gen­ti­li con chi sce­glie la mor­te

le vi­te de­gli al­tri

Vanity Fair (Italy) - - Next - di da­ria bi­gnar­di

Que­sta ru­bri­ca s’in­ti­to­la Le vi­te de­gli al­tri per­ciò la scel­ta di chi si to­glie la vi­ta la ri­guar­da, an­che se ra­ra­men­te è una scel­ta ra­zio­na­le: qua­si sem­pre – a me­no che non coin­vol­ga per­so­ne mol­to an­zia­ne o mol­to ma­la­te – è la de­pres­sio­ne a gui­dar­la. Ma la ri­guar­da per­ché ci ri­cor­da quan­to po­co sap­pia­mo dav­ve­ro del­le vi­te de­gli al­tri, an­che di quel­le che da fuo­ri ci ap­pa­io­no for­tu­na­te e fe­li­ci. Ne­gli ul­ti­mi gior­ni tre ina­spet­ta­te mor­ti vo­lon­ta­rie han­no fat­to ri­cor­da­re una fra­se mol­to bel­la che di­ce: «Ogni per­so­na che in­con­tri sta com­bat­ten­do una bat­ta­glia di cui non sai nien­te. Sii gen­ti­le. Sem­pre». È pro­prio co­sì. Se ne so­no an­da­ti una gior­na­li­sta e scrit­tri­ce ita­lia­na che pa­re­va l’im­ma­gi­ne del­la so­la­ri­tà, una bril­lan­te sti­li­sta ame­ri­ca­na, uno chef fa­mo­so in tut­to il mon­do. Sul te­ma del sui­ci­dio i me­dia do­vreb­be­ro se­gui­re re­go­le pre­ci­se: non ri­ve­la­re det­ta­gli sul mo­do in cui si è svol­to e non cer­ca­re o rac­con­ta­re le mo­ti­va­zio­ni. Que­sto per evi­ta­re l’ef­fet­to Wer­ther, il ten­ta­ti­vo di iden­ti­fi­ca­zio­ne ed emu­la­zio­ne da par­te di per­so­ne a ri­schio. Il ro­man­zo epi­sto­la­re I do­lo­ri del gio­va­ne Wer­ther di Goe­the al­la fi­ne del Set­te­cen­to e ne­gli an­ni suc­ces­si­vi pro­vo­cò un’on­da­ta di sui­ci­di tra i let­to­ri che si iden­ti­fi­ca­va­no nel­le sof­fe­ren­ze amo­ro­se del gio­va­ne pro­ta­go­ni­sta, co­sì co­me ac­cad­de per la mor­te di Ma­ri­lyn Mon­roe e per al­tri sui­ci­di ce­le­bri. La co­sa giu­sta da fa­re è ri­cor­da­re la vi­ta di chi non c’è più, non la sua mor­te. Ales­san­dra Ap­pia­no col­pi­va per il suo sti­le ele­gan­te e fuo­ri dal tem­po an­che se scri­ve­va sto­rie che nel no­stro tem­po era­no im­mer­se. Era sor­ri­den­te, gen­ti­le, ge­ne­ro­sa e bel­la. Ave­va scrit­to li­bri acu­ti e spi­ri­to­si, col­la­bo­ra­va a gior­na­li, il­lu­mi­na­va tra­smis­sio­ni te­le­vi­si­ve con la sua gra­zia. Ka­te Spa­de un tem­po fa­ce­va la gior­na­li­sta di mo­da e si oc­cu­pa­va di ac­ces­so­ri. Un gior­no che sta­va rac­con­tan­do a suo ma­ri­to quan­to sul mer­ca­to man­cas­se un par­ti­co­la­re ti­po di bor­set­ta, lui le dis­se: «Di­se­gna­la tu» e Ka­te ci pro­vò. Si in­ven­tò una li­nea di bor­se co­lo­ra­tis­si­me, fa­ci­li, cu­ra­te, crean­do un marchio che di­ven­ne uno sta­tus sym­bol per le gio­va­ni ame­ri­ca­ne. Qual­che an­no fa lo ave­va ven­du­to per una for­tu­na per poi in­ven­tar­se­ne un al­tro al­tret­tan­to pro­met­ten­te. An­tho­ny Bour­dain non era so­lo uno chef e un ga­stro­no­mo ma un gran­de di­vul­ga­to­re: rac­con­ta­va la cu­ci­na dei Pae­si che vi­si­ta­va spie­gan­do sen­za ste­reo­ti­pi o pa­ter­na­li­smi il con­te­sto so­cia­le e cul­tu­ra­le da cui pro­ve­ni­va, con un’at­ten­zio­ne par­ti­co­la­re per le po­po­la­zio­ni di­scri­mi­na­te e sto­ri­ca­men­te op­pres­se. Per il suo pro­gram­ma te­le­vi­si­vo No Re­ser­va­tions ave­va in­vi­ta­to il pre­si­den­te Oba­ma in un pic­co­lo ri­sto­ran­te di Ha­noi con le se­die di pla­sti­ca spe­cia­liz­za­to in un so­lo piat­to, il Bún Cha, zup­pa di ma­ia­le. Oba­ma lo ha ri­cor­da­to con af­fet­to e am­mi­ra­zio­ne. Ono­ria­mo an­che noi di bei ri­cor­di le vi­te di quel­li che non ci so­no più, e di gen­ti­lez­za quel­le di chi ab­bia­mo in­tor­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.