SGUAR­DO GIU­STO

Quel­lo del tea­tro, che tut­ti per istin­to han­no da pic­co­li, ma che so­lo qual­cu­no rie­sce a col­ti­va­re an­che da gran­de, per rac­con­ta­re il mon­do. È quel­lo che suc­ce­de all’at­to­re, e al suo ul­ti­mo per­so­nag­gio, Pip­po Fa­va, uno dei tan­ti mor­ti di­men­ti­ca­ti di ma­fia

Vanity Fair (Italy) - - Vanity in Scena - di SIL­VIA NUCINI fo­to FI­LIP­PO VINICIO MILANI

Du­ran­te que­sta in­ter­vi­sta Fa­bri­zio Gi­fu­ni sie­de­rà su una pol­tron­ci­na coun­try pa­le­se­men­te trop­po bas­sa, e sco­mo­da. Si muo­ve­rà spes­so cer­can­do un po­sto do­ve met­te­re le gam­be e le brac­cia. A una mia do­man­da in me­ri­to all’evi­den­te di­sa­gio ri­spon­de­rà che no, che è «mol­to co­mo­do», con­fer­man­do for­se una an­ti­ca teo­ria se­con­do la qua­le del­le in­ter­vi­ste de­gli at­to­ri bi­so­gna fi­dar­si po­chis­si­mo, o più pro­ba­bil­men­te di­mo­stran­do un’edu­ca­zio­ne d’al­tri tem­pi. Il 23 mag­gio an­drà in on­da su Ra­iu­no Pri­ma che la not­te, il film di Da­nie­le Vi­ca­ri su Pip­po Fa­va, gior­na­li­sta, scrit­to­re e dram­ma­tur­go uc­ci­so a 58 an­ni – nel 1984 – da un si­ca­rio per con­to del boss Nit­to San­ta­pao­la; uno dei tan­ti mor­ti di ma­fia di cui si sa po­co o nien­te. Nel film – al­la cui sce­neg­gia­tu­ra ha col­la­bo­ra­to il fi­glio di Pip­po, Clau­dio – Gi­fu­ni in­ter­pre­ta Fa­va, «un uo­mo mai abi­ta­to dal­la cu­pez­za, dal­la re­to­ri­ca, dall’eroi­smo. Clau­dio lo ac­cu­sa­va spes­so di es­se­re un ra­gaz­zi­no, lui gli ri­spon­de­va che era lui a es­se­re trop­po vec­chio». Il suo omi­ci­dio fu la con­se­guen­za di una se­rie di in­chie­ste sul­la ma­fia che Fa­va fir­mò co­me di­ret­to­re del Gior­na­le del Sud pri­ma e de I Si­ci­lia­ni poi. «E in­fat­ti il te­ma di que­sto film non è cer­to la ma­fia, ma la li­ber­tà di stam­pa, uno dei ter­mo­me­tri per mi­su­ra­re la sa­lu­te del­le de­mo­cra­zie», di­ce Gi­fu­ni. In Fa­va l’at­to­re ha tro­va­to qual­co­sa che sen­te suo, «un cer­to mo­do di guar­da­re il mon­do e rac­con­tar­lo per quel­lo che è, ma an­che tra­sfi­gu­ran­do­lo su un pia­no sim­bo­li­co. Lo sguar­do del tea­tro: Fa­va l’ave­va e per que­sto riu­sci­va a scri­ve­re di ma­fia sen­za mai per­de­re il pia­ce­re as­so­lu­to del rac­con­to». Ci si na­sce con que­sto sguar­do, o lo si tro­va al­le­nan­do­si? «Tut­te e due le co­se. Da pic­co­li ognu­no di noi è do­ta­to di un istin­to as­so­lu­to nel ri­pro­dur­re la real­tà, fi­no a quan­do la so­cie­tà, la scuo­la e la fa­mi­glia non ci strin­go­no ad­dos­so le lo­ro te­na­glie. I bam­bi­ni so­no mae­stri in­su­pe­ra­bi­li per chi fa il mio me­stie­re». Quin­di l’at­to­re è un bam­bi­no che ha re­si­sti­to più di al­tri al­le con­ven­zio­ni so­cia­li? «Op­pu­re una per­so­na che cer­ca di­spe­ra­ta­men­te di riap­pro­priar­si dell’età dell’oro». Co­me si co­strui­sce un per­so­nag­gio real­men­te esi­sti­to? Quan­ta li­ber­tà e fe­del­tà ci vo­glio­no? «Per in­ter­pre­ta­re Pip­po ho par­la­to con suo fi­glio e con Mi­ki Gam­bi­no, an­che lui sce­neg­gia­to­re e uno dei ra­gaz­zi, i ca­ru­si, che Fa­va te­ne­va a bot­te­ga nei suoi gior­na­li. Ma so­prat­tut­to ho let­to i suoi scrit­ti, nei qua­li si sen­te ni­ti­da­men­te la sua vo­ce. Ho fat­to un’im­mer­sio­ne in lui e poi me ne so­no al­lon­ta­na­to, met­ten­do