LA TER­RA DEI SO­GNI IN­FRAN­TI

Vanity Fair (Italy) - - Next - di ELI­ZA­BE­TH STROUT

Il pa­dre di mio ma­ri­to ar­ri­vò ne­gli Sta­ti Uni­ti da im­mi­gra­to. Lo fe­ce a se­di­ci an­ni, e non pre­se mai il di­plo­ma su­pe­rio­re. Spo­sò la fi­glia di un im­mi­gra­to, e nep­pu­re lei pre­se il di­plo­ma su­pe­rio­re. I lo­ro quat­tro fi­gli avreb­be­ro tut­ti con­se­gui­to va­rie lau­ree spe­cia­li­sti­che, co­struen­do­si una so­li­da vi­ta da ce­to me­dio. Mio ma­ri­to è cre­sciu­to in un’epo­ca nel­la qua­le l’Ame­ri­ca sem­bra­va an­co­ra – e lo era – la ter­ra del­le op­por­tu­ni­tà. Im­pe­gnan­do­ti a fon­do nel la­vo­ro, po­te­vi in­nal­za­re il li­vel­lo so­cia­le del­la tua fa­mi­glia. Ciò che è cam­bia­to, dai tem­pi in cui ar­ri­vò la fa­mi­glia di mio ma­ri­to, è la sem­pli­ce e con­cre­ta real­tà di fat­to che i ric­chi di­ven­ta­no sem­pre più ric­chi, e i po­ve­ri sem­pre più po­ve­ri. Im­pe­gnar­si nel la­vo­ro, di que­sti tem­pi, non ga­ran­ti­sce il pas­sag­gio a una di­ver­sa clas­se so­cia­le. Può an­che vo­ler di­re guadagnare a ma­la­pe­na quan­to ba­sta per so­prav­vi­ve­re. Co­sta tut­to di più: au­to­mo­bi­li, as­si­cu­ra­zio­ni sa­ni­ta­rie, fri­go­ri­fe­ri, af­fit­ti, ca­se. Il prez­zo di que­ste co­se è sa­li­to più del te­no­re di vi­ta, tan­to che chi si tro­va in fon­do al­la ge­rar­chia so­cia­le, pur la­vo­ran­do du­ra­men­te, ri­schia di ri­ma­ne­re in fon­do. Un esem­pio con­cre­to: io vi­vo a New York, e la don­na del­le pu­li­zie di una mia ami­ca — la chia­me­rò Ana — vie­ne dal Mes­si­co. Non sap­pia­mo se sia o me­no un’im­mi­gra­ta re­go­la­re; la mia ami­ca non gliel’ha mai chie­sto. Ana ha un ma­ri­to e due fi­glie che fre­quen­ta­no le su­pe­rio­ri, en­tram­be con ottimi ri­sul­ta­ti. Di re­cen­te la mag­gio­re le ha det­to: «Vo­glio fa­re il me­di­co». La ma­dre le ha ri­spo­sto: «Ci riu­sci­rai». E può dar­si che ci rie­sca. In tan­te al­tre zo­ne del Pae­se, pe­rò, per la fi­glia e per Ana sa­reb­be tut­to mol­to più dif­fi­ci­le. Po­chi al­tri po­sti, al di fuo­ri di New York, of­fro­no l’asi­lo gra­tui­to per i bam­bi­ni, e in mol­ti — a se­con­da del­lo Sta­to — ad Ana ver­reb­be­ro chie­sti i do­cu­men­ti. Se la sua pre­sen­za nel no­stro Pae­se non fos­se re­go­la­re, non avreb­be di­rit­to ad al­cun ser­vi­zio. Po­treb­be­ro per­fi­no cer­ca­re di de­por­tar­la. In mol­te par­ti de­gli Sta­ti Uni­ti è vie­ta­to l’uso in clas­se di lin­gue di­ver­se dall’in­gle­se, e non esi­sto­no le sov­ven­zio­ni per asi­li e ba­by­sit­ter