Guer­ra e pa­ce. Se­con­do Fin­ne­gan Ol­d­field

Non ha pau­ra di par­la­re di po­li­ti­ca, Fin­ne­gan Ol­d­field. Tra un film sul­le pre­si­den­zia­li fran­ce­si e uno nell’in­fer­no ji­ha­di­sta. «Il Me­dio Orien­te non è quel­lo che si ve­de in tv».

Style - - SOMMARIO - di Va­len­ti­na Ra­viz­za - fo­to di Si­mon - sty­ling di An­ge­li­ca Pia­na­ro­sa

N

OME ANGLOSASSONE che più non si può (pa­re, e gli cal­ze­reb­be pro­prio a pen­nel­lo, ispi­ra­to al ribelle Huc­kle­ber­ry Finn) e ac­cen­to fran­ce­se an­che quan­do, co­me in que­sta in­ter­vi­sta, ri­spon­de in in­gle­se: me­ri­to di un pa­dre ori­gi­na­rio del Sus­sex, poi tra­sfe­ri­to­si ol­tre­ma­ni­ca, e di una mam­ma pa­ri­gi­na, al­la qua­le de­ve i na­ta­li nel 19esi­mo ar­ron­dis­se­ment. Ma seb­be­ne sia sta­ta lei a con­ta­gia­re con la pas­sio­ne per il ci­ne­ma l’og­gi 27en­ne Fin­ne­gan Ol­d­field e i re­gi­sti fran­ce­si a sce­glier­lo per i suoi ruo­li più im­por­tan­ti (Les co­w­boys e Mar­vin ou la bel­le édu­ca­tion gli so­no val­si due no­mi­na­tion co­me mi­glior in­ter­pre­te ma­schi­le ai pre­mi Cé­sar), lui ha co­mun­que ti­fa­to per i Th­ree Lions agli ul­ti­mi mon­dia­li. «Quan­do vi­ve­vo a Lon­dra ho sco­per­to che il cal­cio è fat­to ap­po­sta per quan­do ti sen­ti so­lo: ti ba­sta an­da­re a ve­de­re una par­ti­ta al pub per tro­va­re fa­cil­men­te qual­cu­no con cui par­la­re…».

E da­van­ti al­la ci­ne­pre­sa con qua­le lin­gua si sen­te più

a suo agio? Le re­go­le del­la re­ci­ta­zio­ne so­no ugua­li in tut­te le lin­gue: de­vi es­se­re ve­ro. Ma le sfi­de non mi spa­ven­ta­no, nel film che ho ap­pe­na fi­ni­to di gi­ra­re, Dans la gueu­le du re­quin di Em­ma­nuel Ha­mon, mi so­no ci­men­ta­to ad­di­rit­tu­ra con l’ara­bo…

Che per­so­nag­gio in­ter­pre­ta? Il film, trat­to da una sto­ria ve­ra, par­la di una ra­gaz­za fran­ce­se che par­te co­me fo­rei­gn fighter por­tan­do con sé a Raq­qa an­che il fi­glio di quat­tro an­ni, ma quan­do la roc­ca­for­te dell’isis sta per ca­de­re, sia­mo nel 2015, ca­pi­sce di aver sba­glia­to e vor­reb­be tor­na­re in Fran­cia, al­lo­ra il ma­ri­to che nel frat­tem­po ha sco­per­to la ve­ri­tà fa di tut­to per aiu­tar­la a fug­gi­re, con l’aiu­to di al­cu­ni ra­gaz­zi si­ria­ni, uno dei qua­li so­no ap­pun­to io. Non è la pri­ma vol­ta che si ci­men­ta con que­sto te­ma: in Les co­w­boys, per esem­pio, era un ra­gaz­zo al­la ri­cer­ca os­ses­si­va del­la so­rel­la scom­par­sa nel­la spi­ra­le ji­ha­di­sta. An­che do­po la Se­con­da guer­ra mon­dia­le so­no usci­ti mol­ti film sul na­zi­smo e la re­si­sten­za. Quel­la in Si­ria è la guer­ra dei no­stri gior­ni e ci so­no co­sì tan­te sto­rie da rac­con­ta­re, fa­mi­glie coin­vol­te, bat­ta­glie, che non si può pen­sa­re di esau­ri­re l’ar­go­men­to con un so­lo film. E pur­trop­po è un con­flit­to che con­ti­nua sot­to i no­stri oc­chi, non è af­fat­to fi­ni­to.

In Noc­tu­ra­ma di Ber­trand Bo­nel­lo si è ad­di­rit­tu­ra ca­la­to nei pan­ni di quel­lo che è sta­to de­fi­ni­to un «ter­ro­ri­sta-hip­ster». Sì, il mio per­so­nag­gio Da­vid fa par­te di una ban­da di gio­va­ni ri­vo­lu­zio­na­ri che de­ci­de di or­ga­niz­za­re di­ver­si at­tac­chi si­mul­ta­nei a Parigi. È sta­to scioc­can­te che la pel­li­co­la ar­ri­vas­se nel­le sa­le po­chi me­si do­po gli at­ten­ta­ti del 13 no­vem­bre nei ri­sto­ran­ti e al Ba­ta­clan.

