Il di­ret­to­re Eyal Am­zal­lag trac­cia la nuo­va rot­ta

Il di­ret­to­re per la Pe­ni­so­la e Sud Eu­ro­pa Eyal Am­zal­lag trac­cia una nuo­va rot­ta di svi­lup­po per lo sto­ri­co brand nel Bel­pae­se

TTG Italia - - Da Prima Pagina - DI RE­MO VANGELISTA

“U n po­ten­zia­le in­cre­di­bi­le”. Sem­bra strano, qua­si as­sur­do sen­tir­lo di­re do­po lun­ghe sta­gio­ni di pre­sen­za in Ita­lia. Il Club Med pro­va a stu­pi­re con una di­chia­ra­zio­ne che ar­ri­va do­po una par­te di 2018 da ri­cor­da­re.

Eyal Am­zal­lag , di­ret­to­re per Ita­lia e Sud Eu­ro­pa, pa­re ave­re le idee chia­re e a più ri­pre­se spie­ga che il Med sa­rà as­so­lu­to pro­ta­go­ni­sta del mer­ca­to di fa­scia al­ta per sfrut­ta­re al me­glio quel ser­ba­to­io di ri­ca­vi an­co­ra in di­stri­bu­zio­ne. Un “te­so­ret­to” rin­cor­so da mol­ti at­to­ri, te­so­ret­to che sem­bra di­ven­ta­to l’uni­co ve­ro obiet­ti­vo di mer­ca­to. In que­sto Match Point con TTG Am­zal­lag sve­la le mi­re del Club e si ri­ve­la ben di­ver­so dal­le sue pri­me usci­te sul mer­ca­to di ca­sa no­stra.Ap­proc­cio me­no se­ve­ro e una di­spo­ni­bi­li­tà al dia­lo­go con le agen­zie che po­treb­be ri­ser­va­re sor­pre­se po­si­ti­ve. Di­ret­to­re, par­la di po­ten­zia­le in­cre­di­bi­le. Ma l’Ita­lia non è una sco­per­ta per voi. Cosa è cam­bia­to? For­se sia­mo cam­bia­ti noi.Si po­treb­be par­ti­re an­che da que­sto. Si apre in un sor­ri­so che vuo­le in un col­po so­lo can­cel­la­re qual­che bat­tu­ta a vuo­to del pas­sa­to. So­no i nu­me­ri dell’esta­te che vi han­no con­vin­to?

Di­rei che il 2018 può es­se­re ri­cor­da­to co­me il mi­glio­re eser­ci­zio de­gli ul­ti­mi 15 an­ni, con una cre­sci­ta dei ri­ca­vi del 10 per cen­to ri­spet­to all’an­no pre­ce­den­te. Que­sto vi por­te­rà a cam­bia­re at­teg­gia­men­to sul mer­ca­to ita­lia­no?

Ab­bia­mo re­gi­stra­to mag­gio­re di­spo­ni­bi­li­tà al­la spe­sa da par­te dei con­su­ma­to­ri e que­sto ci ha spro­na­to a in­ve­sti­re an­co­ra in Ita­lia. Ci at­ten­dia­mo un in­cre­men­to im­por­tan­te dei ri­ca­vi pro­ve­nien­ti dal­la fa­scia al­ta. Lo di­co­no tut­ti di­ret­to­re…

Ma noi sia­mo il Club Med. E in se­con­da bat­tu­ta stia­mo la­vo­ran­do in­sie­me al­la di­stri­bu­zio­ne per crea­re ve­re adv spe­cia­li­ste di que­sto tar­get. Bi­so­gna ave­re una pre­sen­za for­te sul ter­ri­to­rio per cer­ca­re nic­chie di mer­ca­to al­to spen­den­ti.

In­fat­ti il pia­no di svi­lup­po pre­ve­de una mag­gior pre­sen­za di ven­di­to­ri senza di­men­ti­ca­re che sia­mo un’in­du­stria. E co­me ta­le dob­bia­mo an­ti­ci­pa­re e age­vo­la­re i trend di mer­ca­to. Og­gi sia­mo gran­di at­to­ri,ma vo­glia­mo che il clien­te ci scel­ga perché sia­mo i mi­glio­ri. Lo fa­re­mo gra­zie al la­vo­ro del­le adv che sa­ran­no sem­pre più un pro­ta­go­ni­sta at­ti­vo nel bu­si­ness del Med. I vil­lag­gi in Ita­lia li vo­le­te in­se­ri­re nel por­ta­fo­glio Luxury?

Cer­to, ades­so si cam­bia e l’Ita­lia di­ven­ta una me­ta di fa­scia al­ta. Nei pros­si­mi an­ni l’investimento del re­sort al Li­do di Ve­ne­zia di­mo­stre­rà che non stia­mo scher­zan­do. A pro­po­si­to di no­vi­tà, il vil­lag­gio-mon­ta­gna a Pra­ge­la­to ver­rà am­plia­to?

Ci so­no trat­ta­ti­ve in cor­so con una se­rie di strut­tu­re in Ita­lia. Di­cia­mo che senza tan­ti stop and go sa­reb­be tut­to più fa­ci­le, ma l’at­ten­zio­ne è mol­to al­ta.Co­me la no­stra vo­glia di in­ve­sti­re. Quin­di Pra­ge­la­to sa­rà più am­pio e il nuo­vo vil­lag­gio di Ce­sa­na re­ste­rà fer­mo al pa­lo? Il pro­get­to di Ce­sa­na è in stand-by. E ci pia­ce­reb­be tan­to am­plia­re Pra­ge­la­to. Può ba­sta­re?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.