Que­stio­ne di pri­va­cy Tra­vel al­la pro­va Gd­pr

Il 25 mag­gio en­tra in vi­go­re la Ge­ne­ral Da­ta Pro­tec­tion Re­gu­la­tion

TTG Italia - - Primo Piano - An­drea Guer­ra

Il no­me in co­di­ce, l’acro­ni­mo che lo con­trad­di­stin­gue, sta pro­gres­si­va­men­te di­ven­tan­do una con­sue­tu­di­ne nel vo­ca­bo­la­rio ita­lia­no e lo di­ven­te­rà sem­pre di più man ma­no che si av­vi­ci­ne­rà la sca­den­za del 25 mag­gio 2018.Quel ve­ner­dì il nuo­vo re­go­la­men­to eu­ro­peo sul­la pri­va­cy de­no­mi­na­to Gd­pr, si­gla che sta per Ge­ne­ral Da­ta Pro­tec­tion Re­gu­la­tion, di­ver­rà ap­pli­ca­bi­le sen­za ne­ces­si­tà di re­ce­pi­men­to o al­tri adem­pi­men­ti for­ma­li.

Il te­sto, in­fat­ti, è in vi­go­re da mag­gio 2016 ma non es­sen­do una di­ret­ti­va eu­ro­pea, ben­sì un re­go­la­men­to, non ne­ces­si­ta di leg­gi at­tua­ti­ve da par­te de­gli sta­ti mem­bri dell’Unio­ne.

Il ri­schio mul­te

Ciò che più di tut­to cam­bia con la nuo­va sca­den­za è l'av­vio del re­gi­me san­zio­na­to­rio del re­go­la­men­to nel Vec­chio Con­ti­nen­te: un ele­men­to che va a toc­ca­re an­che le agen­zie di viag­gi. In pra­ti­ca dal pros­si­mo 25 mag­gio chi non è in re­go­la con la nor­ma­ti­va ri­schia, an­che pe­nal­men­te.

Chi non ri­spet­ta la leg­ge, in­fat­ti, non ri­schia so­lo sot­to il pro­fi­lo am­mi­ni­stra­ti­vo.“Di­pen­de da­gli ar­ti­co­li vio­la­ti, ma sta di fat­to che il re­gi­me san­zio­na­to­rio è par­ti­co­lar­men­te in­ci­si­vo e re­strit­ti­vo. Si può in­cap­pa­re in una am­men­da am­mi­ni­stra­ti­va che va­ria dal 2 a 4 per cen­to del fat­tu­ra­to glo­ba­le dell'im­pre­sa.

Le so­cie­tà più gran­di e le pub­bli­che am­mi­ni­stra­zio­ni (ma qui il di­scor­so non toc­ca gli agen­ti) ri­schia­no fi­no a 20 mi­lio­ni di eu­ro di san­zio­ne”.A par­la­re è An­drea Ai­mo­ne, esper­to di It se­cu­ri­ty e con­su­len­te di Tra­vel Ad­vi­sor.“C'è poi il pro­fi­lo pe­na­le, che rap­pre­sen­ta una ve­ra no­vi­tà e im­pat­ta pe­san­te­men­te sul­le re­spon­sa­bi­li­tà de­gli agen­ti”.

I con­te­nu­ti del­la leg­ge

Ma co­sa pre­ve­de il Gd­pr? “In pra­ti­ca si par­la di pri­va­cy - rias­su­me Ai­mo­ne -. Il re­go­la­men­to mi­ra a uni­for­ma­re il modello or­ga­niz­za­ti­vo del­la pri­va­cy,dal pun­to di vi­sta del trat­ta­men­to e del­la pro­te­zio­ne da­ti con quel­lo del­la si­cu­rez­za”.

Il Gd­pr, di fat­to, mo­di­fi­ca la leg­ge ita­lia­na sul­la pri­va­cy, ap­pro­va­ta nel 1997 e vec­chia di 19 an­ni.“In ter­mi­ni con­cre­ti, il ti­to­la­re del trat­ta­men­to dei da­ti de­ve adot­ta­re com­por­ta­men­ti vir­tuo­si per di­fen­de­re i da­ti in­for­ma­ti­ci de­gli uten­ti e de­ve di­mo­stra­re di aver mes­so in at­to mi­su­re spe­ci­fi­che per la tu­te­la dei clien­ti”, ag­giun­ge Ai­mo­ne.

An­che gli agen­ti di viag­gi so­no ob­bli­ga­ti al­la te­nu­ta di ap­po­si­ti re­gi­stri che do­cu­men­ti­no le at­ti­vi­tà con­nes­se al trat­ta­men­to, in mo­do da ga­ran­tir­ne l'ac­ces­so su ap­po­si­ta ri­chie­sta de­gli in­te­res­sa­ti. So­no an­che ob­bli­ga­ti a se­gna­la­re, en­tro 72 ore dal­la co­no­scen­za dell'ac­ca­du­to, le vio­la­zio­ni sui da­ti all'au­to­ri­tà di con­trol­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.