IL PA­LAZ­ZO È VUO­TO

Vanity Fair (Italy) - - Next - di RIC­CAR­DO IA­CO­NA

So­no pas­sa­ti più di due me­si dal­le ele­zio­ni e men­tre scri­vo il man­da­to elet­to­ra­le espres­so nel­le ur­ne da­gli ita­lia­ni non ha tro­va­to an­co­ra al­cu­na for­ma di go­ver­no po­li­ti­co e di le­gi­sla­tu­ra. Via via tra ve­ti e con­tro­ve­ti si so­no bru­cia­ti tut­ti gli ac­cor­di im­ma­gi­na­ti. Non so­no or­mai mol­te le car­te ri­ma­ste in ma­no a Mat­ta­rel­la: se Sal­vi­ni non do­ves­se ac­cet­ta­re l’ul­ti­ma pro­po­sta lan­cia­ta da Di Ma­io – un go­ver­no as­sie­me, sen­za Ber­lu­sco­ni, con un pre­si­den­te del con­si­glio «ter­zo» – si trat­te­rà so­lo di ca­pi­re quan­do si an­drà a vo­ta­re o quan­to do­vrà du­ra­re un even­tua­le go­ver­no del pre­si­den­te e per fa­re co­sa. Nel pri­mo ca­so, toc­che­rà a Gen­ti­lo­ni ge­sti­re la fi­nan­zia­ria e i rap­por­ti con l’Eu­ro­pa. Nel se­con­do, ci tro­ve­rem­mo di fron­te a una en­ne­si­ma rie­di­zio­ne del­le lar­ghe in­te­se, dei go­ver­ni «tec­ni­ci» o di «tre­gua» che non ci ab­ban­do­na­no dal no­vem­bre 2011 quan­do si in­se­diò il go­ver­no Mon­ti. Una ma­le­di­zio­ne di Tu­tan­kha­mon? No, nien­te di so­vran­na­tu­ra­le, so­lo il se­gno che il mo­to­re del­la po­li­ti­ca si è «in­grip­pa­to», il pi­sto­ne è fu­so. Si chia­mi leg­ge elet­to­ra­le, ag­gior­na­men­to del­la Co­sti­tu­zio­ne o ri­for­ma dei par­ti­ti e del­la rap­pre­sen­tan­za de­mo­cra­ti­ca, la più gra­ve re­spon­sa­bi­li­tà del­la po­li­ti­ca è sta­ta quel­la di aver bran­di­to qual­sia­si ri­for­ma co­me ar­ma per ab­bat­te­re il ne­mi­co, co­struen­do leg­gi elet­to­ra­li e ri­for­me ad ex­clu­den­dum piut­to­sto che pre­oc­cu­par­si di crea­re le con­di­zio­ni tec­ni­che per­ché il vo­to si pos­sa tra­sfor­ma­re in go­ver­no del Pae­se, co­me suc­ce­de tran­quil­la­men­te nel re­sto d’Eu­ro­pa. Il ri­sul­ta­to è sot­to i no­stri oc­chi, nes­su­no ha vin­to, il si­ste­ma è bloc­ca­to. Lo sa­pe­va­no i par­ti­ti che sa­reb­be an­da­ta a fi­ni­re co­sì con il Ro­sa­tel­lum, che nes­su­no avreb­be avu­to la mag­gio­ran­za per go­ver­na­re da so­lo. An­che per que­sto in cam­pa­gna elet­to­ra­le han­no pro­mes­so di tut­to e di più. Pa­ro­le vuo­te get­ta­te nell’are­na di una po­li­ti­ca che pur di non far vin­ce­re gli al­tri fa per­de­re il Pae­se. Co­me sfrut­tia­mo quel pic­co­lo, ri­si­ca­to mar­gi­ne di cre­sci­ta per im­ple­men­tar­lo? Do­ve tro­via­mo i sol­di che ser­vo­no per rie­qui­li­bra­re il di­va­rio tra ric­chi e po­ve­ri, tra oc­cu­pa­ti e di­soc­cu­pa­ti, per da­re for­za al wel­fa­re e re­di­stri­bui­re co­sì giu­sti­zia, di­rit­ti, ric­chez­za? Che co­sa an­dia­mo a di­re in Eu­ro­pa per com­bat­te­re le po­li­ti­che di au­ste­ri­ty sen­za di­strug­ge­re