di cui Ana si è ser­vi­ta a New York quan­do le fi­glie era­no pic­co­le. In­di­pen­den­te­men­te dal­la re­go­la­ri­tà del­la sua po­si­zio­ne, inol­tre, Ana non po­treb­be ac­ce­de­re al Me­di­caid (il pro­gram­ma che aiu­ta al­cu­ne fa­sce di po­po­la­zio­ne a bas­so red­di­to a so­ste­ne­re i co­sti dell’as­si­sten­za sa­ni­ta­ria, ndt). È la pe­cu­lia­ri­tà di que­sti Sta­ti «Uni­ti»: non so­no poi co­sì uni­ti. Le que­stio­ni di clas­se, nel mo­men­to in cui un nu­me­ro sem­pre mag­gio­re di cit­ta­di­ni me­no ab­bien­ti fa­ti­ca ad ar­ri­va­re a fi­ne me­se, si fan­no più pres­san­ti. E se ne co­min­cia­no a ve­de­re i ri­fles­si po­li­ti­ci, lad­do­ve il de­na­ro con cui è og­gi pos­si­bi­le ali­men­ta­re le cam­pa­gne elet­to­ra­li sta tra­sfor­man­do nel pro­fon­do il mo­do di fa­re po­li­ti­ca in que­sto Pae­se. Ora che i mi­liar­da­ri, pro­gres­si­sti e con­ser­va­to­ri, so­no in gra­do di fi­nan­zia­re le cam­pa­gne in mo­do ano­ni­mo, per gli elet­to­ri ame­ri­ca­ni di­ven­ta spes­so im­pos­si­bi­le ri­ce­ve­re le in­for­ma­zio­ni di cui han­no bi­so­gno. Che di­sa­stro ab­bia­mo in­tor­no! A sud co­me a nord spun­ta­no le ban­die­re con­fe­de­ra­te (un ri­chia­mo agli sta­ti schia­vi­sti du­ran­te la Guer­ra di se­ces­sio­ne ame­ri­ca­na, ndt). La rab­bia ha pre­so il po­sto del dia­lo­go. E a do­mi­na­re la co­mu­ni­ca­zio­ne me­dia­ti­ca è il sen­so di su­pe­rio­ri­tà mo­ra­le di chi si pro­fes­sa de­ten­to­re del­la pro­pria ve­ri­tà. Il Pae­se ap­pa­re di­vi­so lun­go un con­fi­ne più net­ta­men­te po­li­ti­co, che va al di là del­le que­stio­ni di clas­se. Il no­stro è un Pae­se an­co­ra gio­va­ne, e mi ri­pe­to che ab­bia­mo già at­tra­ver­sa­to mo­men­ti dif­fi­ci­li, e che su­pe­re­re­mo an­che que­sto. Ciò che al mo­men­to più mi rat­tri­sta è con­sta­ta­re quan­te per­so­ne, nel­la clas­se la­vo­ra­tri­ce, ab­bia­no de­ci­so di vo­ta­re per un go­ver­no che, evi­den­te­men­te all’in­sa­pu­ta dei suoi stes­si elet­to­ri, re­ma con­tro i lo­ro in­te­res­si. Ma Ana no. Lei lo sa. E io spe­ro che sua fi­glia rie­sca a di­ven­ta­re me­di­co. (tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo)

STRET­TA SULLÕIMMIGRAZIONE Una don­na fer­ma­ta a McAl­len, in Te­xas, al­la fron­tie­ra con il Mes­si­co. Jeff Ses­sions, pro­cu­ra­to­re ge­ne­ra­le de­gli Sta­ti Uni­ti, ha co­mu­ni­ca­to che tut­ti gli im­mi­gra­ti ir­re­go­la­ri ver­ran­no per­se­gui­ti pe­nal­men­te an­che se in com­pa­gnia...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.