Per un pu­gno di ci­bo

Vanity Fair (Italy) - - Show - lu­ca ven­tu­ra

È il 1997. Il neo­lau­rea­to Mi­chael Sous­san ot­tie­ne il la­vo­ro dei suoi so­gni all’Onu: aiu­ta­re a coor­di­na­re il pro­gram­ma Oil for Food, crea­to per al­le­via­re l’im­pat­to del­le san­zio­ni eco­no­mi­che sul­la po­po­la­zio­ne ira­che­na do­po l’in­va­sio­ne del Ku­wait da par­te di Sad­dam Hus­sein. Sco­pri­rà un la­bi­rin­to di cor­ru­zio­ne che ha rac­con­ta­to in un li­bro, Back­stab­bing for Be­gin­ners, da cui ora è sta­to trat­to il film Gio­chi di po­te­re (nel­le sa­le dall’11 lu­glio), con Theo Ja­mes (so­pra). «Il pia­no pre­ve­de­va che la co­mu­ni­tà in­ter­na­zio­na­le so­vrin­ten­des­se al­la ven­di­ta del pe­tro­lio ira­che­no e usas­se i ri­ca­vi per prov­ve­de­re ai bi­so­gni dei ci­vi­li», di­ce Sous­san. «Mol­ti di quei sol­di, pe­rò, so­no an­da­ti in tan­gen­ti: co­sì la gen­te ri­ce­ve­va ci­bo che sa­pe­va di pap­pa per ca­ni, le me­di­ci­ne era­no sca­du­te». Lo scan­da­lo scop­pia nel 2004. Sous­san, che in­tan­to ave­va la­scia­to l’Onu, è in pri­ma fi­la nel chie­de­re un’in­chie­sta: «Ne è emer­so il pri­mo qua­dro det­ta­glia­to di co­me fun­zio­na la cor­ru­zio­ne su sca­la glo­ba­le. Tol­le­ria­mo cer­ti il­le­ci­ti per­ché non ca­pia­mo che pro­du­co­no estre­mi­smi, guer­re e mas­se di ri­fu­gia­ti, ma fa­cen­do fin­ta di nul­la non fac­cia­mo che in­vi­ta­re la vio­len­za e l’in­sta­bi­li­tà a ca­sa no­stra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.