STO­RIE

Mam­ma mia! Ci ri­sia­mo con Pierce Brosnan. In cam­po la su­per­mo­del Na­ta­lia Vo­dia­no­va. Ra­mi Malek nel re­ma­ke di Pa­pil­lon. Al­ber­to Frez­za Ryan di Sta­tion 19. (FOTO), Ja­ke Gyl­le­n­haal, film e vi­ta da Oscar. L’evo­lu­zio­ne di Gian Mar­co Tognazzi. Man­ven­dra, il pri

Vanity Fair (Italy) - - Contents - di CEZAR GREIF foto NI­GEL PARRY

Tor­na al ci­ne­ma, con una sto­ria che ri­pren­de il mu­si­cal Mam­ma mia! («Ma sta­vol­ta can­to mol­to me­no»). D’al­tra par­te, l’at­to­re è abi­tua­to al­le «se­rie». Co­me quel­la di Ja­mes Bond, l’agente speciale per il qua­le pro­va «so­lo gra­ti­tu­di­ne». E che pe­rò non ri­fa­reb­be

Non im­por­ta che co­sa fac­cia (e di co­se ne fa mol­te: il 6 settembre lo ri­tro­ve­re­mo nel pre­quel/se­quel di Mam­ma mia!): Pierce Brosnan per il pub­bli­co sa­rà sem­pre co­lui che per quat­tro vol­te è sta­to Ja­mes Bond. La sua sto­ria pe­rò non si ri­du­ce al più fa­mo­so de­gli agen­ti se­gre­ti, è mol­to più den­sa. Na­to in Ir­lan­da, tra­sfe­ri­to­si in In­ghil­ter­ra e poi in Ca­li­for­nia, l’at­to­re – che og­gi vi­ve fra Ma­li­bu e Kauai, iso­la del­le Ha­waii – è un mix di ac­cen­ti e cul­tu­re. Con in do­te un biz­zar­ro sen­so dell’umo­ri­smo, che lo ha aiu­ta­to ad af­fron­ta­re even­ti ter­ri­bi­li co­me l’ab­ban­do­no del pa­dre quan­do era bam­bi­no e la mor­te del­la pri­ma mo­glie e del­la fi­glia, en­tram­be di can­cro. Ma Brosnan ha sem­pre tro­va­to con­for­to nel but­tar­si a ca­po­fit­to nel la­vo­ro, co­me at­to­re e an­che co­me pro­dut­to­re. La sua Iri­sh Drea­mTi­me ha pro­dot­to film che lui ha in­ter­pre­ta­to, in­clu­si The Ma­ta­dor e Gioco a due, e la se­rie tv The Son, do­ve lui re­ci­ta nei pan­ni di un pa­triar­ca del sel­vag­gio We­st. In Mam­ma mia! Ci ri­sia­mo, do­ve si sco­pri­ran­no al­cu­ne co­se del pas­sa­to del­la pro­ta­go­ni­sta Me­ryl Streep, ri­pren­de la par­te del po­ten­zia­le pa­dre (con Co­lin Fir­th e Stel­lan Skar­sgård) di Aman­da Sey­fried. E se l’ori­gi­na­le di die­ci an­ni fa era un ve­ro mu­si­cal su pez­zi de­gli Ab­ba, sta­vol­ta in­ve­ce, as­si­cu­ra Brosnan, «non mi sen­ti­re­te can­ta­re tut­te quel­le can­zo­ni». In­tan­to, il pros­si­mo an­no a Pa­ri­gi, l’at­to­re pre­pa­ra an­che una mo­stra dei suoi qua­dri. A 65 an­ni, più im­pe­gna­to che mai, si pre­sen­ta con una fol­ta bar­ba, ed è ele­gan­tis­si­mo. «Lei che co­sa be­ve?», mi chie­de men­tre ci se­dia­mo in un pub di Au­stin, in Te­xas, do­ve sta gi­ran­do la sua se­rie. Mi pia­ce­reb­be or­di­na­re un Vo­d­ka Mar­ti­ni, ma non lo fac­cio.

