L’ENER­GIA DEL FU­TU­RO

Superyacht (Italian) - - Tecnica - di An­drea Man­ci­ni

On­de, ma­ree, cor­ren­ti, le idee e le pro­po­ste per estrar­re ener­gia dal ma­re og­gi so­no tan­te e, a vol­te, an­che fan­ta­sio­se. Ma non è sta­to an­co­ra tro­va­to qua­le sia il si­ste­ma più ef­fi­cien­te, van­tag­gio­so, con il mi­nor im­pat­to am­bien­ta­le. Qua­le sia, in de­fi­ni­ti­va, il si­ste­ma mi­glio­re! “Il ma­re ap­piat­ti­to du­ran­te le raf­fi­che più for­ti, si sol­le­va­va poi som­mer­gen­do le due estre­mi­tà del Nan Shan e su que­sto bril­lan­te len­zuo­lo te­so, sot­to il ne­reg­gia­re del­le nu­bi ed ema­nan­te un chia­ro­re blua­stro... il ca­pi­ta­no Mac Wirr riu­scì a in­trav­ve­de­re il de­so­lan­te spet­ta­co­lo... la bu­fe­ra si era im­pa­dro­ni­ta del Nan Shan co­me una fu­ria paz­za e de­va­sta­tri­ce...” Pur sen­za ar­ri­va­re agli estre­mi de­scrit­ti splen­di­da­men­te da Jo­se­ph Con­rad nel “Ti­fo­ne”, tut­ti te­mia­mo il ma­re in tem­pe­sta e la sua “fu­ria paz­za e de­va­sta­tri­ce”! Una fu­ria che non è al­tro che una pic­co­la ma­ni­fe­sta­zio­ne del­la in­fi­ni­ta ener­gia con­te­nu­ta nel ma­re, ener­gia che si espri­me in for­ma di on­de e cor­ren­ti e che, com­bi­nan­do­si con quel­la del ven­to, può di­ven­ta­re an­co­ra più po­ten­te nel­le sue ma­ni­fe­sta­zio­ni estre­me, pro­prio co­me nel­la de­scri­zio­ne fat­ta da Con­rad nel “Ti­fo­ne”. Un’ener-

gia enor­me sia per l’in­ten­si­tà che può rag­giun­ge­re, che per la quan­ti­tà di “ma­te­ria pri­ma” di­spo­ni­bi­le se ri­cor­dia­mo che il ma­re ri­co­pre ol­tre il 70% del­la su­per­fi­cie del­la ter­ra. Un’ener­gia che se l’uo­mo riu­scis­se ad im­bri­glia­re, an­che in mi­ni­ma quan­ti­tà, ri­sol­ve­reb­be com­ple­ta­men­te il fab­bi­so­gno ener­ge­ti­co mon­dia­le. Ma! Esi­ste pur­trop­po un “ma” gran­de co­me una ca­sa, un pro­ble­ma enor­me quan­to il ma­re stes­so le­ga­to ai li­mi­ti pra­ti­ci per lo sfrut­ta­men­to di que­sta im­men­sa ener­gia. Li­mi­ti di or­di­ne tec­no­lo­gi­co, ov­via­men­te, ma an­cor pri­ma scien­ti­fi­co ed am­bien­ta­le. In­fat­ti l’ener­gia dal ma­re è dif­fi­ci­le da “ad­do­me­sti­ca­re”, per­ché spes­so si ma­ni­fe­sta in mo­do estre­ma­men­te vio­len­to, ed uti­liz­za­re per­ché è mag­gior­men­te con­cen­tra­ta in po­sti im­per­vi o lon­ta­no dal­la ter­ra fer­ma do­ve poi l’ener­gia de­ve es­se­re tra­spor­ta­ta per es­se­re uti­liz­za­ta. Inol­tre le co­no­scen­ze su co­me estrar­re ener­gia dal ma­re in mo­do più ef­fi­cien­te so­no an­co­ra mol­to li­mi­ta­te. Ma, co­me di­ce­va­mo, il po­ten­zia­le è enor­me. Non a ca­so in que­sti ul­ti­mi an­ni tut­ti i pae­si in­du­stria­liz­za­ti stan­no in­ve­sten­do mol­to nel­la ri­cer­ca di nuo­vi si­ste­mi e nuo­vi stan­dard di estra­zio­ne dell’ener­gia dal ma­re, e ciò sta ge­ne­ran­do un gran fer­men­to scien­ti­fi­co fi­na­liz­za­to a stu­dia­re e spe­ri­men­ta­re nuo­ve soluzioni più efficienti. Ed è pro­prio di que­sto che par­le­re­mo. A fian­co, Ana­con­da è un lun­go ser­pen­to­ne di gom­ma di cir­ca 200 me­tri e lar­go 7 che con il suo on­deg­gia­re nell’ac­qua pro­du­ce elet­tri­ci­tà. Si tro­va nel Re­gno Uni­to ed ha una po­ten­za teo­ri­ca pa­ri a 1 MW. So­pra, Per ge­ne­ra­re ener­gia Pe­la­mis sfrut­ta il mo­vi­men­to re­ci­pro­co dei va­ri pez­zi del lun­go ser­pen­to­ne di me­tal­lo cau­sa­to dal­le on­de. In Por­to­gal­lo esi­ste un im­pian­to co­sti­tui­to da tre ele­men­ti in gra­do di ge­ne­ra­re 2.25 MW.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.