sta­ta­le di nuoto, mi sen­tii al top del mon­do. Al­lo­ra non sa­pe­vo an­co­ra che la vi­ta avreb­be pre­so al­tre svol­te…

Quan­do de­ci­se di di­ven­ta­re un at­to­re?

Mi pia­ce­va­no tut­ti i film con Ste­ve Mc­queen e Paul New­man e l’idea che la­vo­ran­do in Pae­si sem­pre di­ver­si avrei co­no­sciu­to il mon­do mi sti­mo­la­va. Per me i viag­gi si­gni­fi­ca­no rot­tu­ra, cam­bia­men­to d’abi­tu­di­ni e ri­cer­ca di nuo­vi equi­li­bri. Tra i tan­ti luo­ghi in cui è sta­to qua­li sce­glie­reb­be? Cam­mi­na­re sul­la Gran­de Mu­ra­glia per The

great wall di Zhang Yi­mou è sta­to co­me tro­var­mi su un’al­tra ga­las­sia. Nel Sud dell’ita­lia, nel­le iso­le del­la Si­ci­lia co­me Li­pa­ri e Strom­bo­li ho pro­va­to una sim­bio­si con la na­tu­ra che mi è ne­ces­sa­ria, an­che se mi con­si­de­ro un uo­mo che ha sem­pre, o qua­si, bi­so­gno di sen­tir­si una me­tro­po­li in­tor­no. New York re­ste­rà per sem­pre il mio ha­bi­tat, ma un’al­tra del­le cit­tà che pre­di­li­go è Ma­drid. E co­sa le pia­ce fa­re nei mo­men­ti li­be­ri?

Quan­do ho tem­po per me stes­so ascol­to spes­so mu­si­ca: vi­via­mo in un con­ti­nuo bom­bar­da­men­to di im­ma­gi­ni e que­sto è il mio mo­do di smus­sa­re ogni vio­len­za. Mi piac­cio­no tan­ti com­po­si­to­ri e band, da Erik Sa­tie ai Gun N’ Ro­ses, e il fa­re mu­si­ca in­sie­me per me è la ve­ra de­mo­cra­zia. Qua­le ri­cor­do ha dei suoi ini­zi pro­fes­sio­na­li?

Al­lo­ra, e an­co­ra ades­so, mi pia­ce­va leg­ge­re, scri­ve­re, crea­re sto­rie, viag­gia­re con i per­so­nag­gi più sva­ria­ti tra real­tà e fan­ta­sia. La re­ci­ta­zio­ne co­me ma­nie­ra di espri­mer­mi è ve­nu­ta do­po e via via è di­ven­ta­ta il baricentro in­tor­no al qua­le rag­gru­ma­re tut­te le espe­rien­ze nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo e, in pri­mis, del­le mie gior­na­te. De­ve mol­to a Il tro­no di spa­de. Per­ché, a suo pa­re­re, que­sta se­rie ha avu­to e con­ti­nua ad ave­re un suc­ces­so glo­ba­le?

Per­ché par­la di re­gni, bat­ta­glie, po­ver­tà, clas­si so­cia­li, me­sco­la il fan­ta­sy al­la fan­ta­scien­za e all’hor­ror, in un mi­sto di ri­fe­ri­men­ti al Me­dioe­vo e all’eter­no rea­li­smo del­la po­li­ti­ca, dei rap­por­ti e de­gli scon­tri uma­ni, tra dra­ghi con gli oc­chi ac­ce­si e in­di­vi­dui che han­no co­rag­gio, pau­ra, cer­tez­ze e dub­bi. Che co­sa vuo­le an­co­ra dal­la sua car­rie­ra?

In­con­tri e sti­mo­li da par­te di per­so­nag­gi quan­to mai di­ver­si tra lo­ro. Ma de­si­de­ro an­che dia­lo­ga­re con il pub­bli­co, che per me si­gni­fi­ca so­cia­li­tà, con­tat­ti au­ten­ti­ci con le per­so­ne più di­spa­ra­te. Vo­glio ele­gan­za nel­la mia vi­ta e a que­sta pa­ro­la og­gi co­sì abu­sa­ta, io do il si­gni­fi­ca­to di ge­ne­ro­si­tà. Co­me vi­ve le ri­va­li­tà con i suoi col­le­ghi at­to­ri?

Astraen­do­mi, crean­do ovun­que io sia una por­zio­ne di esi­sten­za do­ve gli ami­ci, le per­so­ne che sce­gli e che ami han­no un po­sto pre­ci­so e non si par­la so­lo di noi stes­si, dei no­stri pro­ble­mi, ma del mon­do. Tut­ta­via da sem­pre ri­ten­go che la com­pe­ti­zio­ne, co­sì co­me l’am­bi­zio­ne, sia una mol­la in­di­spen­sa­bi­le nel­la vi­ta: la ri­va­li­tà ci im­po­ne an­zi­tut­to di bat­te­re noi stes­si e, in fon­do, è an­che per que­sto che so­gnia­mo le no­stre me­te, an­dia­mo avan­ti o tor­nia­mo in­die­tro e ci pro­iet­tia­mo ver­so qual­che mi­rag­gio. Se og­gi che è all'api­ce del suc­ces­so do­ves­se scri­ve­re la sua epi­gra­fe qua­le sa­reb­be?

«Pren­di in ma­no il tuo ba­n­jo e vai a suo­na­re» per­chè nel­la vi­ta è im­por­tan­te fa­re quel­lo che dav­ve­ro vuoi e non di­ven­ta­re ric­co e fa­mo­so.

CA­MI­CIA, BOTTEGA VE­NE­TA. Tra i suoi film più attesi per il pros­si­mo an­no c'è Tri­ple fron­tier di J. C. Chan­dor

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.