Co­me ha ini­zia­to a re­ci­ta­re? «So­no sta­ti i film a far­me­ne ve­ni­re vo­glia. Da ra­gaz­zo mi so­no tra­sfe­ri­to a Lon­dra: ero un im­mi­gra­to ir­lan­de­se che cer­ca­va di in­te­grar­si. E ama­vo di­pin­ge­re, co­sa che fac­cio an­co­ra og­gi. Ave­vo una car­tel­let­ta di car­to­ne con den­tro i miei di­se­gni. Ho ri­me­dia­to un la­vo­ro in un pic­co­lo stu­dio, do­ve do­ve­vo di­se­gna­re un’in­fi­ni­tà di ri­ghe drit­te, pre­pa­ra­re il tè e an­naf­fia­re le pian­te. Poi un gior­no, mi so­no mes­so a par­la­re di ci­ne­ma con un ti­zio che la­vo­ra­va nel re­par­to fo­to­gra­fi­co. E lui mi ha det­to: “Do­vre­sti ve­ni­re all’Oval Hou­se”, un tea­tro a Sou­th Lon­don. So­no an­da­to, e da un gior­no all’al­tro so­no di­ven­ta­to un at­to­re». Che co­sa so­gna­va? «All’ini­zio vo­le­vo sem­pli­ce­men­te di­ven­ta­re un bra­vo at­to­re, poi un gran­de at­to­re, ma­gni­fi­co, bril­lan­te, me­ra­vi­glio­so! (ri­de) Ho fre­quen­ta­to una scuo­la di tea­tro, ho fat­to tea­tro di re­per­to­rio in In­ghil­ter­ra, nel We­st End... Ma vo­le­vo fa­re ci­ne­ma. Og­gi le mie am­bi­zio­ni so­no sem­pre le stes­se. Es­se­re un at­to­re mi­glio­re, crea­re qual­co­sa che sia so­lo mio. Cer­ca­re ogni tan­to di stu­pi­re gli al­tri. E di­pin­ge­re. For­se il pros­si­mo an­no fa­rò una mo­stra a Pa­ri­gi. Se so­no riu­sci­to a can­ta­re in Mam­ma mia!, al­lo­ra pos­so pu­re espor­re i miei di­pin­ti! Ma vo­glio an­che di­ver­tir­mi, go­der­mi la vi­ta». Chi è un «bra­vo at­to­re»? «Uno che ha tec­ni­ca e pas­sio­ne. Te­me­ra­rio, aper­to, vul­ne­ra­bi­le. Bi­so­gna lavorare con i mi­glio­ri, es­se­re umi­li, gra­ti del do­no che si ha. Quan­do re­ci­ta, un at­to­re de­ve ve­der­se­la con se stes­so: sei sem­pre lì che ti costruisci e ti di­strug­gi. E poi un bra­vo at­to­re sta­bi­li­sce un le­ga­me con il pub­bli­co, de­ve emo­zio­na­re». Lei usa una tec­ni­ca par­ti­co­la­re per en­tra­re nel per­so­nag­gio? «A scuo­la di re­ci­ta­zio­ne mi han­no in­se­gna­to il Me­to­do (con il Me­to­do Sta­ni­sla­v­skij l’at­to­re por­ta nel per­so­nag­gio trat­ti del­la pro­pria espe­rien­za in­ti­ma, ndr). Quan­do ho sco­per­to la re­ci­ta­zio­ne, so­no sta­to pro­fon­da­men­te in­fluen­za­to da Mar­lon Bran­do, da Mont­go­me­ry Clift. E an­che da Clint Ea­st­wood e Ste­ve McQueen. Tut­ta gen­te che sul­lo scher­mo crea­va un’au­ra ec­ci­tan­te. Il Me­to­do mi ha in­se­gna­to a es­se­re scru­po­lo­so, poi ar­ri­vi a un pun­to in cui sco­pri te stes­so, tro­vi il tuo ruo­lo, pro­vi a sta­bi­li­re un le­ga­me emo­ti­vo tra te e ogni sin­go­la sce­na. Co­sì cer­chi di en­tra­re in con­tat­to con te stes­so. Pro­vi a es­se­re au­ten­ti­co». Lei ha gi­ra­to The Fo­rei­gner con Jac­kie Chan: vi co­no­sce­va­te? «No. E an­che sul set non ab­bia­mo avu­to mo­do di co­no­scer­ci ve­ra­men­te: quan­do gi­ra­va lui, io non gi­ra­vo, e vi­ce­ver­sa. Ma so­no si­cu­ro che un gior­no o l’al­tro io e Jac­kie an­dre­mo fuo­ri insieme a met­te­re a fuo­co e fiam­me la cit­tà (ri­de)». Ha in­ter­pre­ta­to quat­tro vol­te Ja­mes Bond: co­me ha fat­to a non ri­pe­ter­si? «Mi so­no ri­pe­tu­to, ec­co­me. Mi è sta­to chie­sto pro­prio di ri­pe­ter­mi. Quan­do mi han­no da­to la par­te, 007 era fer­mo da sei an­ni e nes­su­no vo­le­va scom­met­te­re su di me, tut­ti du­bi­ta­va­no che po­tes­se fun­zio­na­re. Io ho cer­ca­to di non tra­di­re il per­so­nag­gio. Il mio Bond è sta­to in­fluen­za­to da Ro­ger Moo­re e da Sean Con­ne­ry». Che co­sa pro­va nel ve­de­re i nuo­vi Bond? «Per quel per­so­nag­gio pro­vo so­lo gra­ti­tu­di­ne. Mi ha per­mes­so di

