INCHIESTA MAR ROS­SO.

Le agen­zie ri­spon­do­no a un’in­da­gi­ne di TTG Ita­lia: è par­ti­to il ri­lan­cio del­la de­sti­na­zio­ne

TTG Italia - - Da Prima Pagina - Cristina Pe­ro­glio

Il ri­tor­no del Mar Ros­so, e dell’Egit­to tout court, di cui par­la­no fin da ini­zio an­no i tour ope­ra­tor, si­cu­ra­men­te c’è, ma for­se in mi­su­ra leg­ger­men­te in­fe­rio­re ri­spet­to al­le aspet­ta­ti­ve dei me­si scor­si. È que­sto il da­to che emer­ge dal­la gran­de inchiesta lan­cia­ta da TTG Ita­lia fra le agen­zie di viag­gi, che han­no ac­cet­ta­to di ri­spon­de­re a una se­rie di do­man­de per scat­ta­re una fo­to­gra­fia del­la ri­pre­sa del­la de­sti­na­zio­ne. Il sel­fie del­le agen­zie sul Mar Ros­so rac­con­ta, quin­di, di una per­cen­tua­le di in­cre­men­to che si in­se­ri­sce in una for­bi­ce del 5-10 per cen­to, un po’ lon­ta­na dai nu­me­ri del­le pre­vi­sio­ni di ini­zio 2018.Ve­ro è che la cre­sci­ta sem­bra es­se­re in­cre­men­ta­le e che il ban­co di pro­va a cui è at­te­sa la me­ta è quel­lo del­le va­can­ze di Pa­squa, che do­vreb­be­ro da­re una car­ti­na di tor­na­so­le più com­ple­ta dell’an­da­men­to del pro­dot­to. Ve­ro è an­che, pe­rò, che le agen­zie di­co­no di es­ser­si sen­ti­te un po’ ab­ban­do­na­te da­gli ope­ra­to­ri. Il 41,7 per cen­to dei det­ta­glian­ti so­stie­ne di es­se­re sog­get­to at­ti­vo del­la ri­par­ten­za dell’Egit­to, che sen­za la lo­ro at­ti­vi­tà pro­po­si­ti­va non sa­reb­be tor­na­to a nuo­va vi­ta. E la­men­ta­no una pro­gram­ma­zio­ne an­co­ra trop­po ava­ra, che man­tie­ne i prez­zi al di so­pra del li­vel­lo che con­sen­ti­reb­be di ven­de­re me­glio e di più. Ma i tour ope­ra­tor non ci stan­no e ri­ven­di­ca­no con for­za in­ve­sti­men­ti e im­pe­gno co­stan­te per man­te­ne­re e raf­for­za­re una de­sti­na­zio­ne che sem­bre­reb­be, que­st’an­no, ave­re fi­nal­men­te ri­pre­so la stra­da del­la cre­sci­ta. Par­la­no quin­di di vo­li sup­ple­men­ta­ri, di mi­lio­ni in­ve­sti­ti e di cam­pa­gne di mar­ke­ting e for­ma­zio­ne del­le agen­zie che non si so­no in­ter­rot­te nep­pu­re nei pe­rio­di più bui del pro­dot­to. Lu­ci­da­men­te, c’è poi chi in­qua­dra una via di mez­zo: se è ve­ro che i t.o. han­no in al­cu­ni ca­si pre­fe­ri­to di­rot­ta­re sfor­zi e at­ten­zio­ni su al­tre me­te, an­che da par­te del­la di­stri­bu­zio­ne non c’è sta­ta sem­pre sui clien­ti f ina­li un’in­for­ma­zio­ne del tut­to cor­ret­ta. Che per ri­lan­cia­re la de­sti­na­zio­ne de­ve, fon­da­men­tal­men­te, di­re una co­sa so­la: la si­cu­rez­za di Egit­to e Mar Ros­so è ga­ran­ti­ta co­me in qua­lun­que al­tra de­sti­na­zio­ne del mon­do, og­gi co­me og­gi. Un mes­sag­gio che, pa­re, mol­ti clien­ti ab­bia­no già ca­pi­to da so­li.

Il Pae­se tor­na ad ave­re il suo ap­peal sul clien­te, ma la di­stri­bu­zio­ne la­men­ta un pro­dot­to po­co ar­ti­co­la­to che li­mi­ta gli spa­zi di cre­sci­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.