Lurs­sen - I gi­gan­ti del ma­re so­gna­no in pic­co­lo

Superyacht (Italian) - - Le Novità - di Ni­co Ca­po­ne­to

So­lo quan­do si en­tra nel ven­tre di un su­per ya­cht di 111 me­tri in co­stru­zio­ne, quan­do si at­tra­ver­sa­no con­fi­ni che sa­ran­no de­fi­ni­ti da pa­ra­tie, quan­do si per­cor­ro­no sa­le mac­chi­na gran­di co­me ap­par­ta­men­ti, quan­do si cam­mi­na co­steg­gian­do pa­re­ti aper­te per ri­ce­ve­re con­dut­to­ri, ca­vi, sen­so­ri, so­lo quan­do ci si av­vi­ci­na fi­si­ca­men­te al­la com­ples­si­tà di un uni­ver­so di que­sto ge­ne­re, si può for­se im­ma­gi­na­re che li­vel­lo di ca­pa­ci­tà­pro­get­tua­le ci sia al­le spal­le. E, an­co­ra pri­ma, qua­li vi­sio­ni ab­bia­no per­mes­so, at­tra­ver­so due se­co­li, di as­si­mi­la­re il mar­chio Lürssen al va­lo­re del­la qua­li­tà to­ta­le nel mon­do dei su­per ya­cht. Il no­stro viag­gio in una real­tà uni­ca nel mon­do del­la can­tier­si­ti­ca na­va­le - è del­la Lürssen il pro­get­to e la co­stru­zio­ne di

Az­zam, che con i suoi 180 me­tri è lo ya­cht più gran­de del mon­do – ini­zia da Bre­ma, se­de del grup­po na­to nel 1875 dal de­si­de­rio del gio­va­ne Frie­dri­ch Lürssen di in­zia­re a pro­dur­re bar­che in pro­prio. Dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re og­gi, im­mer­si nel­le di­men­sio­ni del can­tie­re e nel­le sue di­na­mi­che or­ga­niz­za­ti­ve, la fi­sio­no­mia di quel­la pri­ma real­tà pro­dut­ti­va. Quel­lo che sem­bra es­se­re im­mu­ta­to, è la fi­lo­so­fia cui si è ispi­ra­ta tut­ta l’at­ti­vi­tà del can­tie­re, sin­te­tiz­za­bi­le in un’os­ses­sio­ne, quel­la per l’ec­cel­len­za. Quan­do Frie­dri­ch Lürssen ini­ziò la sua at­ti­vi­tà, in­fat­ti, pro­du­ce­va bar­che a re­mi, ca­noe da re­ga­ta che in bre­ve tem­po fu­ro­no ri­cer­ca­te in tut­ta la Ger­ma­nia per la qua­li­tà co­strut­ti­va, le li­nee d’ac­qua, l’uni­ci­tà del pro­get­to che le im­po­se su tut­ti i cam­pi di re­ga­ta. A ri­pren­de­re più vol­te il con­cet­to di uni­ci­tà, è sta­to Al­ber­to Per­ro­ne Da Za­ra, ap­pro­da­to quat­tro an­ni fa al­la Lürssen do­ve og­gi ri­co­pre l’in­ca­ri­co di di­rec­tor ya­cht ser­vi­ce. È sta­to lui, in­sie­me al sales di­rec­tor, Mi­chael Bre­man, a gui­dar­ci nel­le di­ver­se tap­pe del viag­gio e a in­di­ca­re una no­vi­tà piut­to­sto ecla­tan­te nel­la po­li­ti­ca azien­da­le del can­tie­re: quel­la di orien­tar­si ver­so mi­su­re più pic­co­le. “Ab­bia­mo de­ci­so – ci di­ce men­tre camm­nia­mo fra i ca­pan­no­ni del­la se­de di Bre­ma – di apri­re il no­stro en­try le­vel a mi­su­re più pic­co­le. È sta­to un pro­ces­so du­ra­to an­ni, quel­lo che ci ha por­ta­to ad as­su­me­re que­sta de­ci­sio­ne, e l’ab­bia­mo pre­sa par­ten­do da un pun­to di for­za. Cre­do di non pec­ca­re di im­mo­de­stia nel di­re che ab­bia­no rag­giun­to ec­cel­len­ti li­vel­li qua­li­ta­ti­vi nel­la rea­liz­za­zio­ne su­per ya­cht, e il mer­ca­to è an­co­ra dal­la no­stra par­te. Ma og­gi è il mo­men­to di pre­pa­rar­si a pro­dur­re bar­che più pic­co­le con lo stes­so li­vel­lo di qua­li­tà per ri­spon­de­re ai tan­ti, tan­tis­si­mi ar­ma­to­ri che vo­glio­no uno ya­cht Lürssen di mi­su­re pe­rò più con­te­nu­te. Quan­to pic­co­le? Non ab­bia­mo fis­sa­to uno sca­li­no, ma se par­lia­mo di bar­che an­che di 55 me­tri noi sia­mo già ope­ra­ti­vi”.