Co­me la­vo­ra su sto­rie co­sì le­ga­te all’at­tua­li­tà? L’idea­le è ave­re del­le te­sti­mo­nian­ze di­ret­te: per il film che ho ap­pe­na fi­ni­to di gi­ra­re per esem­pio, do­ven­do in­ter­pre­ta­re un ra­gaz­zo che la­vo­ra in Tur­chia per un’as­so­cia­zio­ne uma­ni­ta­ria, mi so­no fat­to aiu­ta­re da un gio­va­ne si­ria­no, ri­fu­gia­to in Fran­cia. E sia­mo di­ven­ta­ti ami­ci. Non ha pau­ra di pren­de­re po­si­zio­ne su te­mi co­sì de­li­ca­ti? So che la si­tua­zio­ne è mol­to com­ples­sa e non vo­glio ge­ne­ra­liz­za­re scri­ven­do su Twit­ter che tut­ti i rus­si so­no dei ba­star­di per­ché

«Il cir­co me­dia­ti­co del­la po­li­ti­ca so­mi­glia a quel­lo del­la mo­da»

Vla­di­mir Putin bom­bar­da la Si­ria. Pe­rò do­po es­se­re sta­to in Me­dio Orien­te, aver in­con­tra­to tan­ti ri­fu­gia­ti, mi so­no re­so con­to che le co­se non so­no esat­ta­men­te co­me si ve­do­no in tv.

Il suo per­so­nag­gio in Le Pou­lain (ap­pe­na usci­to in Fran­cia), un 25en­ne di­sin­te­res­sa­to al­la po­li­ti­ca che fi­ni­sce a la­vo­ra­re nel­lo staff del can­di­da­to pre­si­den­te, non po­treb­be es­se­re più lon­ta­no

da lei. In real­tà se­guo po­co la sce­na po­li­ti­ca fran­ce­se, men­tre so­no mol­to at­ten­to a quel­lo che suc­ce­de all’este­ro. Il re­gi­sta, Ma­thieu Sa­pin, ha rea­liz­za­to per Li­bé­ra­tion la cro­na­ca a fu­met­ti del­la cam­pa­gna di Fra­nçois Hol­lan­de, quin­di mol­te del­le si­tua­zio­ni che si ve­do­no nel film so­no rea­li. Pen­so a quan­to fa­cil­men­te i par­la­men­ta­ri cam­bi­no ca­sac­ca, quan­to for­te sia il po­te­re dei so­cial me­dia nell’in­fluen­za­re le de­ci­sio­ni… Il cir­co me­dia­ti­co che gi­ra in­tor­no al­la po­li­ti­ca non è tan­to di­ver­so da quel­lo del­la mo­da (ri­de).

«Gli abi­ti so­no ma­sche­re: in­dos­sar­li ti per­met­te di en­tra­re in una par­te»

A pro­po­si­to di mo­da, l’ab­bia­mo vi­sta in pri­ma fi­la al­la sfi­la­ta di Fen­di al­la Milano fa­shion week. È un fa­shion ad­dic­ted? Mi di­ver­to ad an­da­re al­le sfi­la­te: è un po’ co­me os­ser­va­re il vol­to idea­le del­la gio­vi­nez­za. Mi pia­ce che gli abi­ti sia­no an­che del­le ma­sche­re, che in­dos­sar­li ti per­met­ta di en­tra­re in una par­te.

An­che su In­sta­gram (@ol­d­finn) re­ci­ta? Cer­co di tro­va­re il giu­sto equi­li­brio tra quel­lo che so­no dav­ve­ro e quel­lo che vo­glio mo­stra­re. For­se do­vrei pen­sa­re me­no e po­sta­re di più pe­rò non è il mio la­vo­ro. E poi mi pia­ce cir­con­dar­mi di un po’ di mi­ste­ro… Spe­cie per­ché aven­do già 30 tra cor­ti e lun­go­me­trag­gi in cur­ri­cu­lum non de­ve ave­re mol­to tem­po li­be­ro. Sì, ho ini­zia­to a re­ci­ta­re a die­ci an­ni, an­che se la mia car­rie­ra è de­col­la­ta dav­ve­ro so­lo set­te an­ni fa. Ho ca­pi­to dal pri­mo ruo­lo che era la mia stra­da.

E la mu­si­ca? So che è an­che dj… Sì, ho una tra­smis­sio­ne men­si­le su Lyl Ra­dio. Sta­re in con­so­le e met­te­re un po’ di reg­gae gia­mai­ca­no è un mo­do di al­lon­ta­nar­mi da tut­te le pre­oc­cu­pa­zio­ni. Do­ve si ve­de tra die­ci an­ni? Sul set o in uno stu­dio di re­gi­stra­zio­ne? Spe­ro di con­ti­nua­re a la­vo­ra­re, di cre­sce­re, ma­ga­ri di tra­sfe­rir­mi in In­ghil­ter­ra al­la ri­cer­ca del­le mie ra­di­ci. E chis­sà che non mi tro­vi a in­ter­pre­ta­re an­che la par­te del pa­dre…

Les co­w­boys, film in cui de­ve ri­tro­va­re la so­rel­la scom­par­sa nel­la spi­ra­le ji­ha­di­sta, gli è val­so una no­mi­na­tion co­me mi­glior in­ter­pre­te ma­schi­le ai pre­mi Cé­sar.

«Ho ca­pi­to dal pri­mo ruo­lo che era la mia stra­da», ma Ol­d­field af­fian­ca la re­ci­ta­zio­ne al­la pas­sio­ne per la mu­si­ca, co­me dj nei lo­ca­li e per una we­bra­dio in­di­pen­den­te. GROO­MING: BEP­PE D’ELIA PER BEAUTICK

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.