Over­ma­ri­ne Group - Chi cer­ca il ri­spar­mio non vie­ne da noi

NON VIE­NE DA NOI

Superyacht (Italian) - - Contents - Intervista di Cor­ra­di­no Cor­bò a Mau­ri­zio Bal­duc­ci, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Over­ma­ri­ne

Il gran­de pub­bli­co co­no­sce il mar­chio Man­gu­sta so­prat­tut­to per i suoi ma­xi open che, con­si­de­ra­ti co­me au­ten­ti­che ico­ne del­la can­tie­ri­sti­ca ita­lia­na vo­ta­ta al­le pre­sta­zio­ni di ver­ti­ce, sfrec­cia­no da ol­tre trent’an­ni pra­ti­ca­men­te su qual­sia­si ma­re del mon­do. Ri­sa­le in­fat­ti al 1985 la fon­da­zio­ne del can­tie­re Over­ma­ri­ne che, pro­prie­ta­rio del brand, af­fon­da tut­ta­via le sue ra­di­ci mol­to più lon­ta­no nel tem­po. Per esem­pio all’epo­ca in cui, con il mar­chio Ef­fe­bi, in­co­min­cia­va a co­strui­re - co­me fa tut­to­ra - uni­tà da la­vo­ro, og­gi de­di­ca­te so­prat­tut­to al­le at­ti­vi­tà di coa­st guard e di pea­ce­kee­ping. Ol­tre a que­ste ul­ti­me e ai più no­ti su­pe­rya­cht ve­lo­ci, la gam­ma dell’azien­da via­reg­gi­na com­pren­de an­che la linea long-ran­ge Man­gu­sta Ocea­no e la linea fa­st-di­spla­ce­ment Man­gu­sta Gran­Sport. Si trat­ta dun­que di una real­tà com­ples­sa e ar­ti­co­la­ta che, tut­ta­via, tro­va il suo sto­ri­co fi­lo con­dut­to­re in due ge­ne­ra­zio­ni del­la stes­sa fa­mi­glia. Mau­ri­zio Bal­duc­ci, che ha ere­di­ta­to dal pa­dre la gui­da dell’azien­da di­ven­tan­do­ne l’at­tua­le am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to, ci ha gui­da­to nel­la vi­si­ta agli sta­bi­li­men­ti di Viareggio, ri­spon­den­do al­le nostre do­man­de.

So­no in mol­ti a van­ta­re la fa­mi­lia­ri­tà nel­la pro­prie­tà e nel­la ge­stio­ne del­le lo­ro azien­de ma, nel vo­stro ca­so, af­fer­ma­re che il ti­mo­ne è pas­sa­to “di pa­dre in fi­glio” non è af­fat­to un mo­do di di­re. Può rac­con­tar­ci qual­che par­ti­co­la­re me­no co­no­sciu­to di que­sta sto­ria? Mio pa­dre iniziò ne­gli an­ni ‘50 la­vo­ran­do nel can­tie­re Pic­chiot­ti, pri­ma co­me elet­tri­ci­sta poi co­me re­spon­sa­bi­le del di­par­ti­men­to elet­tri­co e quin­di sem­pre più in su, sca­lan­do l’or­ga­ni­gram­ma. Nel 1971, al fal­li­men­to del can­tie­re, fon­dò una dit­ta di im­pian­ti elet­tri­ci, sem­pre qui a Viareggio, che pian pia­no si spe­cia­liz­zò nel­la pro­du­zio­ne di qua­dri e cru­scot­ti pre-ca­bla­ti. An­co­ra a quel tem­po, la cit­tà era una ve­ra e pro­pria fu­ci­na di mae­stri d’ascia, quin­di di spe­cia­li­sti del le­gno, ma mio pa­dre si av­vi­de che nel mon­do – e per­si­no in Ita­lia, da al­cu­ne par­ti dell’adria­ti­co – l’av­ven­to del­la ve­tro­re­si­na sta­va per ri­vo­lu­zio­na­re la tec­ni­ca di co­stru­zio­ne. Per­ciò, con­tor­na­to da un cer­to scet­ti­ci­smo da par­te dei col­le­ghi, aprì una di­vi­sio­ne de­di­ca­ta ap­pun­to a que­sto nuo­vo ma­te­ria­le. Da quel­la im­por­tan­te espe­rien­za è na­ta, nel 1982, la Ef­fe­bi che ha in­co­min­cia­to a pro­dur­re sca­fi pra­ti­ca­men­te per tut­ti i can­tie­ri im­por­tan­ti di Viareggio e ad av­via­re una sua pro­du­zio­ne di uni­tà da la­vo­ro e mi­li­ta­ri. Tre an­ni do­po, nel 1985, è na­ta l’over­ma­ri­ne. Tut­ta­via, la Ef­fe­bi con­ti­nua tut­to­ra la sua at­ti­vi­tà. As­so­lu­ta­men­te sì, oc­cu­pan­do­si del­lo stam­pag­gio dei no­stri mo­del­li e con­ti­nuan­do a co­strui­re uni­tà per usi pro­fes­sio­na­li. Ricordo pe­ral­tro che agli ini­zi eravamo part­ner del­la fa­mo­sa Tec­no­ma­ri­ne, che pro­du­ce­va due mo­del­li di no­te­vo­le suc­ces­so: il C 42 e il Co­bra. No­no­stan­te ciò, quel can­tie­re sta­va at­tra­ver­san­do com­pli­ca­te vi­cis­si­tu­di­ni, con di­ver­si cam­bi di pro­prie­tà che, al­la fi­ne, por­ta­ro­no al bloc­co di tut­to il nu­cleo di for­ni­to­ri. Il suo di- stri­bu­to­re per la Fran­cia, con se­de a Can­nes, era il Grup­po Ro­dri­guez, che ci con­fi­dò il suo di­spia­ce­re di non po­ter di­spor­re di quei due mo­del­li, pur aven­do ot­ti­mi clien­ti ai quali ven­der­li. Era un’oc­ca­sio­ne da non fa­si sfug­gi­re, per­ciò, co­me Over­ma­ri­ne, co­gliem­mo l’op­por­tu­ni­tà e de­ci­dem­mo di co­strui­re le nostre pri­me im­bar­ca­zio­ni da 48 e da 65 pie­di. Si trat­ta­va di in­ven­ta­re un mar­chio e, non a ca­so, sce­gliem­mo il no­me Man­gu­sta, ispi­ran­do­ci all’uni­co ani­ma­le che può vin­ce­re il Co­bra. Da quel mo­men­to in poi, i vostri open so­no ra­pi­da­men­te cre­sciu­ti in quan­ti­tà e in di-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.