la di­stan­za ne­ces­sa­ria per quel sal­to mor­ta­le e fol­le che ogni at­to­re è chia­ma­to a fa­re: ri­por­ta­re in vi­ta qual­cu­no at­tra­ver­so il gio­co. Tro­vo as­sur­do e pre­sun­tuo­so af­fron­ta­re un per­so­nag­gio real­men­te esi­sti­to fre­gan­do­se­ne di chi era, ma al­lo stes­so tem­po non si può ri­ma­ne­re schiac­cia­ti dal­le in­di­ca­zio­ni». Che co­sa le pia­ce di Fa­va? «La sua fi­gu­ra re­sti­tui­sce di­gni­tà e com­ple­tez­za a un ter­mi­ne che, nell’uso cor­ren­te, è di­ven­ta­to un in­sul­to: in­tel­let­tua­le. Leg­go in­ter­vi­ste di mol­ti col­le­ghi che ten­go­no a sot­to­li­nea­re di non es­ser­lo. Ma non è ve­ro: leg­gi dei te­sti, sei an­che un in­tel­let­tua­le». Lei in­ve­ce ri­ven­di­ca que­sto ruo­lo? «Sen­za ver­go­gna. Un at­to­re la­vo­ra con la pro­pria sen­si­bi­li­tà e an­che con l’in­tel­let­to. Dob­bia­mo sa­per di­fen­de­re cer­te pa­ro­le con­tro l’on­da sem­pli­fi­ca­tri­ce per cui lo stu­dio di­ven­ta una co­sa so­spet­ta, tut­to di­ven­ta casta e ra­di­cal chic. È un’epo­ca di transizione dif­fi­ci­le, una spe­cie di Me­dioe­vo». Fa­va era un in­tel­let­tua­le ge­ne­ro­so: ha for­ma­to mol­ti ra­gaz­zi al gior­na­li­smo. Que­sta ge­ne­ro­si­tà le ap­par­tie­ne? «In­ve­sti­re è im­por­tan­te in tut­te le pro­fes­sio­ni: pen­so al tea­tro do­ve Stre­hler, Ca­stri e Ron­co­ni non han­no la­scia­to ve­ri ere­di per­ché era­no pie­ni dal­le lo­ro crea­zio­ni. Su que­sto set ho in­con­tra­to al­cu­ni gio­va­ni at­to­ri che era­no sta­ti miei al­lie­vi al­la scuo­la Vo­lon­té: non c’è nien­te di più bel­lo di scam­bia­re». Il con­si­glio più im­por­tan­te che dà a chi co­min­cia il suo me­stie­re? «Un’in­di­ca­zio­ne non tec­ni­ca: di­fen­de­re stre­nua­men­te la bel­lez­za. Al­le­nar­si a far­lo co­me guer­rie­ri, per­ché la no­stra so­cie­tà mi­na quo­ti­dia­na­men­te quel­lo in cui un ar­ti­sta cre­de. Lo fa por­tan­do tut­to nel­la di­re­zio­ne del con­su­mo: quan­to vuoi? Quan­to co­sti? Una cor­ru­zio­ne in­ter­na che vie­ne in­tro­dot­ta a do­si più o me­no omeo­pa­ti­che. Il se­con­do con­si­glio è: re­si­ste­re nel tem­po. Que­sto è un me­stie­re per ma­ra­to­ne­ti, non per cen­to­me­tri­sti. An­da­re avan­ti con lo sguar­do al­to sen­za la­sciar­si di­strar­re da ciò che ac­ca­de in­tor­no, com­pre­se le in­giu­sti­zie. Ti gi­ri, ve­di uno che ha una par­te e ti di­ci: ma co­me è pos­si­bi­le? In­ve­ce: non bi­so­gna per­de­re tem­po, per­ché se no que­ste co­se di­ven­ta­no ve­lo­ce­men­te de­gli ali­bi per non fa­re. Per di­re: tan­to ci so­no i rac­co­man­da­ti, tan­to non mi pren­de­ran­no mai». In­som­ma se re­si­sti pri­ma o poi la vi­ta ti pre­mia? «Od­dio “ti pre­mia” mi pa­re un’af­fer­ma­zio­ne az­zar­da­ta. Di­cia­mo che se hai gran­de re­si­sten­za c’è ca­so che la vi­ta ti pre­mi. Se ti la­sci di­strar­re per­di ener­gie, e in­ve­ce bi­so­gna sve­gliar­si e chie­der­si ogni gior­no: per­ché fac­cio que­sto la­vo­ro?». Si ri­spon­da. «Quan­do, a 15 an­ni, so­no sa­li­to sul pal­co­sce­ni­co del la­bo­ra­to­rio tea­tra­le del­la mia scuo­la, per in­ter­pre­ta­re Mer­cu­zio in Giu­liet­ta e Ro­meo, ho sen­ti­to una sen­sa­zio­ne che as­so­mi­glia­va al­la fe­li­ci­tà in mo­do più ni­ti­do di quan­to mi fos­se mai suc­ces­so fi­no ad al­lo­ra. Istin­ti­va­men­te que­sta co­sa me la so­no