il più gran­de spa­zio di pa­ce e de­mo­cra­zia che esi­sta og­gi al mon­do? Co­me fac­cia­mo a te­ne­re a po­sto i con­ti ed evi­ta­re la clau­so­la dell’au­men­to dell’Iva, sen­za ri­nun­cia­re al­le po­li­ti­che di so­ste­gno al­la for­ma­zio­ne e al la­vo­ro? E in­fi­ne, co­me la met­tia­mo con il mez­zo mi­lio­ne di mi­gran­ti sen­za per­mes­so di sog­gior­no che vi­vo­no e la­vo­ra­no nel no­stro Pae­se? Do­man­de che ri­schia­no di non tro­va­re al­cu­na ri­spo­sta. Fi­no al­le pros­si­me ele­zio­ni. In­ter­vi­sta­to da Lu­cia An­nun­zia­ta, il lea­der del M5S ha par­la­to di ri­schio per la de­mo­cra­zia, nel ca­so di go­ver­ni tec­ni­ci «scon­nes­si con il Pae­se» che do­ves­se­ro te­ne­re fuo­ri dal gio­co il pri­mo par­ti­to. Il ri­schio sa­reb­be che «11 mi­lio­ni di ita­lia­ni si al­lon­ta­ni­no dal­la de­mo­cra­zia rap­pre­sen­ta­ti­va». Per an­da­re do­ve? Qua­le sa­reb­be l’al­ter­na­ti­va al­la «de­mo­cra­zia rap­pre­sen­ta­ti­va»? La sto­ria ita­lia­na ed eu­ro­pea ci rac­con­ta che l’uni­ca al­ter­na­ti­va è sta­ta il fa­sci­smo, la dit­ta­tu­ra, la guer­ra, men­tre la cro­na­ca po­li­ti­ca de­gli ul­ti­mi an­ni ci av­ver­te che il pen­sie­ro to­ta­li­ta­ri­sta, la scor­cia­to­ia dell’uo­mo so­lo al co­man­do, i na­zio­na­li­smi di stam­po neo­fa­sci­sta stan­no pren­den­do sem­pre più for­za sul­la sce­na po­li­ti­ca del vec­chio con­ti­nen­te. La de­mo­cra­zia è sot­to at­tac­co dap­per­tut­to. E que­sto per­ché non è sta­ta col­ti­va­ta e cu­ra­ta co­me me­ri­ta­va. La cri­si di si­ste­ma che ha col­pi­to il no­stro Pae­se è in­fat­ti fi­glia del­lo sfal­dar­si pro­gres­si­vo dei mec­ca­ni­smi di rap­pre­sen­tan­za de­mo­cra­ti­ca, con i par­ti­ti mes­si al ser­vi­zio del lea­der di tur­no, che si ac­cen­do­no so­lo quan­do si trat­ta di for­ma­re le li­ste elet­to­ra­li. Ma­lat­tia del­la de­mo­cra­zia che col­pi­sce in va­rio mo­do tut­ti. An­che il «mo­vi­men­to» il cui cuo­re de­mo­cra­ti­co pul­sa den­tro una piat­ta­for­ma ge­sti­ta da un’as­so­cia­zio­ne pri­va­ta, con tan­to di con­trat­to con i par­la­men­ta­ri elet­ti. Pren­der­si cu­ra del­la de­mo­cra­zia è l’uni­co mo­do per far tor­na­re a gi­ra­re be­ne il mo­to­re del­la po­li­ti­ca. E non c’è tem­po da per­de­re.

Il lea­der del M5S Lui­gi Di Ma­io, 31 an­ni. Il 6 mag­gio, ospi­te a Mez­zÕo­ra in pi• su Rai­tre, si è det­to di­spo­ni­bi­le a fa­re «un pas­so in­die­tro»: po­treb­be non es­se­re lui il pre­mier del nuo­vo go­ver­no. E si è ap­pel­la­to al lea­der del­la Le­ga Mat­teo Sal­vi­ni per for­ma­re un go­ver­no M5S-Le­ga a gui­da «ter­za e con­di­vi­sa». Il ve­to a un «go­ver­no del pre­si­den­te» o «tec­ni­co», in­ve­ce, re­sta. UN PAS­SO IN­DIE­TRO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.