La no­stra pri­ma tap­pa è nel si­to pro­dut­ti­vo di Rend­sburg, do­ve 370 per­so­ne la­vo­ra­no al­la rea­liz­za­zio­ne di bar­che fra i 60 e i 110 me­tri. È qui, sul­le spon­de del Kiel Ca­nal, che met­te in co­mu­ni­ca­zio­ne il Ma­re del Nord con il Mar Bal­ti­co, che en­tria­mo in con­tat­to con l’ul­ti­ma crea­tu­ra Lürssen, uno ya­cht di 110 me­tri che sta per toc­ca­re l’ac­qua: set­te ca­bi­ne, per 14 ospi­ti, che po­tran­no vi­ve­re im­mer­si in quel­lo che l’ar­ma­to­re ha so­gna­to e la Lürssen rea­liz­za­to. “In fa­se di pro­get­ta­zio­ne – ci di­ce an­co­ra Al­ber­to Per­ro­ne, noi sia­mo aper­ti a qual­sia­si li­vel­lo di per­so­na­liz­za­zio­ne. Set­te­cen­to in­ge­gne­ri so­no al la­vo­ro per tra­dur­re in uno ya­cht il so­gno di chi si ri­vol­ge a noi.tut­to è fat­ti­bi­le se è le­ga­le e se non è pe­ri­co­lo­so. Ma una vol­ta de­ci­so, una vol­ta che il tre­no si è mes­so in moto, la no­stra fles­si­bi­li­tà si ri­du­ce di mol­to e i “no” in­zia­no a di­ven­ta­re mol­ti. In que­sto sta uno de­gli ele­men­ti di uni­ci­tà del mon­do Lürssen. Noi dia­mo tut­to il tem­po ne­ces­sa­rio all’ar­ma­to­re, la de­di­zio­ne al clien­te è to­ta­le, ma non pos­sia­mo ac­cet­ta­re nul­la che ci por­ti a con­se­gna­re in ri­tar­do uno ya­cht per­ché que­sto ri­tar­do si ri­per­cuo­te­reb­be sul­le al­tre no­stre con­se­gne. Non è una que­stio­ne di sol­di ma di ri­spet­to de­gli im­pe­gni e ri­go­re pro­get­tua­le. Se un clien­te ci chie­de di met­te­re una pi­sci­na più gran­de sul pon­te su­pe­rio­re, non si può stu­pi­re se la no­stra ri­spo­sta ar­ri­va do­po una set­ti­ma­na. Pri­ma di met­te­re las­sù 17 me­tri cu­bi di ac­qua, i no­stri in­ge­gne­ri de­vo­no rifare i cal­co­li di sta­bi­li­tà. E a vol­te que­sta set­ti­ma­na non è di­spo­ni­bi­le”. Da Rend­su­burg a Bre­ma, se­de cen­tra­le del­la so­cie­tà e si­to de­di­ca­to al­la pro­du­zio­ne di ya­cht ol­tre i 100 me­tri, ci so­no un pa­io di ore di pul­mann. Una di­stan­za che si ri­du­ce a nul­la se si ap­prez­za la for­za dell’iden­ti­tà azien­da­le. Qui a Bre­ma ci so­no 700 in­ge­gne­ri che la­vo­ra­no per­ma­nen­te­men­te in un’ot­ti­ca di ri­cer­ca. “Non cre­do che ci sia­no mol­ti dub­bi – ci tac­con­ta an­co­ra Al­ber­to Per­ro­ne – sul fat­to che noi del­la Lürssen sia­mo dav­ve­ro mol­to di­ver­si dal re­sto del pa­no­ra­ma pro­dut­ti­vo. Non so­lo per il li­vel­lo di tec­no­lo­gia rag­giun­to in tut­ti gli step del­la pro­get­ta­zio­ne e co­stru­zio­ne, nel­la fi­lo­so­fia che ci spin­ge a rea­liz­za­re ogni idea con lo spi­ri­to dei pio­nie­ri ma an­che nel­le scel­te com­mer­cia­li. Sia­mo gli uni­ci a ven­de­re bar­che sen­za in­ter­ni. Lo ya­cht vie­ne co­strui­to con tut­ti gli spa­zi tec­ni­ci al­le­sti­ti, com­pre­sa la plan­cia. Poi gui­dia­mo il clien­te nel­la scel­ta di 3-4 for­ni­to­ri di estre­ma fi­du­cia, con i qua­li si scel­go­no gli in­ter­ni che ven­go­no co­strui­ti e al­le­sti­ti. L’ar­ma­to­re, quin­di, fa le sue scel­te sui di­se­gni, ne se­gue la rea­liz­za­zio­ne pas­so pas­so e poi, fi­nal­men­te, può os­ser­va­re l’am­bien­te com­ple­ta­men­te al­le­sti­to pres­so il for­ni­to­re. Una vol­ta che lo ha de­fi­ni­ti­va­men­te av­val­la­to, lo smon­tia­mo e lo ri­mon­ta­mo in bar­ca. Il prez­zo del­la bar­ca è quel­lo re­la­ti­vo al pro­dot­to che rea­liz­zia­mo noi, sen­za nes­su­na pos­si­bi­li­tà di er­ro­re. Noi non dia­mo prez­zi stan­dard su cui si som­ma il co­sto de­gli op­tio­nal. Non dia­mo ci­fre di ri­fe­ri­men­to. Dia­mo una quo­ta­zio­ne e quel­la re­sta. Co­sì co­me la da­ta di con­se­gna. Da que­sto pun­to di vi­sta sia­mo in­fles­si­bi­li.” Per ul­te­rio­ri in­for­ma­zio­ni: Fr. Lürssen Werft; Zum Al­ten Spei­cher 11, 28759 Bre­men-ve­ge­sack, Ger­ma­ny; tel. +49 (0)421 6604166; www.lurs­sen.com - ya­ch­ts@lurs­sen.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.