EU­GE­NIA, PRE­SI­DE SAL­VA STU­DEN­TI

Vanity Fair (Italy) - - Next - DA­RIA BI­GNAR­DI

Quan­do han­no vi­sto su Rai3 la pun­ta­ta di Do­me­ni­co Ian­na­co­ne de­di­ca­ta a quel che Eu­ge­nia Car­fo­ra ha fat­to e con­ti­nua a fa­re per la scuo­la, i suoi fi­gli le han­no te­le­fo­na­to per dir­le che la per­do­na­va­no per tut­te le vol­te che non c’era sta­ta. D’al­tron­de, se di fi­gli ne hai mi­glia­ia ci sta che qual­che vol­ta non gli pre­pa­ri la ce­na o la co­la­zio­ne, ed Eu­ge­nia Car­fo­ra gli stu­den­ti li ve­de tut­ti co­me fi­gli suoi. An­che per­ché Car­fo­ra fa la pre­si­de in un po­sto do­ve la prio­ri­tà non so­no i me­to­di sco­la­sti­ci o le la­va­gne elet­tro­ni­che, ma che i ra­gaz­zi a scuo­la ci en­tri­no fi­si­ca­men­te. At­tor­no al Mo­ra­no – isti­tu­to tec­ni­co con clas­si di agra­ria, mec­ca­ni­ca e al­ber­ghie­ro – c’è Cai­va­no, nuo­va Scam­pia di 37 mi­la abi­tan­ti al con­fi­ne nord di Na­po­li, fa­mo­sa per il «Par­co Ver­de», cen­tro di spac­cio e ghet­to cri­mi­na­le sen­za leg­ge. È per que­sto che è co­sì im­por­tan­te che i ra­gaz­zi non re­sti­no in stra­da. La pre­si­de lo sa tan­to be­ne che va let­te­ral­men­te in stra­da e nei bar, a cer­car­li per con­vin­cer­li a en­tra­re in clas­se. «Non so­lo a stu­dia­re ma an­che a dor­mi­re, ri­las­sar­si, pen­sa­re, a evi­ta­re che si per­da­no là fuo­ri», di­ce. «E poi una vol­ta che so­no qui al si­cu­ro cer­co di far­gli ca­pi­re l’im­por­tan­za del­le re­go­le, e che ogni azio­ne ha una con­se­guen­za: ar­ri­vi in ri­tar­do, chia­mo la fa­mi­glia; non hai con­se­gna­to il cel­lu­la­re, ve­nia­mo a chie­der­te­lo». Lei li ter­reb­be a scuo­la tut­to il gior­no, per evi­ta­re che si per­da­no là fuo­ri. Quan­do Car­fo­ra è ar­ri­va­ta al Mo­ra­no le au­le, in­ve­ce che da­gli stu­den­ti, era­no oc­cu­pa­te dal­la fa­mi­glia di uno dei cu­sto­di, che ci ave­va fat­to ca­sa sua, «e c’era pu­re una tin­to­ria». Era una scuo­la di­sa­stra­ta ma omo­lo­ga­ta al ter­ri­to­rio. Ora è un por­to fran­co. «Quan­do so­no ar­ri­va­ta sei an­ni fa gli stu­den­ti era­no 719, ma in real­tà i ve­ri iscrit­ti era­no la me­tà: c’era­no ra­gaz­zi che ve­ni­va­no re­iscrit­ti da an­ni so­lo per ave­re un or­ga­ni­co gon­fia­to. Di que­sti 380, al­me­no 90 li ab­bia­mo per­si per stra­da. Non ven­go­no più, ed è il mio gran­de do­lo­re». Per­ché a Cai­va­no fuo­ri dal­la scuo­la le op­por­tu­ni­tà por­ta­no tut­te più o me­no nel­la stes­sa di­re­zio­ne. «Qui ci vor­reb­be­ro i pro­fes­so­ri mi­glio­ri d’Ita­lia, i più mo­ti­va­ti. In­ve­ce, spes­so ar­ri­va­no per­so­ne che non rie­sco­no a reg­ge­re que­sto am­bien­te e non ve­do­no l’ora di an­dar­se­ne», di­ce Car­fo­ra. In The Ga­me di Ales­san­dro Ba­ric­co cre­de­vo di aver let­to – co­me al so­li­to in quel che scri­ve Ales­san­dro Ba­ric­co – le co­se più esau­sti­ve e in­tel­li­gen­ti a pro­po­si­to del­la scuo­la di og­gi, ov­ve­ro che «la scuo­la non pre­pa­ra al Ga­me, non al­le­na le ca­pa­ci­tà uti­li a vi­ve­re nel Ga­me, non aiu­ta i me­no adat­ti ad abi­ta­re il Ga­me. A es­se­re ge­ne­ro­si, le isti­tu­zio­ni pre­pa­ra­no a vi­ve­re in un bril­lan­te mon­do no­ve­cen­te­sco po­st-bel­li­co e de­mo­cra­ti­co: non cer­to nel Ga­me. E al­lo­ra ini­zia­te a ca­pi­re per­ché co­sì tan­ta gen­te, og­gi, sia in dif­fi­col­tà e (...) il pro­ble­ma sia la fis­si­tà, le strut­tu­re per­ma­nen­ti, la scan­sio­ne no­ve­cen­te­sca dei tem­pi, de­gli spa­zi e del­le per­so­ne. Ma­ga­ri an­drà avan­ti co­sì an­co­ra per de­cen­ni: ma cer­to il gior­no in cui a qual­cu­no ver­rà in men­te di rin­no­va­re un po’ i lo­ca­li, le pri­me co­se che an­dran­no al ma­ce­ro, drit­te drit­te, sa­ran­no la clas­se, la ma­te­ria, l’in­se­gnan­te di una ma­te­ria, l’an­no sco­la­sti­co, l’esa­me. Strut­tu­re mo­no­li­ti­che che van­no con­tro ogni in­cli­na­zio­ne del Ga­me». Lad­do­ve (che ter­mi­ne no­ve­cen­te­sco!) il Ga­me, per chi non lo sa­pes­se an­co­ra, è la nuo­va real­tà tec­no­lo­gi­ca e di­gi­ta­le do­ve so­no cre­sciu­ti e vi­vo­no i mil­len­nial e vi­via­mo or­mai tut­ti noi più o me­no fe­li­ce­men­te. Ve­ris­si­mo e sa­cro­san­to. Ba­ric­co ha ra­gio­ne. Ma quan­do in­con­tri per­so­ne co­me la pre­si­de Eu­ge­nia Car­fo­ra e la scuo­la Mo­ra­no ca­pi­sci che se il No­ve­cen­to e le sue isti­tu­zio­ni – in at­te­sa di me­glio – re­si­sto­no an­co­ra per qual­che an­no for­se ci con­vie­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.