«IN­TEL­LET­TUA­LE È DI­VEN­TA­TO UN IN­SUL­TO: FA­VA GLI RE­STI­TUI­SCE DIGNITË»

te­nu­ta per me: non ne ho par­la­to né a ca­sa né con gli ami­ci. L’ho det­to so­lo do­po che ho pas­sa­to l’esa­me di am­mis­sio­ne in Ac­ca­de­mia. Nel frat­tem­po ho de­pi­sta­to tut­ti con­ti­nuan­do a da­re gli esa­mi di Giu­ri­spru­den­za. Ec­co, pen­so di fa­re que­sto la­vo­ro per quel­la sen­sa­zio­ne lì». Che pro­va an­co­ra? «Sì, ogni vol­ta che mi ab­ban­do­no sul­la sce­na. Pri­ma e do­po ci so­no le an­sie di uno che vuo­le sem­pre al­za­re l’asti­cel­la, e com­pli­car­si la vi­ta, co­me fac­cio io. Ma in mez­zo c’è quel­la fe­li­ci­tà». La pro­va più a tea­tro o al ci­ne­ma? «I tea­tri so­no uno dei po­chi luo­ghi in cui si può con­di­vi­de­re un’espe­rien­za di co­no­scen­za che pas­sa at­tra­ver­so dei cor­pi vi­vi: in un’epo­ca in cui i cor­pi sem­bra­no es­ser­si sma­te­ria­liz­za­ti nel­la re­te, quan­do a tea­tro suc­ce­de qual­co­sa, lo sen­ti dav­ve­ro. L’in­con­tro dei cor­pi de­gli spet­ta­to­ri con i cor­pi di sce­na crea un cam­po ma­gne­ti­co che fa oscil­la­re lo spet­ta­co­lo e lo ren­de uni­co e ir­ri­pe­ti­bi­le: il con­cet­to di re­pli­ca non esi­ste. Ma an­che nel ci­ne­ma può suc­ce­de­re, per­ché il tuo pub­bli­co è il set: un fo­ni­co di pre­sa di­ret­ta che ti ascol­ta par­la­re, un mac­chi­ni­sta che im­prov­vi­sa­men­te si fer­ma e di­ce: ahò am­maz­za che bel­lo». Lei è spo­sa­to con So­nia Ber­ga­ma­sco: com’è la com­bi­na­zio­ne do­me­sti­ca di due ar­ti­sti? «Com­pli­ca­ta da un pun­to di vi­sta or­ga­niz­za­ti­vo, so­prat­tut­to per­ché ab­bia­mo de­ci­so per le no­stre fi­glie (Va­le­ria, 14 an­ni, e Ma­ria, 12 an­ni, ndr) che se uno non c’è, l’al­tro de­ve sta­re a ca­sa. Or­ga­niz­za­zio­ne a par­te, sui fon­da­men­ta­li ci si ca­pi­sce be­ne: non de­vi rac­con­ta­re tut­ta una se­rie di co­se che l’al­tro sa già per­ché ca­pi­ta­no an­che a lui. Per esem­pio se pen­so os­ses­si­va­men­te al me­mo­ria­le di Al­do Mo­ro, co­me in que­sti gior­ni, nes­su­no si adon­ta per­ché si sen­te tra­scu­ra­to». Re­cen­te­men­te sua mo­glie ha det­to che vi sie­te «in­gar­bu­glia­ti da so­li». «La vi­ta si in­ca­si­na