AL­LA FI­NE SO­NO CRE­SCIU­TO AN­CH’IO

Pri­ma fa­ce­va so­lo com­me­die, do­po è di­ven­ta­to il «ba­star­do» per ec­cel­len­za del ci­ne­ma ita­lia­no, ades­so è la pe­co­ra ne­ra di una fa­mi­glia al­le­gra e di­sor­di­na­ta. Gian Mar­co Tognazzi ama met­ter­si al­la pro­va. Ma non ai for­nel­li, do­ve il pa­pà Ugo era mae­stro

Vanity Fair (Italy) - - Storie - di MA­RI­NA CAPPA foto LUISA CARCAVALE

Tem­po di chiac­chie­ra­ta: 70 mi­nu­ti. Quan­to ci vuo­le da Vel­le­tri – la te­nu­ta di fa­mi­glia che era di pa­pà Ugo e do­ve Gian Mar­co Tognazzi vi­ve con la mo­glie Valeria Pin­to­re e i fi­gli An­drea Vio­la e Tommaso Ugo, 11 an­ni e 5 – per rag­giun­ge­re gli stu­di ro­ma­ni in cui gi­re­rà per tut­ta l’esta­te Non ci re­sta che il cri­mi­ne di Mas­si­mi­lia­no Bru­no. Sul film, che ar­ri­ve­rà al ci­ne­ma il 10 gen­na­io, vi­ge il top se­cret. Fa fe­de so­lo la di­chia­ra­zio­ne del­lo sce­neg­gia­to­re, Ni­co­la Gua­glia­no­ne, che lo ha de­fi­ni­to «un in­cro­cio fra Ri­tor­no al fu­tu­ro e Ro­man­zo cri­mi­na­le». Nel Ro­man­zo cri­mi­na­le di Mi­che­le Pla­ci­do lei ave­va una par­te mol­to oscu­ra, trait d’union fra Sta­to e ma­fia. Tor­na cat­ti­vo? «Nel film non pos­so dir­lo, nel­la vi­ta so­no fin trop­po buo­no, tan­to che da pic­co­lo il mio so­pran­no­me era Pol­lo. Poi, ado­le­scen­te, ho fat­to qual­che caz­za­ta, ma nien­te di gra­ve». Quan­do è usci­to A ca­sa tut­ti be­ne di Ga­brie­le Muc­ci­no, per il qua­le l’in­te­ro ca­st ha ap­pe­na vin­to il Na­stro d’ar­gen­to col­let­ti­vo, ha spie­ga­to che il suo per­so­nag­gio di Ric­car­di­no – il «di­sgra­zia­to» di fa­mi­glia – ave­va di­ver­se af­fi­ni­tà con lei da ra­gaz­zo.

«Era il mio bi­so­gno di far­mi ve­de­re da un pa­dre che c’era a spraz­zi, cir­con­da­to da un mon­do in­va­si­vo. Da ti­mi­do, fa­ce­vo il clo­wn per ave­re at­ten­zio­ne. Ero eccessivo, cialtronesco, fuo­ri luo­go co­me Ric­car­di­no. Men­tre og­gi ho una vi­ta pri­va­ta mol­to ri­ser­va­ta». E suo pa­dre al­lo­ra co­me rea­gi­va? «Fa­ce­va­mo insieme si­pa­riet­ti: io la spal­la, lui il co­mi­co che mi riem­pi­va di cri­ti­che e sfot­tò. Ma è una co­sa ge­ne­ti­ca, che si tra­man­da di Tognazzi in Tognazzi». An­che ai suoi fi­gli? «Si ve­de che han­no l’in­do­le Tognazzi, an­che se An­drea è me­no esi­bi­zio­ni­sta: ha una gran­de pas­sio­ne per la dan­za clas­si­ca e que­sto chie­de una for­te au­to­di­sci­pli­na». Men­tre con Tommaso di­vi­de la pas­sio­ne per il cal­cio. «Per il Mi­lan. La pri­ma par­ti­ta che ab­bia­mo vi­sto insieme è sta­ta Mi­lan-Bo­lo­gna, la stes­sa del­la mia pri­ma vol­ta al­lo sta­dio con Ugo. In ogni ca­so io ho una mia teo­ria: pra­ti­ca­re sport fa ma­lis­si­mo, men­tre fa be­ne guar­dar­lo». C’è qual­che er­ro­re di suo pa­dre che si è ri­pro­mes­so di non com­met­te­re con i fi­gli? «No. Da pic­co­lo vo­le­vo più at­ten­zio­ni, ma ho ca­pi­to che era già un mi­ra­co­lo che riu­scis­se a ge­sti­re tut­to. Og­gi ho le sue stes­se dif­fi­col­tà. E poi Ugo ave­va un gran­dis­si­mo rap­por­to con i bam­bi­ni, era lui stes­so bam­bi­no: è la chia­ve dell’in­ge­nui­tà e spon­ta­nei­tà che l’at­to­re de­ve man­te­ne­re, sen­za le ma­sche­re che met­tia­mo su da adul­ti. Da gran­de, ho ri­sco­per­to mio pa­dre, so­no il suo ar­chi­via­to­re: è la con­ti­nua­zio­ne del­la spe­cie». Il no­me Gian Mar­co è l’in­cro­cio di quel­lo dei suoi pa­dri­ni Gian Lui­gi Ron­di e Mar­co Fer­re­ri, ma il suo so­pran­no­me è Gim­bo: per­ché? «Vie­ne da due film di Giu­lio Base de­gli an­ni ’90, do­ve ero un adul­to con la te­sta da bam­bi­no, e se la se­rie fos­se con­ti­nua­ta sa­rei cre­sciu­to fi­si­ca­men­te ma re­gre­di­to men­tal­men­te. Pas­sa­re da Pol­lo a Gim­bo è sta­to il mo­do per da­re la di­men­sio­ne di co­me so­no, se­rio ma an­che un po’ caz­zo­ne». Un «caz­zo­ne» con i baf­fi. «Li ten­go per il film. Ma io non ho un gran­de rap­por­to con lo spec­chio, non mi guar­do. Ho sco­per­to in un’in­ter­vi­sta che an­che Ugo non si spec­chia­va mai, non si pia­ce­va». A 50 an­ni, lei co­mun­que è mol­to in for­ma. «Per­ché amo be­re il mio vi­no del­la To­gnaz­za. È un’al­tra del­le mie teo­rie, co­me quel­la che il ses­so non si fa più, a me­no di ci­men­tar­si nel­le po­si­zio­ni nuo­ve che ho in­ven­ta­to». Per esem­pio? «La Pen­to­lac­cia: è mol­to ru­de e ci vuo­le il pa­io­lo per la po­len­ta. Poi c’è l’Al­ta­le­na mes­si­ca­na, lo Sfa­scia­ca­pri­smo...». A Valeria piac­cio­no? «Sa che è un gran­de caz­zeg­gio. E che non mi con­vie­ne far­le sul se­rio: mi met­te­reb­be a ter­ra con una mos­sa di ka­ra­te». In Non ci re­sta che il cri­mi­ne lei ri­tro­va Ales­san­dro Gass­mann: a lun­go sie­te sta­ti una cop­pia ci­ne­ma­to­gra­fi­ca. «Ma sta­vol­ta sia­mo una dop­pia cop­pia: c’è an­che Gial­li­ni, con cui Ales­san­dro ha fat­to di­ver­si film». Da tan­to co­mun­que lei e Gass­mann, ami­ci fin da ra­gaz­zi co­me lo era­no i vo­stri pa­dri, Ugo e Vit­to­rio, non la­vo­ra­va­te insieme. «Non è di­pe­so da noi. In coda ai film con lui mi han­no chia­ma­to per Ro­man­zo cri­mi­na­le ed è sta­ta una op­por­tu­ni­tà im­por­tan­tis­si­ma. Pe­rò a quel pun­to il ci­ne­ma mi ha le­ga­to a lun­go all’idea che po­tes­si fa­re sol­tan­to i ba­star­di. Men­tre fi­no ad al­lo­ra mi di­ce­va­no che po­te­vo fa­re so­lo com­me­die. So­no cli­ché che io cer­co di scar­di­na­re. Il bel­lo dell’at­to­re è al­za­re l’asti­cel­la, se no ri­schi di ri­fa­re sem­pre la stes­sa co­sa».

