Tu che film sei?

Tor­na MACCIO CAPATONDA con un pro­gram­ma che viag­gia tra i ge­ne­ri ci­ne­ma­to­gra­fi­ci. Per rac­con­ta­re le pau­re dei qua­ran­ten­ni cre­sciu­ti da­van­ti al­la tv

Vanity Fair (Italy) - - Show - di LORENZA SEBASTIANI

U na se­rie che rac­con­ta i cli­ché del­la pri­ma ge­ne­ra­zio­ne cre­sciu­ta da­van­ti al­la te­le­vi­sio­ne, i qua­ran­ten­ni. Il ri­tor­no in tv di Maccio Capatonda (al se­co­lo Mar­cel­lo Mac­chia) pas­sa da The Ge­ne­ri (dal 7 giu­gno ot­to epi­so­di su Now tv e Sky on de­mand), un sur­rea­le viag­gio tra va­ri ge­ne­ri ci­ne­ma­to­gra­fi­ci con cui è cre­sciu­to, dal­la com­me­dia se­xy an­ni ’70 al noir, all’hor­ror. Pro­ta­go­ni­sta è Gian­fe­li­ce Spa­gna­gat­ti, 40 an­ni. «Una per­so­na pi­gra, per­so­nag­gio in par­te an­che au­to­bio­gra­fi­co», rac­con­ta l’at­to­re abruz­ze­se, 39 an­ni, «che vi­ve im­mo­bi­le nel­la pro­pria com­fort zo­ne chia­ma­ta di­va­no. Og­gi mol­ti di noi so­no di­vo­ra­to­ri di film e se­rie tv, me com­pre­so. Cer­chia­mo nel vi­deo le emo­zio­ni che non riu­scia­mo più a pro­va­re nel­la vi­ta rea­le. Al­lo­ra mi so­no chie­sto: co­sa pro­ve­re­sti se fos­si pro­ta­go­ni­sta di quel­le sto­rie che hai sem­pre e so­lo guar­da­to?». The Ge­ne­ri, nel so­li­to sti­le sur­rea­le e dis­sa­cran­te di Capatonda, rac­con­ta, con il lin­guag­gio dei ge­ne­ri, le pau­re del qua­ran­ten­ne di og­gi. «La com­me­dia se­xy e il ti­mo­re del con­fron­to con le don­ne, il we­stern e la ne­ces­si­tà di tro­va­re co­rag­gio nel­le dif­fi­col­tà, i film sui su­pe­re­roi e la ca­pa­ci­tà e l’uti­li­tà del chie­de­re aiu­to agli al­tri e fa­re squa­dra». Ma è an­che un viag­gio tra i gu­sti ci­ne­ma­to­gra­fi­ci e il mon­do di Capatonda stes­so: «L’epi­so­dio hor­ror è ispi­ra­to a La ca­sa, Ve­ner­dì 13 e Night­ma­re, cult che ho vi­sto e ri­vi­sto. Ogni epi­so­dio rac­con­ta una fa­se di vi­ta del pro­ta­go­ni­sta e una sua pau­ra. La mia più gran­de, per esem­pio, è quel­la dei li­ve. Ho sem­pre fat­to vi­deo, e la­vo­ra­re die­tro una vi­deo­ca­me­ra è uno scher­mo nei con­fron­ti del mon­do. Me li han­no pro­po­sti spes­so, ma mi so­no sem­pre in­ven­ta­to di ave­re da fa­re».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.