Vi­ta, amo­re e kon­bi­ni

Il ti­pi­co mi­ni­mar­ket co­me mi­cro­co­smo di una SO­CIE­TÀ CONFORMISTA E MA­SCHI­LI­STA è al cen­tro del ro­man­zo au­to­bio­gra­fi­co di una del­le più di­scus­se (e ri­le­van­ti) scrit­tri­ci del Giap­po­ne di og­gi.

Style - - SOMMARIO - di San­dro Or­lan­do

KEIKO HA 36 AN­NI eda quan­do ne ha 18 la­vo­ra co­me com­mes­sa in un «kon­bi­ni», ti­pi­co mi­ni­mar­ket giap­po­ne­se aper­to 24 ore su 24. Un la­vo­ret­to part-ti­me, pre­ca­rio e mal pa­ga­to, che la don­na non ha mai vo­lu­to cam­bia­re per­ché, a dif­fe­ren­za del­la vi­ta, è sem­pli­ce: ba­sta in­dos­sa­re una di­vi­sa e at­te­ner­si scru­po­lo­sa­men­te al­le re­go­le del ma­nua­le, sor­ri­de­re sem­pre ai clien­ti e sa­lu­tar­li con un in­chi­no («Iras­shai­ma­se!» è la fra­se di ben­ve­nu­to che i com­mes­si de­vo­no ri­pe­te­re), per es­se­re co­me gli al­tri e sen­tir­si co­sì «nor­ma­li». Esat­ta­men­te quel­lo che Keiko – che non si è spo­sa­ta, non ha avu­to re­la­zio­ni e nean­che fat­to una vol­ta ses­so – non si è mai sen­ti­ta. Ec­co per­ché, no­no­stan­te tut­to l’im­pe­gno per non far­si no­ta­re, la pro­ta­go­ni­sta de La ra­gaz­za del con­ve­nien­ce sto­re di Mu­ra­ta Sa­ya­ka si ve­de pun­tual­men­te con­fron­ta­ta con la do­man­da: «Per­ché sei an­co­ra sin­gle? E per­ché al­la tua età non ti cer­chi un la­vo­ro più se­rio»? Fi­no a quan­do un gior­no Keiko in­con­tra uno uo­mo an­co­ra più stram­bo di lei, un fal­li­to che vi­ve di espe­dien­ti, a cui pro­po­ne una con­vi­ven­za: Shi­ra­ha ver­rà a vi­ve­re nel suo pic­co­lo mo­no­lo­ca­le, si­ste­man­do­si nel­la va­sca da ba­gno. Un ac­cor­do di fac­cia­ta, per­ché fi­nal­men­te la so­rel­la e le ami­che la smet­ta­no di chie­der­le quand’è che met­te­rà su fa­mi­glia. È UN RI­TRAT­TO SPIE­TA­TO del­la so­cie­tà giap­po­ne­se, e del suo con­for­mi­smo e ma­schi­li­smo, quel­lo che la 39en­ne Sa­ya­ka (che ha la­vo­ra­to a lun­go in un mi­ni­mar­ket) trat­teg­gia in que­sto suo nuo­vo ro­man­zo, la ca­ri­ca­tu­ra di un si­ste­ma do­ve chi non si ade­gua al­le re­go­le vie­ne ir­ri­me­dia­bil­men­te estro­mes­so. Al­la ri­cer­ca di un suo po­sto nel mon­do, Keiko al­la fi­ne lo tro­ve­rà nell’uni­ver­so cir­co­scrit­to del kon­bi­ni, in cui so­lo sa far­si ap­prez­za­re: «Fi­nal­men­te ho ca­pi­to. Pri­ma an­co­ra di un es­se­re uma­no so­no una com­mes­sa del kom­bi­ni. Sa­rò an­che una per­so­na con­tor­ta, anor­ma­le, in­ca­pa­ce di vi­ve­re nel­la so­cie­tà e con­dan­na­ta a mo­ri­re in un an­go­lo del­la stra­da, ma non pos­so sot­trar­mi al mio de­sti­no. Il mio cor­po e la mia vi­ta ap­par­ten­go­no al mon­do del kom­bi­ni, ora e per sem­pre». Il trion­fo dell’alie­na­zio­ne di­ven­ta co­sì l’uni­ca pos­si­bi­li­tà di rea­liz­za­zio­ne nel­la vi­ta.

La ra­gaz­za del con­ve­nien­ce sto­re (e/o) è il pri­mo ro­man­zo tra­dot­to in ita­lia­no del­la 39en­ne Sa­ya­ka, star emergente del­la let­te­ra­tu­ra giap­po­ne­se.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.