«QUAN­DO MI HAN­NO DA­TO LA PAR­TE DI BOND NES­SU­NO CI CRE­DE­VA»

met­te­re in pie­di la mia ca­sa di pro­du­zio­ne. Cer­to, sa­pe­vo che a un cer­to pun­to il si­pa­rio si sa­reb­be chiu­so e sa­rei ri­ma­sto eti­chet­ta­to a vi­ta co­me Ja­mes Bond. Ma una vol­ta che sei lui, sei so­lo con­ten­to di es­ser­lo. So che quan­do gli han­no chie­sto di pren­de­re il mio po­sto, Da­niel Craig era ner­vo­sis­si­mo. Ci sia­mo vi­sti più di una vol­ta per par­lar­ne, ed era pre­oc­cu­pa­tis­si­mo: è un’enor­me re­spon­sa­bi­li­tà. Ma ha af­fron­ta­to la co­sa in mo­do in­cre­di­bi­le e al­la fi­ne ha fat­to uno splen­di­do 007». Har­ri­son Ford è tor­na­to a in­ter­pre­ta­re Guer­re stel­la­ri. Se le ve­nis­se chie­sto, lei tor­ne­reb­be a fa­re Ja­mes Bond? «Mi sem­bra mol­to im­pro­ba­bi­le. Ades­so è nel­le ma­ni di qual­cun al­tro». Quan­do sce­glie di pro­dur­re o in­ter­pre­ta­re un film, si sen­te con­di­zio­na­to da co­me è cam­bia­to il pub­bli­co? «Fac­cio una vi­ta sem­pli­ce, sia co­me at­to­re che co­me uo­mo e pa­dre. Un tem­po sa­pe­vo co­sa suc­ce­de­va nell’am­bien­te del ci­ne­ma, co­no­sce­vo chi di­ri­ge­va gli stu­di, ma ades­so è im­pos­si­bi­le ca­pi­re co­sa suc­ce­de. Mi li­mi­to a pas­sa­re da un pro­get­to all’al­tro. A fa­re co­se che mi per­met­ta­no di an­da­re avan­ti, e che non sia­no trop­po di­stan­ti da me. Il ci­ne­ma sta at­tra­ver­san­do un mo­men­to elet­triz­zan­te, hai tut­to a por­ta­ta di ma­no. Con un iP­ho­ne hai il mon­do sul­la pun­ta del­le di­ta! Gli smart­pho­ne so­no di­ven­ta­ti la tua uni­ver­si­tà, den­tro ci tro­vi sto­rie e con­te­nu­ti. Le sa­le stan­no chiu­den­do una do­po l’al­tra. Ma si pro­du­ce a un rit­mo più ve­lo­ce, e gli stu­di fan­no film da­gli in­cas­si co­los­sa­li». Può dir­ci qual­co­sa del­la sua nuo­va se­rie tv, Son? «È un mo­men­to fer­ti­le per la te­le­vi­sio­ne, an­che per­ché il ci­ne­ma è in cri­si, vi­sto che la gen­te può guar­da­re i film a ca­sa. Da un po’ di an­ni vo­le­vo fa­re una se­rie, un’idea che ave­vo avu­to con Beau St. Clair, la mia so­cia scom­par­sa un pa­io di an­ni fa. E co­sì è sal­ta­to fuo­ri The Son. Ades­so gi­ria­mo la se­con­da sta­gio­ne: la se­rie è pro­prio ben fat­ta, con un ca­st di gio­va­ni at­to­ri straor­di­na­ri. Io in­ter­pre­to il Co­lon­nel­lo, un uo­mo di una cer­ta età». Lei è an­che im­pe­gna­to a fa­vo­re dell’am­bien­te, e so­stie­ne pub­bli­ca­men­te i di­rit­ti de­gli ani­ma­li. Co­me