Dia­mo i nu­me­ri

Die­tro al­le crea­zio­ni del­la sti­li­sta GABRIELLA CORTESE ci so­no emo­zio­ni de­bor­dan­ti. Sot­to, una lo­gi­ca arit­me­ti­ca, che la spin­ge a con­ta­re e mol­ti­pli­ca­re le co­se che in­con­tra sul suo cam­mi­no

Vanity Fair (Italy) - - Living - di ANNAMARIA SBISÀ

Si viag­gia si­cu­ri, so­spe­si sul­le cor­ren­ti di pas­sio­ni e fan­ta­sie, con un buon con­trol­lo a ter­ra. Leg­gi una lo­gi­ca di base, per­ché il do­no del­la crea­ti­vi­tà non ba­sta: «È mol­to com­pli­ca­to vi­ve­re sen­za la ra­gio­ne, nel­la quo­ti­dia­ni­tà». Quel­la di cui par­la Gabriella Cortese è una quo­ti­dia­ni­tà do­mi­ci­lia­ta a Pa­ri­gi e fa­sci­no­sa­men­te so­spe­sa tra Orien­te e Oc­ci­den­te, co­me l’este­ti­ca del suo marchio An­tik Ba­tik, fir­ma­to da stam­pe e ri­ca­mi d’al­to ar­ti­gia­na­to che pren­do­no la for­ma di un’eso­ti­ca at­tua­li­tà, di col­le­zio­ne in col­le­zio­ne. È so­spe­sa, tra ap­par­ta­men­to e bou­ti­que, la nuo­va se­de pa­ri­gi­na nel quar­tie­re Ma­rais, al mo­men­to com­po­sta dal sus­se­guir­si di due sce­na­ri, una giun­gla sti­liz­za­ta da ele­men­ti in ot­to­ne su pa­vi­men­to in ce­men­to, a se­gui­re l’ip­no­ti­ca ca­me­ra bou­doir con tap­pez­ze­ria flo­rea­le. Un ate­lier che cam­bie­rà con le sta­gio­ni, a ogni ispi­ra­zio­ne la sua de­co­ra­zio­ne, per cui og­gi lo sguar­do si fer­ma sul­le ro­se an­ti­che sti­liz­za­te del­la pre-col­le­zio­ne, che to­ta­liz­za­no le pa­re­ti: «Par­to sem­pre da un’idea. Quan­do ar­ri­va, ca­pi­sco che è quel­la: “la goccia che fi­ni­sce per fa­re il bu­co”». Quel­la che ha fat­to il pri­mo bu­co, den­tro di lei, è l’amo­re per le più re­mo­te ma­nua­li­tà, pa­tri­mo­ni di sa­pien­za so­prav­vis­su­ti ne­gli an­go­li del mon­do, che da 27 an­ni Gabriella Cortese cer­ca e col­ti­va, in un cir­cui­to di col­la­bo­ra­zio­ni che han­no pre­so la for­ma del­la sua mo­da. Un guar­da­ro­ba che mi­schia me­mo­rie di viag­gio e d’in­fan­zia con i co­lo­ri di par­ty gio­va­ni e sca­te­na­ti, per ve­sti­re l’ele­gan­za dan­dy di una viag­gia­tri­ce di cit­tà: «An­tik Ba­tik è sta­to et­ni­co pri­ma an­co­ra di sa­per­lo». Sa­pe­va già, Gabriella Cortese, di es­se­re at­trat­ta da tom­bo­lo e te­lai, goc­ce che bu­ca­no il suo im­ma­gi­na­rio: «Tec­ni­che che scom­pa­ri­ran­no, pie­ne di ma­gia. Le ma­ni fan­no la dif­fe­ren­za, an­che nel­lo sti­le». Il suo è in bi­li­co tra an­ce­stra­le e con­tem­po­ra­neo, a sua vol­ta ispi­ra­to dal­le pro­por­zio­ni fi­ne Ses­san­ta-ini­zio Set­tan­ta, ele­gan­ti co­me sua mam­ma nei ri­cor­di di bam­bi­na, in un gi­ro del mon­do tra ri­ca­mi d’In­dia e ma­glie­ria del Pe­rù e via esplo­ran­do. Ma si di­ce­va pri­ma che per viag­gia­re si­cu­ri ci vuo­le una base, di no­me lo­gi­ca. La ma­te­ma­ti­ca non è mai sta­ta il suo for­te, ep­pu­re. È pro­prio al­zan­do gli oc­chi al cie­lo, pun­ta­ti co­me una cal­co­la­tri­ce tra le fi­ne­stre del­le cit­tà, fa­cen­do i con­ti di pia­ni e ve­tra­te, che Cortese ha tro­va­to il suo con­trol­lo. La cal­ma del ri­go­re, di un in­ces­san­te eser­ci­zio di mol­ti­pli­ca­zio­ni. Che fa ra­pi­da­men­te, se da un ta­xi ve­de una fac­cia­ta che al vo­lo de­ve sche­da­re, nu­me­ro di pia­ni, nu­me­ro di af­fac­ci, nel tem­po del se­ma­fo­ro. Al­tri­men­ti sen­za fret­ta, se da ca­sa (ri)con­ta le ve­tra­te del cor­ti­le, so­no 18 e lo sa­pe­va già, per­ché ri­far­lo? «Mi tran­quil­liz­za che sia­no sem­pre lì». Co­sa in­ve­ce la in­quie­ta? «So­no sem­pre sta­ta de­bor­dan­te. Con i sen­ti­men­ti a fior di pel­le l’im­ma­gi­na­rio cresce, an­sie e pau­re com­pre­se. Con una for­te emo­ti­vi­tà sei me­no an­co­ra­to, an­che se con la vi­ta adul­ta ho im­pa­ra­to a ge­sti­re tut­to». Da pic­co­la a tran­quil­liz­zar­la era­no dei pa­let­ti, che con­ta­va dal fi­ne­stri­no del­la mac­chi­na, lun­go la stra­da che da Torino la por­ta­va al mare in Li­gu­ria. Una vol­ta arrivata era­no 841, e quin­di? «Co­me la goccia che fa il bu­co, nel­la vi­ta ci vuo­le per­se­ve­ran­za». Fi­ne­stre o pa­let­ti, Gabriella co­mun­que con­ta: «È un mo­do per si­tuar­si nel­lo spa­zio». In real­tà si si­tua po­co: «Non rie­sco a sta­re fer­ma più di un me­se». Par­te, per la­vo­ro e per pen­sa­re da lon­ta­no, so­prat­tut­to per l’In­dia, do­ve non con­ta nes­su­na fi­ne­stra: «È tut­to co­sì di­ver­so, che mi sen­to a po­sto». L’eser­ci­zio dei nu­me­ri non ser­ve, nel re­gno a lei af­fi­ne del­la na­tu­ra­lez­za. Esem­pio: «Mai ma­te­ria­li ar­ti­fi­cia­li, il tes­su­to de­ve ave­re una sua vi­ta». La lo­gi­ca, nel­la vi­ta? «Cer­co di usar­la, ma an­che poi di non se­guir­la».

foto ELINA KECHICHEVA

Na­ta a Torino nel 1965, Gabriella Cortese si è tra­sfe­ri­ta a Pa­ri­gi quan­do ave­va 18 an­ni. Ado­ra l’In­dia, do­ve tro­va ispi­ra­zio­ne per le sue crea­zio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.