quo­ti­dia­na­men­te a pre­scin­de­re da che la­vo­ro fai». Due at­to­ri cor­ro­no il ri­schio di scon­tra­re i lo­ro ego. «A noi non è suc­ces­so. Non ab­bia­mo una na­tu­ra com­pe­ti­ti­va: non cre­do sia un me­ri­to, sem­pli­ce­men­te è co­sì. E poi va det­to che i no­stri per­cor­si ar­ti­sti­ci so­no sta­ti sem­pre piut­to­sto bi­lan­cia­ti. Pro­ba­bil­men­te se uno dei due aves­se suc­ces­so e l’al­tro non la­vo­ras­se per die­ci an­ni, non sa­reb­be co­sì fa­ci­le». Le vo­stre fi­glie han­no vel­lei­tà ar­ti­sti­che? «La pic­co­la sì e le ma­ni­fe­sta con una di­scre­ta osti­na­zio­ne». Si sen­te di so­ste­ner­la in que­sta scel­ta? «Che al­tro si può fa­re? La co­sa più bel­la che si pos­sa au­gu­ra­re a una per­so­na è di tro­va­re una pas­sio­ne. Se ca­pi­ta a un fi­glio non puoi che es­ser­ne fe­li­ce. Quan­do in­con­tro qual­cu­no che – mi ac­cor­go – quel­la pas­sio­ne non l’ha tro­va­ta, sof­fro. Sto pro­prio ma­le em­pa­ti­ca­men­te. È il se­con­do mo­ti­vo per cui fac­cio que­sto la­vo­ro: per­ché em­pa­tiz­zo, nel be­ne e nel ma­le. In­con­tro le per­so­ne e mi sin­to­niz­zo con lo­ro, su una fre­quen­za mi­ste­rio­sa». Un fe­no­me­no in­te­res­san­te. «Ma an­che una vi­ta stan­can­te. Quan­do mi suc­ce­de ora qual­che vol­ta di­co: an­che me­no».

Gi­fu­ni con So­nia Ber­ga­ma­sco, 52 an­ni, al­la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia nel 2016: spo­sa­ti dal 2000, han­no due fi­glie e han­no la­vo­ra­to in­sie­me nel­la Me­glio gio­vent•. RED CAR­PET PER DUE

SU­PER IM­PE­GNA­TO Fa­bri­zio Gi­fu­ni, 51 an­ni, è il gior­na­li­sta Pip­po Fa­va nel film tv Pri­ma che la not­te, su Ra­iu­no il 23 mag­gio in pri­ma se­ra­ta. L’at­to­re il 30 mag­gio ri­ce­ve­rà la lau­rea ho­no­ris cau­sa in Let­te­ra­tu­ra ita­lia­na, Fi­lo­lo­gia mo­der­na e...

MON­DI PO­LI­TI­CI Uno dei pri­mi ruo­li da pro­ta­go­ni­sta per Fa­bri­zio Gi­fu­ni è nel Par­ti­gia­no John­ny (1, in­ter­pre­ta Et­to­re, ami­co di Ste­fa­no Dio­ni­si-John­ny), di­ret­to nel 2000 da Gui­do Chie­sa, dal ro­man­zo di Fe­no­glio. La gran­de po­po­la­ri­tà ar­ri­va con La me­glio...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.