Ma fuo­ri dal la­vo­ro lei fre­quen­ta al­tri at­to­ri? Suo pa­dre era fa­mo­so per le ce­ne che or­ga­niz­za­va. «Una vol­ta gli im­pe­gni si sa­pe­va­no con lar­go an­ti­ci­po, era più fa­ci­le in­con­trar­si. Og­gi è com­pli­ca­to, e non so­lo per­ché vi­vo a Vel­le­tri e mi met­to mol­to me­no di Ugo ai for­nel­li». A pro­po­si­to di for­nel­li: lei ha con­dot­to il ta­lent ga­stro­no­mi­co Chop­ped Ita­lia. «E spe­ro di ri­pren­der­lo. Mi so­no di­ver­ti­to mol­tis­si­mo, mi ha fat­to ri­cor­da­re tan­te co­se del mio rap­por­to con Ugo, il fat­to che so­no tor­na­to in cam­pa­gna per riap­pro­priar­mi dell’in­fan­zia le­ga­ta al ci­bo e al­la ter­ra». Ma lei mi sa che non è un gran cuo­co. «Io sa­rei un gran cuo­co ma, co­me a scuo­la, non mi ap­pli­co. Mi con­cen­tro più sul­la vi­gna. Ab­bia­mo ap­pe­na pre­sen­ta­to la pri­ma bot­ti­glia di vi­no al mon­do in car­bo­nio. Poi, c’è la ge­stio­ne del­la ca­sa mu­seo di Ugo, le se­ra­te che or­ga­niz­zia­mo con Gli ami­ci di Ugo, gli in­con­tri di cul­tu­ra e vi­no... la cu­ci­na ha bi­so­gno del suo tem­po, non puoi sta­re ai for­nel­li a 200 all’ora». Ma rie­sce a star die­tro a tut­to? «Ho do­vu­to ri­nun­cia­re a mol­te pro­po­ste. Mi è spia­ciu­to so­prat­tut­to di­re no a Leo­nar­do Pie­rac­cio­ni: ave­va­mo co­min­cia­to insieme, ai tem­pi dei Lau­rea­ti, è sta­to un pe­rio­do bel­lis­si­mo».

«ERO ECCESSIVO, CIALTRONESCO, UN PA­GLIAC­CIO. OG­GI SO­NO RI­SER­VA­TO»

RI­TOR­NO AL SET Gian Mar­co Tognazzi, 50 an­ni, do­po il film in­di­pen­den­te sar­do Pio­ve de­ser­to, ades­so sta gi­ran­do a Ro­ma Non ci re­sta che il cri­mi­ne di Mas­si­mi­lia­no Bru­no.

TUT­TI VIN­CI­TO­RI Il ca­st di A ca­sa tut­ti be­ne di Ga­brie­le Muc­ci­no (nel­la foto, con Gian Mar­co, Giu­lia Mi­che­li­ni, 33 an­ni, e Sa­bri­na Im­pac­cia­to­re, 50) vin­ci­to­re di un Na­stro d’ar­gen­to col­let­ti­vo. I Na­stri sa­ran­no as­se­gna­ti a Taor­mi­na il 30 giu­gno.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.