1998:

Style - - VIAGGIO IN ITALIA -

l’esta­te dei miei 16 an­ni. La pri­ma va­can­za con gli ami­ci. La pri­ma vol­ta di un sac­co di co­se. Pen­so a quel ra­gaz­zi­no con una cer­ta te­ne­rez­za; lo ri­ve­do per­cor­re­re il vi­co­lo stret­to che por­ta al­la spiag­gia, al Ba­gno 5, il «ba­gno aran­cio». Si pas­seg­gia­va sul ba­gna­sciu­ga con il sol­lie­vo di chi ha da­van­ti a sé in­ter­mi­na­bi­li gior­ni (e not­ti) di li­ber­tà. E dun­que va­sche a non fi­ni­re, su e giù, avan­ti e in­die­tro, im­mer­si in una bol­gia di per­so­ne e om­brel­lo­ni. Pro­fu­mo di frit­to, an­nun­ci gri­da­ti dall’al­to­par­lan­te de­gli sta­bi­li­men­ti bal­nea­ri. Bel­la­ria: la ami o la odi, non ci so­no vie di mez­zo. Vent’an­ni do­po, sco­pro che nul­la o qua­si è cam­bia­to e che quel­lo che mi le­ga­va a que­sto luo­go è an­co­ra ac­ce­so e pro­fon­do. Bel­la­ria non ha un lun­go­ma­re, gli al­ber­ghi so­no sta­ti co­strui­ti a po­chi me­tri dal­la spiag­gia. È tut­to com­pres­so, tut­to vi­vo, in con­ti­nuo e in­stan­ca­bi­le mo­vi­men­to. C’è il por­to ca­na­le che di­vi­de Bel­la­ria da Igea Ma­ri­na in mo­do net­to, co­me il ta­glio di un cut­ter. E poi c’è Ca­ron­te, una pic­co­la piat­ta­for­ma gal­leg­gian­te e mo­to­riz­za­ta, che col­le­ga quei po­chi me­tri al co­sto di 50 cen­te­si­mi a per­so­na (già: non ci so­no più le li­re). Qui ho scat­ta­to i pri­mi rul­li­ni con la mia Ya­shi­ca Fx-3. Stra­no, e im­pen­sa­bi­le al­lo­ra, tro­var­si og­gi con un ip­ho­ne tra le ma­ni, a in­se­gui­re una nu­vo­la o un gab­bia­no.

Due po­ster e una vec­chia Pan­da: cam­mi­nan­do di­strat­ti, a Bel­la­ria ca­pi­ta di non riu­sci­re a di­stin­gue­re il pas­sa­to dal pre­sen­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.