ve­de il rap­por­to fra po­li­ti­ca e cit­ta­di­ni, ne­gli Sta­ti Uni­ti di og­gi? «Qui in Ame­ri­ca, cre­do che tut­ti do­vreb­be­ro sta­bi­li­re un le­ga­me for­te con la pro­pria co­mu­ni­tà. Ini­zia tut­to da lì, dal­la fa­mi­glia e dal­la ca­sa. Se ami la tua fa­mi­glia, se ami i tuoi fi­gli e vuoi che ab­bia­no la mi­glio­re edu­ca­zio­ne pos­si­bi­le, che cre­sca­no nel­le mi­glio­ri con­di­zio­ni am­bien­ta­li, al­lo­ra fai be­ne a te­ner d’oc­chio il lea­der po­li­ti­co a ca­po del­la tua co­mu­ni­tà. Ed è me­glio se esprimi ad al­ta voce la tua opi­nio­ne. Og­gi in Ame­ri­ca c’è un cer­to squi­li­brio all’in­ter­no del Pae­se, e la­scia sgo­men­ti. Vi­vo qui da tren­ta­cin­que an­ni, so­no cit­ta­di­no ame­ri­ca­no, qui ho mo­glie e fi­gli. So­no cre­sciu­to in cam­pa­gna. Quel­lo che sta suc­ce­den­do ai no­stri fiu­mi e ocea­ni, la de­fo­re­sta­zio­ne del­la Ter­ra: so­no tut­te co­se che mi spez­za­no il cuo­re. Se vuoi dav­ve­ro vi­ve­re in un mon­do mi­glio­re, al­lo­ra de­vi ini­zia­re a par­te­ci­pa­re at­ti­va­men­te a quel­lo che ac­ca­de in­tor­no». Cre­de che l’in­du­stria del ci­ne­ma deb­ba pro­va­re a rac­con­ta­re il cli­ma po­li­ti­co di og­gi? «Sì. Al­la fi­ne se il ci­ne­ma esi­ste, è per in­trat­te­ne­re e ren­de­re più ric­che le vi­te del­le per­so­ne. I film so­no co­me uno spec­chio del­la vi­ta, in cui la gen­te ha la pos­si­bi­li­tà di iden­ti­fi­car­si in mo­do po­si­ti­vo. All’in­ter­no di tut­to que­sto, puoi espri­mer­ti po­li­ti­ca­men­te. A vol­te po­tran­no cen­su­rar­ti, e a far­lo sa­ran­no pro­prio quel­li che do­vreb­be­ro pren­der­si cu­ra di te o che so­no in una po­si­zio­ne di po­te­re. Gli ar­ti­sti so­no sem­pre i pri­mi a es­se­re cen­su­ra­ti, ma de­vo­no tro­va­re un mo­do per espri­me­re co­mun­que il lo­ro pun­to di vi­sta». Ha al­tri pro­get­ti? «Io e Mar­tin Cam­p­bell ab­bia­mo de­ci­so di fa­re un film che si chia­me­rà Di là dal fiu­me e tra gli al­be­ri, dal ro­man­zo di He­ming­way. Con mia mo­glie (Kee­ly Shaye Smi­th, ndr) ho in­ve­ce ap­pe­na pro­dot­to un bel do­cu­men­ta­rio che si chia­ma Poi­so­ning Pa­ra­di­se, sui pe­sti­ci­di e gli ogm nel­la no­stra iso­la di Kauai. E fa­re­mo un al­tro do­cu­men­ta­rio ba­sa­to sul li­bro Girls Li­ke Us, che rac­con­ta le sto­rie di Ca­ro­le King, Jo­ni Mit­chell e Car­ly Si­mon». The

«AMI LA TUA FA­MI­GLIA? PARTECIPA, ESPRIMI LE TUE OPI­NIO­NI»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.